Ariecco Irene

:
14 aprile 2019

Irene Pivetti candidata  al Parlamento Europeo

Quando nel 1994, appena trentunenne, fu eletta Presidente della Camera dei Deputati, sembrò la leghista perfetta. Foulard verde, toni secchi, chiamava i parlamentari “ Deputato X o Y” abolendo la qualifica “onorevole”, (ex post aveva ragione). Insomma dura e pura come voleva il suo capo Bossi. Espulsa dalla Lega nel 1996, subito dopo la rielezione, fonda il movimento Italia Federale che nel 1998 confluirà prima in Rinnovamento Italiano e poi nell’UDEUR, partito del quale la Pivetti sarà presidente fino al 2002. Tra il 2000 e il 2004 è membro del Comitato per la valorizzazione del patrimonio agroalimentare italiano, presso il Ministero delle Politiche Agricole. Vicepresidente della Fondazione Italia in Giappone 2001, in rappresentanza Ministero Affari Esteri, tra il 2000 e il 2005, viene nominata Vicepresidente della Fondazione Magna Grecia nel 2008. Opinionista e conduttrice nelle reti Mediaset. Da Wikipedia appaiono altre notizie interessanti: Dal 2002 è consulente in strategie di sviluppo, valorizzazione risorse e relazioni istituzionali per imprese di diversi settori (infrastrutture, telecomunicazioni, ricerca scientifica e tecnologica, sanità, agricoltura biologica, internazionalizzazione, made in Italy). Nel 2008 fonda l’associazione Learn To Be Free Onlus, per la promozione dello sviluppo sociale ed economico in aree svantaggiate. È inoltre Presidente del Festival delle Identità e del Premio Luigi Malerba di Narrativa e Sceneggiatura. Nel 2011 fonda la rete di imprese Only Italia per la promozione del Made in Italy in Cina. Adesso si candida con Forza Italia. Why?

Un’eloquente interpretazione è fornita dalla Dr.ssa Angela Deiana Galiberti Direttrice di Olbia.it, un giornale online seguitissimo ad Olbia che investiga sulle vicende più scottanti della Gallura, come il Mater Olbia, l’ospedale già di proprietà della Fondazione Monte Tabor di Don Verzè, oggi in mano allo Sceicco Al Thani, o di altre vicende che interessano la Costa Turchese, Costa Smeralda, Villa Certosa e quant’altro.

Scrive Angela Deiana Galiberti

In molti si sono sorpresi della candidatura, con Forza Italia, di Irene Pivetti: la più giovane Presidente della Camera, eletta a soli 31 anni dopo essere divenuta – nel 1994 – deputata della Lega Nord.

Dietro la candidatura di Irene Pivetti con il partito di Silvio Berlusconi c’è la real politik mescolata all’economia. Il perché è presto detto: negli ultimi anni, l’ex presidente della Camera si è occupata in modo approfondito dei rapporti (economici) tra l’Italia e la Cina tramite Only Italia, di cui è presidente.

Per chi non conoscesse tale organismo, Only Italia è un piattaforma che ha lo scopo di favorire i rapporti commerciali tra le aziende italiane e l’immenso mercato cinese. La piattaforma è divisa in molte business unit: una dedicata alla “rete”, una dedicata alle arti e alla cultura, una terza dedicata alla tecnologia, la quarta dedicata all’innovazione, la quinta dedicata all’immobiliare, la sesta alla logistica e la settima dedicata al racing e alla guida sicura.

Si tratta di un organismo complesso, e molto concreto, che ha già sviluppato progetti importanti e firmato diversi partenariati. Il tutto, non dimentichiamolo, nel contesto della nuova via della seta: il grande progetto di sviluppo economico cinese.

Recentemente, Only Italia ha portato a Piacenza 15 imprenditori cinesi, mentre a marzo ha aperto la sua seconda sede a Tianjin (Tientsin). Da non dimenticare la collaborazione con Piacenza Expo.

Nel recente passato, invece, Only Italia ha favorito il contatto tra la Cina e la Sardegna e in particolare con la Città di Olbia, dove Berlusconi ha la sua amata villa Certosa.

Frutto di questi rapporti favoriti proprio dalla piattaforma Only Italia, ecco l’Urban Planning Project. Tra le personalità che hanno lavorato al progetto c’è anche Gianni Gamondi: l’architetto di fiducia di Berlusconi. Tra i terreni coinvolti anche quelli di Capo Ceraso ( Costa Turchese), riconducibili sempre a Berlusconi. Al momento è tutto fermo.

 

TAG: berlusconi, Cina, Olbia e dintorni
CAT: Capitali, Partiti e politici

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...