Basta opportunismi su Taranto e il sud

:
8 novembre 2019

La strada statale 7 io me la ricordo sempre di color ruggine nei pressi del quartiere Tamburi. A destra le montagne artificiali di carbone (che qualcuno si è divertito con un eufemismo a chiamare “parco minerario”) a sinistra il quartiere, hanno segnato la mia giovinezza.

Il tracciato della statale ripercorre l’antica via Appia. Era la strada che mi portava da Brindisi ai nonni paterni di Mottola o a quelli materni di Matera. Era la strada per andare alla casa al mare a Castellaneta. Anche da lì si vedeva la mostruosità dell’Ilva. Insomma è gran parte del mio paesaggio interiore e se ho intrapreso la cattiva strada ambientalista è forse anche per quello che porto dentro.

Tutti siamo segnati bene o male dal paesaggio interiore che introiettiamo nei primi anni di vita.

Sulla questione Ilva molti dovrebbero stare zitti. Perché se una sanatoria sui reati ambientali del passato è comprensibile, una sanatoria morale a imprenditori, sindacalisti e politici, io non la concedo. E non concedo la possibilità di aprire bocca a chi da migliaia di chilometri parla di interesse nazionale e di sistema paese o di vocazione territoriale.

La vocazione, soprattutto, è tale, se c’è una scelta. Taranto e il sud è stata tradita dalle politiche dei “poli di sviluppo” degli anni sessanta ma è una storia lunga da raccontare e spiegare.

Quindi meglio star zitti perché chi parla oggi di Taranto molto probabilmente appartiene ad una banda di ladri di futuro.

Dove il privato fallisce e lascia macerie, il privato deve pagare finanziariamente (tanto, e chi se ne frega se chiude bottega: la logica di mercato vale sempre, anche per gli imprenditori disonesti e incapaci), giudiziariamente e moralmente.

Marescotti (Peacelink) ha detto che il risarcimento Riva è nelle mani dello stato per il risanamento ambientale. Personalmente vedo solo una possibilità: si fermi l’impianto, si ambientalizzi, Cassa Depositi e Prestiti entri nel capitale della società e si venda la quota di maggioranza di un insediamento diventato un gioiello produttivo. Nella sfida e nel capitale potrebbero entrarci anche le società che bonificano a garanzia del lavoro svolto: una sorta di stock option ambientale.

Non ci vuole un genio economico ci va serietà e il tanto richiamato buonsenso civico. Come si farebbe comprando qualsiasi rudere di campagna da trasformare in resort a 5 stelle.

Questo è un primo passo per dare a Taranto – e all’intero Sud – quello che si merita, sanando altre ferite territoriali (Gela, Bagnoli, per citarne alcune) che gridano vendetta. Poi – anzi perché poi, subito – si diano ai tarantini tutte le possibilità che può volere un essere umano per realizzarsi nella sua terra o altrove. Ma iniziamo da chi rimane a Taranto dandogli scuole e ospedali, trasporti e bellezza.

Taranto è bellissima. E il cliché che l’Ilva è lì perché tanto i tarantini sono così deve finire. La retorica è che questi insediamenti si siano fatti laddove non c’era iniziativa o vocazione locale imprenditoriale. Forse bisognerebbe intendersi su cosa era l’imprenditoria ieri, e su come vorremmo il nostro futuro imprenditoriale come sistema paese.

Il sud non è solo assistenzialismo. La politica locale fa schifo come a Verona o a Torino e si fa corrompere. Per inciso, proprio oggi, Repubblica, riporta di interessi finanziari della Lega nella vicenda Arcelor Mittal e di un’assunzione da parte della società dell’ex portavoce del governatore Maroni.

Quindi anche loro stiano zitti. Perché è una mistificazione che la classe dirigente sia brava al nord e succube e corrotta al sud.

A Taranto le persone capaci ci sono. Taranto la cultura la respira da millenni. Il candidato alla eredità di Marchionne è cresciuto a Taranto, il numero uno di Conad è di Taranto. E ci sono almeno mezza dozzina di scrittori di spessore nazionale che provengono da quella terra.

Ed in ultimo, l’unico direttore generale di un’Arpa che abbia avuto il coraggio di denunciare un colosso internazionale, che ha trovato il metodo di indagine più intelligente con gli studi epidemiologici, che ha superato tentativi di estromissione e corruzione dei Riva è Il prof. Giorgio Assennato, ex direttore Arpa Puglia.

Se le altre Arpa avessero alla guida uomini di tale rigore intellettuale e morale oggi questo paese da nord a sud sarebbe migliore. Invece i più sono svenduti agli interessi di piccola bottega politica locale.

Quello che però oggi fallisce con Taranto è una visione riformista del Paese. Che l’ex ministra Lezzi abbia agitato gli ultras 5 stelle per proprio tornaconto e sfugga dalle sue responsabilità non mi meraviglia. Neanche gli intrallazzi dei leghisti possono meravigliare. Ma chi si è sempre candidato ad essere forza riformista e moderna di questo Paese non può rimanerne succube in un patto scellerato di governo. Sulla soluzione che si troverà peserà l’immagine che come paese daremo al mondo.

Taranto è una terra ancora feconda e la può inquinare solo la stupidità umana.

TAG: Arcelor, Arcelor Mittal, ilva, taranto
CAT: Governo, Inquinamento

4 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. alding 5 giorni fa
    Caro Nico, se sei della zona e se hai seguito la lunga storia di ITALSIDER TA / ILVA, saprai che da almeno 40 anni (almeno da quando ITALSIDER ha collaborato con NIPPON Steel con la presenza a Taranto di 500 giapponesi in pianta stabile per anni) molti e sostanziosi interventi di risanamento ambientale sono stati effettuati, con importanti benefici. Se invece questo non lo sai, scusa ma sei un ignorante e allora forse sei tu a dover tacere! Comunque, se oltre che informato sei anche uno con un po' di conoscenza tecnica, saprai che produrre acciaio (soprattutto partendo dal rottame) non è come produrre panini imbottiti, un po' di inquinamento è impossibile evitarlo! Certo, una cosa la si può certo fare: chiudere tutto e andare a produrre in Africa, inquinando i territori e gli abitati di quelle terre: è ciò che vuoi? è questa la tua mentalità da uomo progressista? Il problema è che tu e, prima di te la Todisco che nel 2012 ha avviato questo disastro che distruggerà l'economia italiana, siete degli istintivi, degli incompetenti e degli ignoranti, ma nel mondo moderno è vostro il potere, come ben insegna la Greta sedicenne: sproloquiare seguendo l'onda, invece di preoccuparsi di educare!
    Rispondi 0 0
  2. gianmario-nava 2 giorni fa
    "Personalmente vedo solo una possibilità: si fermi l’impianto, si ambientalizzi, Cassa Depositi e Prestiti entri nel capitale della società e si venda la quota di maggioranza di un insediamento diventato un gioiello produttivo." Caro Nico, fermare l'impianto vuol dire fare fuggire i clienti che potranno trovare altri fornitori ben felici, ad esempio, di fare contratti vincolanti permolti annio a prezzi scontati, in modo da togliere la possibilità di ILVA di riprenderseli per parecchio tempo, facendo fallire il suo piano di ritornare sul mercato. Non esistono soluzioni semplici, se ad impianto funzionante si pedono 2 milioni al giorno, quanti se ne perderebbero a impianto fermo? Inoltre, se la descrizione della classe dirigente del paese che fai è vera, perchè mai la CdP, governata com'è da gente nominata dalla medesima classe dirigente politica che censuri, dovrebbe essere in grado di fare meglio di un imprenditore privato? O si riesce a trovare qualcuno che, curando i propri interessi, raggiunga obiettivi di interesse pubblico concordati e contrattualizzati (dunque espliciti e verificabili) o sperare che il semplice essere "pubblico" voglia dire perseguire interessi pubblici è velleitario. Se la unica sanzione al non raggiungimento degli obiettivi è politica, come deve essere per una struttura pubblica, allora vince la Lezzi (che per lo meno non è sospetta di maneggi finanziari, immagina chi vince se ci sono interessi economici occulti) e vince facile non avendo altra responsabilità che di essere rieletta. Quanto al lessico, per "parco" si intende "tratto di terreno, talvolta anche costituito da un capannone, in cui si raccoglie e custodisce materiale vario; per estens., il materiale stesso che vi è raccolto." (http://www.treccani.it/vocabolario/parco2/), quindi parco minerario è corretto. Infine, leggere le scelte di 40 anni fa con la consapevolezza di oggi è fuorviante tanto quanto giustificarle a priori sulla base del contesto di 40 anni fa. Allora il meridionalismo voleva investimenti, anche nell'industria pesante, allora gli ulivi erano simbolo di miseria e arretratezza. Oggi il meridionalismo (becero) protegge gli ulivi infetti e si dichiara (neoborbonicamente) vittima di scelte colonialiste. Follie fuori dalla storia. Dici bene che a Taranto c'è gente in gamba, tanta, perchè mai deve essere ostaggio di chi non sa cosa è l'ambiente, non sa cosa è la fabbrica, non sa cosa è la storia e non sa cosa è la responsabilità?
    Rispondi 0 0
  3. tonnyken 1 giorno fa
    A very meaningful event, I hope everything will go well enable flash in chrome
    Rispondi 0 0
  4. tonnyken 1 giorno fa
    A very meaningful event, I hope everything will go well enable flash in chrome
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...