Riparte la Biennale Internazionale Donna di Trieste, 15 maggio-18 luglio 2021

:
13 Maggio 2021

E’ veramente molto raro trovare riunite in un unico luogo delle opere realizzate da donne. E soprattutto di donne che con le loro sensibilità e la loro intelligenza vogliano indagare la contemporaneità. E’ quanto è reso possibile attraverso la Biennale Internazionale Donna di Trieste, giunta alla sua terza edizione. Sono portati in mostra tutti gli ambiti dell’arte: pittura, scultura, performance art, fotografia, poesia, arte digitale. La mostra si svolge dal 15 maggio al 18 luglio 2021. L’inaugurazione si svolge nella giornata del 13 maggio. Nei giorni scorsi il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza ha ricevuto in Municipio la principessa Gabriela von Habsburg, scultrice di livello internazionale e curatrice della Biennale. La principessa era accompagnata dalla prof. Antonella Caroli Palladini, presidente della Sezione di Trieste di Italia Nostra – fra le fondatrici della Biennale assieme alla compianta Barbara Fornasir – e da Isabella e Romano Artioli.

BID21ART è dedicata al ricordo dell’architetto Barbara Fornasir, alla quale è riconosciuto il costante impegno volto al recupero alla valorizzazione del Porto Vecchio e, in particolare, alla nascita di questa importante manifestazione.

La mostra è accompagnata da un accurato catalogo edito da Elzeviro.

SI tratta, come detto, di una manifestazione unica nel suo genere, che mette assieme tante voci di donne come mai succede nelle altre esposizioni. Questo potrebbe spingere gli studiosi a cercare di capire cosa sta succedendo nelle varie mostre dedicate alle artiste del passato in Italia, sulla vita e le opere delle quali in questi anni vanno emergendo sempre nuovi particolari e resoconti interessanti. Come sappiamo, l’arte è stata per secoli appannaggio del mondo maschile, ragione per cui di molte pittrici, scultrici, architette non è rimasta memoria. Far emergere questo universo femminile sommerso può modificare la percezione comune dell’arte in genere, con conseguenze che ancora non conosciamo.

Appuntamento a Trieste, dunque, al Magazzino 26, luogo dell’esposizione, uno dei più estesi e affascinanti edifici di fine Ottocento del Porto Vecchio, per un’esperienza di arte e di vita, che ci parla di bellezza, di normalità ed anche del superamento dell’ordinarietà, nella superiore dimensione della creatività umana.

Qui la pagina Instagram della Biennale.

TAG:
CAT: Beni culturali

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...