CONFINI: intervista a Emilia Faro

:
14 Aprile 2020

per /CONFINI/

di Vera Pravda

 

 

Raccontaci di te: quali sono i campi che, per esperienza di vita o lavorativa ti sono più affini?

E.F.: Arte e musica.

 

Emilia Faro, Your things are still here (still da video), 2015

 

Parlami del concetto di confine nella tua attività. Cosa significa ‘confine’ nel lavoro che fai?

E.F.: Confine è la nostra condizione umana.

 

E nella vita privata quali sono i confini che senti maggiormente visibili?

E.F.: I confini dell’amore.

 

Emilia Faro, Your things are still here (still da video), 2015

 

In questi giorni di ‘confino’ come è cambiata la tua percezione dei confini?

E.F.: Percepisco gli oggetti del mio contenitore casa. Prima li vedevo soltanto, davo loro la sistemazione esteticamente migliore, adesso li ascolto, li tocco. Sono loro adesso a ispirare le mie future nuove opere. Ho una conchiglia, mi dice che assurge a simbolo della casa, la dimora che resta.

 

Come pensi che cambieranno le nostre vite dopo questa esperienza? Quali saranno i nostri nuovi confini?
E.F.: I confini materiali come abbiamo visto ci lasciano il deserto attorno. I nostri nuovi confini saranno spirituali.

 

Emilia Faro, Your things are still here (still da video), 2015

 

 



 

/CONFINI/

@Confiniartproject è un instaproject creato con i video inviati dalle persone durante l’emergenza #coronavirus

È un progetto di Vera Pravda in collaborazione con @viafarini_org per generare comunità culturali, stratificazione visiva, vicinanze virtuali in questo tempo sospeso.

Chi desidera può partecipare al progetto con uno o più video di 15 sec. su www.confiniartproject.it

In affiancamento alla pagina Instagram, riportiamo qui highlights e approfondimenti.

 



 

Emilia Faro | @emiliafaro15

***

 

Your things are still here (frame), HD video, color, sound, 03:27 , 2015

 

Il frame ricavato dal video Your things are still here (2015) per /CONFINI/ è la ripetizione di un gesto.
Il mangiare acqua è ripetitivo come la preghiera, necessario e catartico come il digiuno.
La quarantena che Gesù ha fatto nel deserto bevendo solo acqua la affrontiamo anche noi oggi nel deserto che rimane della vita di ieri.
Dissetiamoci, il dolore ci offre un’opportunità: ricominciare a vivere con nuova consapevolezza e nuovo spirito .

 

***

 

Emilia Faro (Catania, 1976 ) dopo una laurea in Farmacia studia Storia dell’Arte al Louvre di Parigi, dove inizia a frequentare scuole d’arte e studi d’artista. Partecipa a diversi workshop e residenze in giro per il mondo, un percorso formativo che ha educato e liberato il suo segno, in una continua evoluzione, prima sotto forma dell’acquerello, poi dell’installazione, del video e della scultura.

Nel percorso artistico di Emilia Faro confluiscono tracce di vissuto in merito a temi quali salvezza e libertà personale e riflessioni più generali sulla condizione dell’uomo contemporaneo e sul suo rapporto con l’ambiente, la Natura, e l’Eterno Ritorno che la governa.

 

***

View this post on Instagram

Da Emilia Faro | @emiliafaro15 .. Emilia Faro, Your things are still here, HD video, color, sound, 03:27 , 2015 .. #confini #borders #covid19 #quarantine #instaproject #limits #fragilità #storie #vicinanza #resilienza #speranza #instavideo #igstory #limiti #artproject #memories #still #here #iorestoacasa #laculturanonsiferma #resistenzaculturale #culturamica #community #share #larteresiste … @confiniartproject è un progetto di @verapravdaishere in collaborazione con @viafarini_org per generare #comunitàculturali #stratificazionevisiva #vicinanzevirtuali in questo tempo sospeso. … highlights di #confiniartproject su @GliStatiGenerali / www.glistatigenerali.com … Puoi partecipare al progetto con uno o più video verticali di 15 sec. ✨ link in bio

A post shared by Confini Art Project (@confiniartproject) on

TAG: arte, arte contemporanea, cambiamento, confini, ConfiniArtProject, coronavirus, Cultura, Emilia Faro, futuro, futuro prossimo, instagram stories, intervista, limiti, meditazione, preghiera, Quarantena, Vera Pravda, Video, videoarte
CAT: Arte, società

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...