La storia di Eugènie Grandet in un nuovo film francese

:
11 Marzo 2021

Nonostante le stringenti misure per il “confinement” il dinamico cinema francese non smette di dare vita a produzioni interessanti. Una delle più recenti e interessanti è la trasposizione cinematografica del romanzo di Honoré de Balzac «Eugénie Grandet», storia ottocentesca di perenne attualità per i tanti motivi di interesse che il nostro tempo può trovare in essa.

Ci sono altri film dedicati alla storia dell’infelice Eugènie, figlia del ricchissimo e taccagno Monsieur Grandet. Uno è quello girato con sapiente maestria da Mario Soldati nel 1947 ed attualmente disponibile su YouTube in versione integrale.

Interpretato da una ineffabile e bellissima Alida Valli, esso anticipa i più moderni rifacimenti filmici della storia, anche se la critica non ha mancato a suo tempo di evidenziare che nella pellicola fosse completamente assente l’ambientazione francese. Essa è, invece, perfettamente presente nel lavoro girato da Marc Dugain, che lo ha ambientato nella regione della Loira, di cui Balzac era originario e dove in effetti tutta la storia è ambientata. Dugain ha detto di avere voluto realizzare un film «rispettoso di Balzac», che fosse allo stesso tempo un film d’epoca ed un film moderno (vedi intervista in basso).

A calarsi nei panni scomodi di Eugénie è la giovane attrice Josephin Japy, mentre il ruolo di Monsieur Grandet è interpretato da Jean Carmet.

Film “femminile e femminista”, come è stato definito dalla protagonista principale, «Eugénie Grandet» è una storia di avidità e di aridità di sentimenti umani, di cinismo, di amore negato, di solitudine. Una storia da osservare con interesse, così come vanno lette e rilette le pagine intramontabili di Balzac, magistrale nella descrizione di caratteri e sentimenti umani.

TAG:
CAT: Cinema

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...