“Jumbo”, una storia molto particolare, una scommessa del cinema indipendente

:
7 Giugno 2020

Se siete alla ricerca di una storia particolare, che scava nelle pieghe e negli abissi della mente e dell’anima umana, posso consigliarvi il film “Jumbo”, diretto dalla belga Zoe Wittock ed avente come principale protagonista la bravissima Noémie Merlant, reduce dal successo di “Portrait de la jeune fille en feu”, di cui vi ho già parlato.

La storia descrive quel meccanismo di difesa della mente umana che porta una persona ad innamorarsi di un oggetto inanimato, provando le stesse sensazioni ed emozioni che si provano nell’amore per un’altra persona. I casi più noti nella letteratura dedicata all’argomento riguardano il giovane figlio di una coppia divorziata che si è innamorato della sua auto, facendole regali e festeggiando con lei ricorrenze importanti, e della giovane sposata con la Torre Eiffel, dopo una storia d’amore con il Muro di Berlino.

Nel film una ragazza di nome Jeanne (Noémie Merlant), molto giovane e particolarmente attaccata a sua madre, con la quale vive in una provincia immersa nella natura, passa la sua giornata a decorare la sua stanza con ghirlande di luci colorate ed a lasciarsi prendere dalle sensazioni. Prova disagio nello stare tra gli altri (caratteristica tipica degli oggettofili) e di notte lavora in un parco giochi, il cui proprietario la corteggia garbatamente. Ma è proprio qui che la ragazza si innamora dell’attrazione principale del parco: Jumbo, una giostra che prende segretamente vita e inizia a comunicare con lei con battiti di ciglia e vibrazioni.

Il mantra del film sono i versi di Lamartine estratti da “Harmonies poétiques” ripetuti da Jeanne: Oggetti inanimati, avete voi dunque un’anima che s’attacca alla nostra anima e la costringe ad amare?

La Merlant si conferma attrice versatile e di talento, per via della sua notevolissima interpretazione. Il film doveva essere nelle sale lo scorso 18 marzo, ma poi a causa del lockdown dovuto alla pandemia di Covid 19 i cinema e gli spettacoli si sono dovuti fermare. Il 9 giugno alle 20.30 sarà comunque possibile vedere il film gratuitamente online sul sito www.champselyseesfilmfestival.com, semplicemente registrandosi. Noémie Merlant espone l’iniziativa in questo breve video, dove parla anche del cinema indipendente come risorsa.

 

TAG: Attrici, cinema
CAT: Cinema, Eventi

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...