Ecco i Gospel e la loro rivalsa con l’album d’esordio

:
17 marzo 2017

“Orfano di madre e di consigli accendo ceri a dei e divinità non fa poi così male crescere basta non ledere la più intima integrità chissà poi come si fa”, cantano i Gospel in Fango e Terra, sesto di dieci brani dell’album (che porta lo stesso nome della band) di esordio.

A poche ore dal debutto live della band varesina, in apertura al concerto dei Management del Dolore Post Operatorio, al Circolo Magnolia di Milano, la sensazione è quella che i Gospel siano proprio cresciuti.

Di sicuro si sono evoluti. Lorenzo Balice (chitarra, voce), Andrea Roncari (batteria) e Stefano Dal Lago (basso, cori) hanno accolto Riccardo Ligorio (tastiere, chitarra, cori) all’interno del gruppo, cambiato nome (una volta erano Il Tè degli Orsi), si sono affidati alla produzione dell’amico Marco Ulcigrai (frontman de Il Triangolo, turnista per I Ministri e oggi chitarra in tour con Le Luci della Centrale Elettrica), hanno messo il loro lavoro nelle mani dell’etichetta Costello’s, cercando di compiere finalmente quel salto di qualità per il quale lavorano e studiano ormai da anni. Anni trascorsi in piccole salette prova sul Lago Maggiore, intorno a Luino, quel luogo di cui si è tanto discusso recentemente a causa di un paio di interviste ad alcuni comici originari del luinese e che è ricordato dai più per letterati del calibro di Piero Chiara e Vittorio Sereni, ma che per i Gospel «dà una spinta diversa a livello di ispirazione».

 

 

Gospel è un album composto da dieci canzoni serrate, dal sound blues e rock, con melodie a tratti soul, influenzate dai Black Keys, da Jack White, ma anche da Neil Young e dalla black music. Aggiungeteci riff potenti e chitarre fuzzate, tastiere anni ’70 (che vanno tanto di moda oggi ma regalano comunque maggiore stile ai pezzi), testi emotivi, viscerali, ed eccovi il progetto di una band che merita almeno un ascolto.

 

 

Il disco è dedicato ad Andrea Cajelli, il Cajo per gli amici, scomparso prematuramente all’inizio di quest’anno e fondatore dello studio di registrazione La Sauna a Varano Borghi (VA), da cui sono passati nomi della musica italiana, tra i quali Il Teatro degli Orrori, Dente, ma anche Il Triangolo, Thegiornalisti, gli Shakers e Marina Rei.

 

Per ascoltare l’album dei Gospel clicca qui 

(Foto di copertina di Raffaella Fidanza)

TAG: Gospel, Lago Maggiore, musica indipendente
CAT: Musica

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...