Chiazze di Vino

:
7 maggio 2019

Quella volta che abbiamo
Disposto le bottiglie di vino
Vuote fuori sul davanzale
E il lavandino traboccava
Di piatti e di calici e di stoviglie
Quando ti ho sfilato i pantaloni
Con una macchia di rosso sulla coscia destra
Una volta finita la festa
Hai detto “e se questa fosse la fine del mondo?”
Hai agitato le dita in aria,
Con espressione assorta
E io ti ho messo una mano sulla spalla
Ti ho stretto a me
E ho scrutato i segni della serata sul tuo collo
“Nuvole di fuoco solcano l’orizzonte,
Uccelli volano verso colline anebbiate
Rumori che vengono da oltre la staccionata”
Hai riso
C’era un pacchetto di sigarette
Abbiamo fumato fino
A quando ho tossito
Piegato su di te
Mi hai accarezzato i capelli
Hai detto:
“Voglio che tu sia il mio bambino”
Ruotando la testa
Ho fissato la punta del tuo naso
Fino a qualche ora prima
Eravamo distanti un milione di stanze
Ballavi in mezzo alla gente
urtavi contro i nostri amici
Ti ho mostrato le chiazze di vino
Sul tappeto
E io dove ero?
Sempre dall’altra parte
Con la testa dolorante
Hai detto “domani sarà un altro giorno”
Non ho fatto in tempo a slacciarti la camicia
In veranda il vento
Trasportava l’odore
Dei fiori appena svezzati
E ancora riuscivo a percepire
Nell’aria il canto delle rane
La danza delle rondini
Quando hai aperto gli occhi
La mattina dopo
C’era qualcosa di cui preoccuparsi?
Ti ho detto che le cose funzionano così
Pensiamo sia la fine del mondo
E alla fine ne usciamo
Siamo rimasti a letto a leggere
A bere tè
Finché il sole non è calato di nuovo
Lasciando una ferita di luce
Sui libri impilati sul mio comodino
Di nuovo
Mi dici “portami in un posto che ti rende felice”
Arrampicandoci sulla cima
Questo è il rumore della gioventù
Ti dico.
Una distesa di preservativi usati
E bicchieri di plastica
“Non siamo più giovani?”
Hai chiesto
Dipende, ti ho detto.
“Da cosa?” Hai detto
“Sono ancora reversibili i nostri errori?”
Scendendo hai disegnato sul finestrino
Con le dita
Qualcosa che non sono riuscito a capire
Forse non siamo più giovani, hai detto.
Perché? Ti ho detto.
Perché abbiamo delle persone
Da chiamare casa

TAG: poesia
CAT: Letteratura

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...