La ragazzina che sta male

:
25 Settembre 2019

Guido nel traffico. Un tizio supera il camion senza freccia e procede a 110 in corsia di sorpasso. Il SUV dietro che pressa. Sbuffo. Manca ancora più di mezz’ora di strada per arrivare al lavoro e sono già stufa. Accendo la radio. Pubblicità. Cambio canale. Una canzone da discoteca alle 8 di mattina. Cambio canale. Una voce affannata, a tratti tremula, frasi che incalzano in un inglese perfetto. Tra poco ho lezione e sorrido al pensiero della mia pronuncia troppo italiana (pest manàgement…no, no…Pest mànagement! Mànagement!). La voce alla radio continua, irremovibile, quasi fastidiosa e, da sottofondo ai miei pensieri, emerge. Di colpo la voce distoglie la mia attenzione dal traffico, dal deficiente che ancora sta superando il camion, dal SUV dietro che sfanala, e inizia a parlarmi. Mi parla di delusione, di tradimento, “non vi perdoneremo mai” dice. Resto perplessa e ascolto. “Change is coming, whether you like it or not”. “Il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”. Silenzio. Un cronista lo rompe e fa il nome di Greta Thunberg, la ragazzina con le trecce, diventata un’icona dell’attivismo ecologista. Girano molte foto di Greta, accovacciata a terra di fronte al Parlamento svedese e lo zainetto di scuola a fianco, la cuffia di lana spessa calata sul viso tondo e il nasino rosso dal freddo, l’impermeabile giallo limone, le trecce scompigliate dal vento durante il viaggio in barca a vela che la porterà al summit dell’ONU. Al summit Greta pronuncerà quelle parole così dure che mi hanno destato dal viaggio nel traffico ipnotico dell’autostrada A1.

E’ sera. Finita la cena, i bimbi a nanna, indugio un poco prima di affrontare i rituali del sonno ristoratore. Quella vocina è ancora dentro di me. Cerco su youtube “discorso di Greta all’ONU” e la vocina si incarna in un viso un pò smagrito, lineamenti addolciti e occhi gelidi. “Il mio messaggio è che vi terremo d’occhio”. E i suoi occhi ruotano velocemente, come in cerca di qualcosa, mentre dal pubblico parte un applauso seguito da qualche risata compiaciuta. D’un tratto, il viso imperturbabile mostra una smorfia contrita. Il nasino si arrossa, questa volta non per il freddo, e la ragazzina riprende il suo discorso ansimando, la voce si spezza, i lineamenti si deformano e la fronte si corruga. Greta sta male. Porta un peso troppo pesante per le sue spalle. La prenderanno ancora in giro e ancora la venereranno. Commenti feroci e lodi spropositate la sommergeranno. Però è una ragazzina, ricordiamolo sempre, e non ha modo di difendersi dalle odiose strumentalizzazioni, da una parte o dall’altra, da chi la deride e da chi la beatifica. Teniamo caro il messaggio che ci vuole dare, perché glielo dobbiamo, e teniamo cara la sua energia, ma sempre consapevoli che è una ragazzina e che ha bisogno forse più di altri di essere protetta.

TAG: #gretathunberg
CAT: clima, Inquinamento

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. evoque 1 anno fa

    Giusto ieri l’ho ascoltata in un talk show su una tv statunitense: parla un inglese quasi perfetto, molto sciolta in una lingua che è la seconda lingua; quanti studenti italiani di quell’età saprebbero parlare un inglese così fluido?
    Durante l’intervista mi è parsa tutt’altro che affannata, anzi era pronta alla battuta ironica; ha ironizzato perfino sulla professione della madre: una cantante d’opera. Quando l’intervistatore le ha chiesto che cosa l’avesse colpita di New York (forse sia aspettava qualche esclamazione di stupore nel più vieto stile provinciale di chi è ammalato di americanismo), Greta ha risposto lapidaria: la puzza dell’inquinamento e la gente che urla invece di parlare con tono normale. nostrano). A me è parsa una ragazza con una straordinaria forza d’animo. Chi invece sta male secondo me è chi fa battute cretine su di lei, la chiama gretina, e gretinismo il suo movimento. Va detto che questo succede soprattutto da noi: un paese profondamente incivile, volgare e arretrato culturalmente.

    Rispondi 2 0
  2. evoque 1 anno fa

    nostrano non c’entra nulla: mi sono dimenticato di toglierlo…

    Rispondi 0 0
  3. isa.carratu 1 anno fa

    Ho trovato estremamente condivisibile quanto scritto da Ilaria Negri. Forse perché al di là di ogni
    opinione di tipo sociale o politico siamo donne e portate alla protezione. Quanto afferma Greta è sacrosanto e i governi,tutti, hanno taciuto troppo a lungo ed ora che se ne facciano carico in maniera seria e responsabile levando dalle spalle di questa ragazzina questo peso immane .
    Non mettendola da parte,ma affiancandola ; ha solo 16 anni e ha diritto di vivere la sua giovinezza.
    P

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...