Massimo
Famularo

bio

Mi occupo da 15 anni di crediti bancari in sofferenza (Non Performing Loans) e al momento lavoro per Cariparma Credit Agricole, dove sono responsabile del servizio che gestisce questa classe di attivi per tutto il Gruppo bancario. Il mio profilo professionale completo è pubblico e disponibile su Linkedin [http://it.linkedin.com/pub/mas simo-famularo/1/b87/23b/]. Ho un blog su Linkiesta [http://www.linkiesta.it/blogs/ [...] apologia-di-socrate], uno sul fatto quotidiano [http://www.ilfattoquotidiano.i t/blog/mfamularo/] e uno personale [http://massimofamularo.wordpre ss.com/] e collaboro con altri collettivi, di ispirazione pro mercato, quali Noisefromamerika [http://noisefromamerika.org/pr ofilo-utente/massimo-famularo] e Leoni Blog [http://www.leoniblog.it/author /massimo-famularo]. Completano il profilo una moglie fantastica, due figlie meravigliose e l’illusione che il mondo possa ancora cambiare in meglio.

Altro Chiudi
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 18/08/2015

in: Da laureato in Lettere dico: la mia laurea è utile e vi spiego perché

La frase "Partiamo da un presupposto: non è vero che non c’è lavoro per i laureati nelle facoltà umanistiche, il lavoro c’è, purtroppo però i posti di lavoro disponibili sono inferiori al numero di laureati in Lettere, Storia, Filosofia…" o non ha inteso il significato dell'articolo di Feltri oppure intende colpevolmente confondere le acque con la [...] retorica. Nessuno ha ovviamente mai detto che in senso stretto "non c’è lavoro per i laureati nelle facoltà umanistiche" quel che intendeva Feltri e' che, in termini relativi, ci sono meno opportunità' di lavoro e retribuzioni piu' basse per i laureati in materie umanistiche rispetto a chi ha seguito altri corsi di studi. Cio' equivale a dire "i posti di lavoro disponibili sono inferiori al numero di laureati in Lettere, Storia, Filosofia…" Insomma tu e Feltri dite la stessa cosa o meglio tu dici la stessa cosa di feltri. Quanto al passaggieo "“fare studi umanistici non conviene, è un lusso che dovrebbe concedersi soltanto chi se lo può permettere" non si tratta di un insulto ma della logica conseguenza della premessa su cui anche tu convieni.

Altro Chiudi
Pubblicato il 18/04/2015

in: Ode a una sinistra che non c'è (e non ci può essere)

Destra e sinistra sono parole fuorviani (di cui però in Italia nn si riesce a fare a meno) In particolare in italia di liberlizzazioni (mai abbastanza) ne ha fatte più la sinistra che la destra che ha saputo essere quasi solo clientelare e populista. Lasciamo alla poesia quelle parole concentriamoci su competizione e redistribuzione arbitraria. La competizione [...] sappiamo a cosa serve e quanto faccia bene e non serve dirlo. Quel che non fa è garantirci una allocazione delle risorse accettabile (banalmente chi per sfortuna non può competere che fine fa?) come rispondiamo a questo problema fa tutta la differenza del caso. Putroppo la risposta politica di destra o sinistra che sia è unica: redistribuzione arbitraria in favore dei propri sostenitori. Io credo che la risposta dovrebbe andare nella direzione di garantire a tutti l'opportunità di competere (e nell'Economist si parla di dinastie) e una rete di protezione minima. Sul resto ognun per se (altrimenti il paternalismo giungerà a trovar moglie a chi non ce l'ha) Allora lo stato a che serve? A parte ovviamente a far funzionar bene il mercato? Forse a limitare (non bloccare) l'arbitrio del più forte e a farlo mediante la coalizione di tutti i pià deboli. L'azienda che inquina non solo deve pagare, ma deve essere obbligata a smettere se il danno che fa inquinando non è stimbile. Il diavolo allora è nei dettagli perchè come nel libro/film "Capitale Umano" ci sarà qualcuno pronto a dire che certe cose non si misurano (come la bravura degli insegnanti o dei magistrati) ma questa è un'altra storia. PS prossimo post sarà ode a una destra che non può essere rilevante (poi basta destra/sinistra che fuorviano

Altro Chiudi
Pubblicato il 02/04/2015

in: La sinistra dei rischi sociali e quella da trader di Renzi

beh la strada da fare è indubbiamente lunga e in salita. Magari può esser d'aiuto non farla da soli e avere un traguardo. Rimanendo in tema di poesia, qualche tempo fa Fabio Scacciavillani parlava di http://noisefromamerika.org/articolo/come-guardar-crescere-erba-inverno

CARICAMENTO...