#OscarsSoWhite: perché quest’anno dovremmo interessarci agli Oscar

:
2 febbraio 2016

Da qualche giorno imperversa una discussione vivace sulla natura esclusivamente caucasica degli Oscar che, per un’usanza moderna vagamente irritante, ha già l’inevitabile hashtag: #OscarsSoWhite.
Al secondo anno di fila di nomination bianche Jade Pinkett-Smith ha indetto uno sciopero, a cui hanno aderito il marito e altri attori e registi incluso Spike Lee, il quale ha probabilmente colto la palla al balzo per evitare di farsi vedere troppo in giro dopo il suo tremendo ultimo film. Sono subito arrivate le critiche, sia di chi pensa che questo sciopero non sia l’arma migliore, sia di chi, come Charlotte Rampling, ritiene che questo atteggiamento sia “razzista verso i bianchi”. Una sparata infelice, particolarmente inopportuna nell’anno di Black Lives Matter, che è finita in prima pagina del the Guardian e che è stata prontamente rettificata dalla stessa attrice britannica:

I regret that my comments could have been misinterpreted. I simply meant to say that in an ideal world every performance will be given equal opportunities for consideration. Diversity in our industry is an important issue that needs to be addressed

(Mi dispiace che le mie dichiarazioni siano state fraintese. Volevo semplicemente dire che in un mondo ideale ogni performance riceverà pari opportunità e considerazione. La diversità nella nostra industria è un problema importante che deve essere affrontato.)

La questione dei frivoli premi Oscar non è che la punta dell’iceberg di un problema molto più serio e profondo che non può essere risolto solo con interventi numerici di rattoppo. Per il 2020 è stato infatti promesso un raddoppio del numero di donne e minoranze etniche fra i membri dell’Academy, un organismo di oltre sei mila votanti la cui maggior parte sono uomini bianchi over-50.
Molto bene, creare una base voti un po’ più etereogenea è un buon inizio, ma se sarà l’unica soluzione allora non sarà che un riflesso della nozione grossolana che i bianchi voteranno i bianchi e i neri voteranno i neri.

I membri votanti degli oscar. Clicca per vedere le statistiche complete
I membri votanti degli Oscar. Clicca l’immagine per vedere le statistiche complete

Quello che serve è un intervento più profondo, che renda il cinema – anche e soprattutto quello hollywoodiano – effettivamente rappresentativo del mondo dove viviamo. Infatti, spiega il regista britannico Steve McQueen, questo non è solo un problema di donne, di afro-americani o di qualsiasi altro gruppo minoritario bistrattato, ma è un problema dell’intera società perché è un sistema che fa torto a tutti.

Servono storie che parlino della realtà in cui viviamo, eterogenea ed in evoluzione. Servono quindi anche personaggi che non siano neri solo per forza di copione per cui spesso, anche nei casi più sublimi, vanno a definire una caratterizzazione stereotipata dell’attore di colore come schiavo in rivolta o gangster di città.

Statistiche su composizione etnica agli oscar
Statistiche etniche degli Oscar

Parlare di cinema hollywoodiano sembra una perdita di tempo ma, per quanto ci possano piacere i film indipendenti, sono i blockbusters che raggiungono le masse, e che quindi hanno maggiore impatto sulla società. E gli Academy Awards di quest’anno, una baracconata di cattivo gusto dove l’industria del cinema americana si auto consegna dei premi in una serata di sfarzo e champagne, possono servire a qualcosa di utile. Questa occasione mondana ha scoperchiato un problema reale, non molto distante dalla nostra situazione in cui ci si fa belli parlando delle quote rosa (nome già per sé orribile) ma poi se un ministro è donna partono le solite battute maliziose da Bagaglino, e appena uno prova a suggerire che gli assorbenti sono un bene di necessità viene sfottuto in coro come fossimo all’ora buca in terza media.

Ora non ci resta che vedere se qualcosa cambierà o se sarà stata la solita occasione per farsi della pubblicità e sollevare un po’ di polverone negli occhi per distrarci dal vero problema e dimenticarcene fino a gennaio dell’anno prossimo.

Best white Guy, parodia SNL
La parodia degli Oscar a Saturday Night Live

I dati e le figure statistiche sono state prese da:
http://www.telegraph.co.uk/film/movie-news/oscars-academy-race-row-boycott/
http://www.economist.com/blogs/prospero/2016/01/film-and-race

TAG: #OscarsSoWhite, notte degli Oscar
CAT: Cinema, discriminazioni

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...