Dopo 43 anni una voce dall’Universo, quella della sonda Voyager 2

:
6 Novembre 2020

Lanciata nello spazio la bellezza di 43 anni fa, dalla Nasa, la sonda Voyager 2 risponde di nuovo alle chiamate inviatele dal pianeta Terra attraverso l’antenna Deep Space Station 43, l’unica in grado di trasmetterle comandi. Uno scenario futuristico, che era stato previsto soltanto nel film di fantascienza “Star Trek” (1979), dove si raccontava di una sonda vagante nello spazio infinito da un secolo, la quale viene nuovamente intercettata dopo che si è addirittura “umanizzata”.

Nel 1977 il programma scientifico statunitense Voyager mandò nello spazio due sonde spaziali, la Voyager 1 e la Voyager 2, le quali hanno raccolto una grande quantità di informazioni su Giove e Saturno. La sonda Voyager 2 ha anche captato informazioni su Urano e Nettuno, sfruttando un allineamento planetario vantaggioso verificatosi alla fine degli anni Settanta.

Voyager 2 ha lasciato il Sistema Solare nel 2018 ed ora si trova a venti miliardi di chilometri dalla Terra. Nell’Universo niente va perduto. E così la sonda è stata ripescata solo ora grazie a degli aggiornamenti tecnici che hanno riguardato una serie di apparecchiature che, secondo la Nasa, andranno ora a beneficio anche di altre missioni.

 

La foto di copertina è tratta dal sito web della Nasa

TAG:
CAT: Big data

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...