/CONFINI/ lancia una nuova call per immagini, aperta a tutti!

:
8 Dicembre 2020

@ConfiniArtProject – il progetto artistico partecipato su Instagram con cui l’artista visiva Vera Pravda e Viafarini DOCVA – Documentation Center for Visual Arts invitano gli abitanti attualmente soggetti a ‘confino’ a inviare riflessioni visive sui confini e sui limiti – lancia una nuova call.

Può partecipare chiunque sia sottoposto a limitazioni dovute al coronavirus, inviando immagini di confini fisici o immateriali. Non è necessario che la foto sia un’espressione artistica, è invece importante la riflessione visiva che l’immagine contiene. L’obiettivo è creare una stratificazione di significati, generando allo stesso tempo vicinanze virtuali e comunità culturali.

Partecipare è semplice, basta inviare la propria immagine attraverso il sito www.confiniartproject.it
Le immagini in linea con il progetto verranno postate sulla pagina instagram www.instagram.com/confiniartproject e nelle storie, e verranno esposte unitamente al nome dell’autrice/autore nelle occasioni che si presenteranno.

 

—-

/CONFINI/ ha avuto inizio a marzo con il primo lockdown. Ideato da Vera Pravda in occasione della sua residenza artistica all’Archivio Viafarini in Fabbrica del Vapore, con una call instagram per video verticali di 15 secondi, il progetto ha raccolto più di 200 video dall’Italia e dal mondo, vedendo tra gli altri la partecipazione di numerose e numerosi artisti, fotografi, videomakers, musicisti. I video, per i quali la call resta aperta, confluiranno in un lungo video partecipato, un affresco corale di questi tempi delicati.

Al progetto si sono aggiunte in parallelo altre iniziative tutt’ora in corso, tra cui la #confinibookchallenge per creare una biblioteca virtuale sulla letteratura liminale, e gli HIGHLIGHTS su Gli Stati Generali, con interviste a professionisti di numerosi settori, dall’arte all’editoria indipendente, dalla logistica all’attivismo ecologista, dalla musica, fino alla filosofia e all’economia.

/CONFINI/ è stato citato e coinvolto in numerose iniziative esterne, tra cui ‘I luoghi del contemporaneo’ del MIBACT, la Civil Week 2020, ‘Stay Safe’ di Ilaria Bignotti per Skira. Il progetto è stato inoltre recentemente presentato al Panel 6 “(Re)thinking, Acting, and Inhabiting the Border-Temporality Nexus” coordinato da Chiara Brambilla e Alessandro Monsutti, nell’ambito dell’VIII Conferenza Nazionale SIAA – Società Italiana di Antropologia Applicata.

L’idea alla base di ogni iniziativa del progetto è un’esplorazione collettiva – visiva e testuale – sul tema dei limiti e delle limitazioni negli ambiti e nei significati più disparati, per condividere con la community di /CONFINI/ suggestioni, spunti, idee e riflessioni. Siete tutte e tutti invitati e partecipare!

—-

‘Il 2 marzo 2020 alle 18.40 i casi accertati di Covid-19 in Italia erano 2.036. Erano già state prese misure di contenimento, istituite zone rosse in alcune parti d’Italia, mentre Milano era in zona gialla come il resto della Lombardia. Due giorni dopo le scuole di tutta Italia sarebbero state chiuse.
Il vetro segnava il confine sottile tra interno ed esterno, un diaframma non visibile e riflettente.

E infatti rifletteva, e permetteva di riflettere. In questo caso rifletteva l’archivio, lo scibile racchiuso nei libri e nelle riviste. A loro modo confini che allargano altri confini.’ (Vera Pravda)

 


PER PARTECIPARE:

www.confiniartproject.it

www.instagram.com/confiniartproject

 

TAG: #arte, #artecontemporanea, Arte partecipata, confini, ConfiniArtProject, coronavirus, Cultura, fotografia, futuro prossimo, immagini, limiti, lockdown, Vera Pravda, Viafarini
CAT: Arte, Fotografia

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...