Anna Grassellino, italiana in America, progetterà un super computer planetario

:
30 Agosto 2020

Orgoglio di terra siciliana. Di Marsala, per l’esattezza. Un cervello in fuga negli States, che ancora di più testimonia l’impoverimento culturale e morale del nostro Paese, dove se vuoi “arrivare”, devi prostrarti al potente di turno, entrare in una delle corti elette e rinunciare alla tua libertà di essere umano. Dove si formano ottimi talenti, che per vedere riconosciuta la propria professionalità, devono espatriare. A 39 anni appena compiuti, la dottoressa Grassellino, ingegnere elettronico già premiata nel 2017 da Obama, madre di tre figli, sposata ad un collega con il quale condivide gioie e sacrifici, ha avuto dal governo americano l’incarico di guidare il Superconducting Quantum Materials and Systems Center di Chicago. Avrà a sua disposizione 115 milioni di dollari da gestire e 200 scienziati da coordinare, con l’obiettivo di sviluppare il più evoluto computer quantistico mai concepito da mente umana.

Su Wikipedia di lei troviamo queste note biografiche: «Originaria di Marsala, ha frequentato il locale Liceo Scientifico diplomandosi con lode. In seguito ha studiato ingegneria elettronica presso l’Università di Pisa, laureandosi nel 2005 con una tesi in microelettronica. Ha trascorso l’estate del 2004 come stagista al Fermilab e ha incontrato Nigel Lockyer. Si è iscritta all’Università della Pennsylvania per i suoi studi universitari poiché voleva studiare senza pregiudizi di genere. Per il suo dottorato, si è specializzata in tecnologia a radiofrequenza superconduttiva e fisica applicata lavorando con Nigel Lockyer. Nel 2009 è stata insignita del premio dei migliori poster per giovani ricercatori all’International Particle Accelerator Conference. Ha lavorato a Philadelphia e al TRIUMF a Vancouver, per poi diplomarsi nel 2011».

In una intervista a Tp24 Anna Grassellino rivela che in Italia «abbiamo molte più studentesse nelle facoltà scientifiche rispetto agli Stati Uniti». Il problema è il dopo, cioè progredire nella carriera, mentre questa è agevolata dall’apertura mentale degli States: «Lì gli Usa sono un ambiente più aperto. Mai incontrato ostilità per il mio genere».

Ecco a voi una donna del Sud a Chicago, al vertice del gotha della fisica mondiale. Orgoglio italiano nel mondo.

La foto di copertina è tratta da Wikipedia

TAG:
CAT: America

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...