Dino
Villatico

bio

Nato a Roma nel 1941, sotto il segno del Toro, il segno di Machiavelli, di Shakespeare, Brahms, Čaijkovskij, Marx, Lenin, ma anche quello di Roma, dell'Italia e della Grecia, l'animale sacro a Dioniso. Fino ai 15 anni ha frequentato le scuole argentine a Bahía Blanca, Provincia di Buenos Aires. Sempre in Argentina ha cominciato gli [...] studi musicali, proseguiti al rientro in Italia, dove ha frequentato anche il liceo classico e poi Lettere all'Università. Ha scritto racconti, testi teatrali, romanzi ed è stato docente di storia della musica nei conservatori: dapprima ad Avellino, poi a Firenze, infine a Venezia. Ha collaborato con la Repubblica in qualità di critico musicale. Oggi continua a scrivere critica musicale e altri scritti di vario genere. Latino e greco non sono per lui lingue morte.

Altro Chiudi
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 23/09/2017

in: Pietro Grasso chiede scusa a nome di tutti gli uomini, i quotidiani lo ignorano

Come non condividere parola per parola? e come non essere d'accordo che il problema riguarda gli uomini e che sono loro a doverlo risolvere? E lo dico, come Grasso, da uomo. Perché gli uomini che commettono violenza sulle donne, ogni tipo di violenza, commettono un crimine - orribile, imperdonabile - contro le donne, ma anche [...] contro gli uomini, perché ne offendono la dignità, ne degradano la natura.

Altro Chiudi
Pubblicato il 21/09/2017

in: Di Maio, San Gennaro e l'assenza di cultura politica

La mancanza di cultura politica, oggi, salvo eccezioni singole di singoli individui, si riscontra in tutti goi schieramenti. Ciò che irrita del gesto di Di Maio non è la sua supposta insicerità o sincerità, o il calcolo politico, ma la deroga ai principi di un movimento che voleva presentarsi come una culltura politica alternativa. Questo [...] appiattimento, diciamo pure questo opportunismo, dimostra quanto ormai il M5S sia lontano da quei propositi di movimenti politico alternativo. E' questo che, francamente, sconforta. Non sconvolge. Ormai niente più c'è che possa sconvolgerci nella politica italiana. Ma che anche il M5S affondi nella stessa palude, la dice lunga sulla mancanza di prospettive politiche per la società italiana. E questo è molto più indecente, scanmdaloso di un bacio alla reliquia. Scandaloso per il M5S più che per i tradizionali e nuovi partiti della politica italiana. Credo di vivere il momento più basso della storia politica italiana dalla fine della guerra a oggi.

Altro Chiudi
Pubblicato il 19/09/2017

in: Ricordo di Maria Callas

Chiedo scusa ai lettori. Ma mi accorgo di avere scritto al rigo 32° Drammaturgie e al rigo successivo Drammaturg. E' un errore di battuta. La doppia m non c'è nei vocaboli tedeschi, che dunque vanno scritti Dramatugie e Dramaturg, sempre con l'inziale maiusocola perché sono nomi, sostantivi. Vedrò di correggere i due refusi.

CARICAMENTO...