Andrea
Dusio

bio

Milanese, 1970, vive tra Roma e Milano. Ha scritto per Diario, Il Nuovo, Giudizio Universale, Il Giornale, Linkiesta, Pagina 99, Rockerilla. Collabora con le testate b2b del gruppo Tespi. Per Culture si occupa di progettazione e curatela di interventi nel settore cultura. Appassionato maniacale di ciclismo, atletica e sci, dal 1978 è ininterrottamente allenatore in [...] pectore della Beneamata, di cui compone e ricompone senza sosta la formazione ogni notte da mezzanotte all'alba

Altro Chiudi
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 25/01/2016

in: Nardella che a Firenze applica le idee della Lega è la linea del PD nazionale?

Abitando in una via dove in un anno hanno aperto otto minimarket indiani in trecento metri approvo cosa ha fatto Nardella, e lo approverei anche se il regolamento dicesse che per aprire un'attività bisogna essere alti un metro e ottanta. Non per il degrado in sé, ma perché non mi sono chiari i perimetri [...] entro cui si muovono queste realtà e ho l'impressione (impressione, non ho notizie fondate in tal senso) che operino come misteriosi gruppi d'acquisto in cui la liquidità ha provenienze boh e la rotazione delle merci logiche di racket. Le nostre città non hanno molto da guadagnare dalla moltiplicazione di queste attività, e se non sono un pericolo sociale diretto certamente rappresentano una minaccia per la tenuta (non parliamo d'integrità che tanto si è fottuta da vent'anni) del tessuto commerciale

Altro Chiudi
Pubblicato il 20/01/2016

in: L'antipatico, l'ovvio e lo sbagliato: SarriMancini e l'omofobia nel calcio

Buongiorno Tom, parlo della quarta ginnasio e dunque del primo anno del quinquennio del classico. A quell'epoca esisteva una convergenza tra Fronte della Gioventù e paninari, convergenza che appunto non era un'assimilazione, come l'episodio che ricordo dimostra. Ma al Beccaria c'era un gruppo di panozzi sanbabilini in un senso e nell'altro. Limitato nel numero ma [...] piuttosto deciso nelle azioni: ricordo lanci di uova durante le ore di assemblea studentesca in aula magna e altre azioni. Se ricordo bene nel 1985 si presentarono anche alle elezioni di istituto-e d'altronde si figuri, per dire che i tempi sono molto lontani, che il leader della componente cattolica vicina a Cl era Guido Meda, l'aedo delle gesta di Valentino Rossi...

Altro Chiudi
Pubblicato il 20/01/2016

in: L'antipatico, l'ovvio e lo sbagliato: SarriMancini e l'omofobia nel calcio

a me invece, che la curva dell'Inter l'ho frequentata solo un paio di volte perché antisemitismo e razzismo mi facevano orrore, questa storia ricorda un episodio dei tempi del liceo. In quarta ginnasio (dunque quando eravamo dei primini) avevo due compagni volponi che si mettevano alla finestra e facevano a gara a ciccava più lontano. [...] Prova e riprova, sputa e risputa, beccano in testa uno dei paninari più incazzusi di tutto il Beccaria, tale Moro, amico del temutissimo Vinciguerra, esponente di spicco del Fronte della Gioventù milanese. Moro sale al terzo piano, attacca uno dei due al muro. E quello coraggiosissimo indica che a ciccare è stato l'altro. E quello si prende uno schiaffone che lo fa girare come la porta dell'Hilton. Indignati per quell'atto fascista andiamo dai responsabili della sinistra del beccariota. Quelli più cazzuti, che nelle manifestazioni giocano ancora a fare il servizio d'ordine. Gli raccontiamo i fatti e loro decidono di prendere Moro tra il lusco e il brusco e regolare i conti. Il mattino dopo andiamo a chiedere com'è andata. "Moro? Ma no, Moro è a posto, ha il piumino Ciesse solo perché va a sciare, ci ha detto che è cossuttiano". Parafrasando: non è che con Sarri andiamo morbidi perché il passato operaio, le buone letture, gli attestati di fede comunista condizionano i giudizi? Il nostro è recidiva, perché è il tipico prodotto del calcio minore secondo cui il calcio non è uno sport da signorine. Maurizio Sarri è un uomo intelligente? Maurizio Sarri sino a prova contraria è uno dei tanti, per intelligenza, visione, capacità professionali, dentro fino al collo alla retorica dell'uomo di campo (alla retorica, non alla realtà). Roberto Mancini, l'antipatico, il sovrastimato, ha fondamentalmente un difetto: essere un fenomeno. A 17 anni esordiva in A come una delle più promesse del calcio italiano. E nella carriera si è confermato dei cinque maggiori giocatori italiani degli ultimi trent'anni. Da allenatore è il più titolato della serie A, l'unico con un collaudato profilo internazionale. Paga le pashmine e i capelli lunghi, che nel mondo virile del calcio (e non solo, fatevelo dire da uno cui riccioli e sciarpette hanno sempre zavorrato il curriculum) vengono guardati da sempre in un certo modo. Al di là del fatto di essere recidivo, Sarri non ha sparato nel mucchio né tanto meno buttato lì un insulto a vanvera. Vada per l'attenuante generica del momento particolare della gara, ma le sue parole sono state chirurgiche e mirate. A fine gara ha spiegato che avrebbe potuto anche dire "democristiano". Non è vero, al di là del fatto che gli uomini si giudicano per gli atti, non per le intenzioni. Ha detto frocio e finocchio perché è esattamente questo che voleva dire a Mancini. E che l'insulto sia andato a segno lo dimostra il fatto che da ieri sera i siti beceri di calcio-fate un giro sui motori-si chiedono se il Mancio sia davvero gay, citando il suo divorzio come prova a favore e i figli come prova contro. Viviamo in un Paese di merda e Maurizio Sarri-operaio, compagno, lettore di John Fante, è solo un perfetto esemplare di Italiano medio.

Altro Chiudi
Pubblicato il 09/12/2015

in: Milano è l'unica ad aver piegato Renzi (lui un giorno capirà e ringrazierà)

nebulizzare Fiano a dispetto delle apparenze è stato semplicissimo. Con Majorino la cosa mi sembra più complessa, attenzione però perché sullo smaltimento dell'assessore mi sembra esserci una convergenza inedita tra direzione Pd romano, residuale ortodossia renziana milanese e specifico arancione della giunta uscente, quella che si riconosce nel sindaco allorché ci spiega che il Pd [...] non è il suo partito (ma solo quello con cui negozia l'immaginario del proprio imprevedibile futuro di grande elettore solo apparentemente desistente)

Altro Chiudi
CARICAMENTO...