Incredibile ritrovamento nel cuore storico di Napoli

:
20 Giugno 2020

“Napul è”, diceva Pino Daniele, cantore della napoletanità nel mondo. Una nuova scoperta archeologica va oggi a suffragare l’esistenza dell’antica Neapolis. Nel caso di specie, si tratta di un antico e prezioso pavimento risalente alla bellezza di duemila anni fa, perfettamente conservato, riemerso in via San Nicola a Nilo, adiacente l’omonima piazzetta. Si tratta di un pavimento greco-romano, realizzato secondo la tecnica dell’opus spicatum, in cui i mattoni rettangolari sono disposti a spina di pesce. Un pavimento di questo tipo aveva anche proprietà antisismiche (infatti opere di tal fatta erano presenti soprattutto nelle vallate fluviali) e questo la dice lunga sulle capacità ingegneristiche dei nostri antichi avi. L’area in questione era anticamente abitata da egiziani e siriani, che si stanziarono qui perché c’era un piccolo fiume che ricordava il Nilo. Questo piccolo fiume un po’ più avanti, dove oggi si trova Corso Umberto, sfociava nel mare.

Per farvi capire meglio, l’eclatante scoperta è avvenuta nella zona di Spaccanapoli, cioè l’area del Decumano inferiore, l’arteria più importante della città. Il centro storico di Napoli è già patrimonio Unesco. Questa scoperta è un motivo in più per riscoprire questa magica città, proprio ora che il turismo ha tanto bisogno di respiro.

La foto che vi mostriamo nell’immagine di copertina è tratta dalla pagina facebook “Educazione napoletana”, dove, a proposito del ritrovamento, è scritto: “Siamo orgogliosi di ciò che siamo…Un popolo detentore di Storia, Cultura e Tradizioni da far invidia al mondo intero. Preserviamo le nostre radici e diffondiamo il nostro patrimonio millenario! Napoli Patrimonio dell’Umanità!”

TAG:
CAT: Beni culturali, viaggi

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...