Perché per gli avvocati è “inaccettabile” la riforma Orlando

:
10 aprile 2017

Aule vuote non per la Pasqua anticipata ma perché gli avvocati milanesi stanno aderendo in massa all’astensione contro alcuni punti ritenuti “inaccettabili” della riforma firmata dal Guardasigilli Andrea Orlando col quale, finora, c’era stata grande sintonia. Domani, la Camera Penale ha organizzato il primo flash mob in toga che si ricordi, a memoria, tra i marmi del Piacentini. Obiettivo: far arrivare ai cittadini le ragioni del dissenso in modo semplice e immediato.

PRESCRIZIONE LUNGA E PROCESSI ETERNI

Si dice spesso che col loro cavillare gli avvocati allunghino i processi. “Ma non è così – spiega il presidente della Camera Penale, Monica Gambirasio – tant’è vero che  protestiamo contro l’allungamento della sospensione dei termini della prescrizione”. Il codice riscritto prevede processi più lunghi per 3 anni. “Il decorso del tempo si verifica oggi, nella maggior parte dei casi, per l’inerzia dei pm nelle indagini preliminari. L’esito di un giudizio dilatato accrescerà la sfiducia dei cittadini nel funzionamento della giustizia per cercare di andare incontro all’esigenza della certezza della pena. Noi chiediamo che il processo venga celebrato in tempi ragionevoli ma nel rispetto delle garanzie per gli imputati”.

NO AI PROCESSI IN VIDEOCONFERENZA

Ora i detenuti vengono trasportati dalle carceri nelle aule dei processi per assistere ai procedimenti che li riguardano, salvo casi estremi previsti dalla legge di terrorismo o criminalità organizzata. “Con la riforma invece – puntualizza Gambirasio – si lascerebbe ai giudici ampia discrezionalità sulla partecipazione a distanza dei detenuti, anche per reati meno gravi. Il tutto peraltro a ‘costo zero’ nel senso che la riforma non prevede una copertura finanziaria per installare gli apparati”. Ma perché allontanare i detenuti dalle aule è pericoloso? “Siamo di fronte a una mortificazione del diritto delle difesa:  un contro è avere il proprio assistito in aula, con la possibilità di parlare con lui e concordare stategie, un altro è difenderlo in video – collegamento”.

UNA RIFORMA A COLPI DI FIDUCIA

Per la Camera Penale è “criticabile” anche la scelta di proporre il voto di fiducia per l’approvazione del disegno di legge” perché la riscrittura di pezzi del codice penale e di procedura penale non può avvenire attraverso “la soppressione del dibattito parlamentare”. “In ogni caso – conclude Gambirasio – questa non è una riforma organica, con un’idea complessiva della giustizia. Salvo poche eccezioni, il Ddl Orlando appare difficile da condividere”.

Manuela D’Alessandro

TAG: #milano, andrea orlando, Camera Penale, giustizia, milano, riforma
CAT: Milano

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. rakesh23 3 mesi fa
    I know it hards to decide that we can get or not more followers on the instagram by keep posting but I guess this http://trueinstafollowers.com/ really makes me get free instagram followers.
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...