Omaggio a Maria Luisa Berneri nel giorno della sua nascita

:
1 Marzo 2018

Visto che l’elezione (a noi poveri spostati) non ci sposta un bel nulla, noi ci spostiamo altrove…

 

Canzone per Maria Luisa Berneri

(…nel giorno del suo compleanno)

 

Una volta soltanto

Vorrei essere due

Palindromo e anagramma

Per giocare con l’acqua e con il fuoco

Organizzare il tempo a mio piacere

Essere quel momento

Che per sempre è passato

E quello che rimane

Nascosto nel futuro

L’attimo in cui sei nata

E il tuo respiro estremo

Luce dentro l’androne

Vento sul tuo balcone

Linea tra il sole e l’ombra

Per esser l’uno e l’altra

Il canto ed il silenzio

Una volta soltanto

Vorrei essere due

Per poterti donare

Due volte di ogni cosa

 

Cornelius Lathbury

Su Maria Luisa Berneri:

https://it.wikipedia.org/wiki/Marie_Louise_Berneri

 

Nota biografica  sull’autore:

Cornelius Lathbury nasce a Londra nel 1921. Il padre Benjamin è uno studioso di lettere classiche e un musicista dilettante, la madre Mildred Butler è una pittrice e, anch’essa, si diletta di musica. Trascorre un’infanzia agiata, ma già nel 1933, a seguito di alcuni investimenti sbagliati, il padre è costretto a vendere la casa che i Lathbury abitavano da tre generazioni. Da quel momento l’esistenza della sua famiglia sarà assillata dai creditori e tormentata da una condizione di vera e propria indigenza. Alla drammatica situazione economica si aggiunge, nel1935, la morte di entrambi i genitori in un incidente ferroviario. Cornelius, che ha 14 anni, va a vivere con un vecchio zio materno, il suo unico parente. Alla morte di questi, nel 1938, il giovane Lathbury eredita i suoi beni, vende tutto e con il ricavato (aggiunto a quello della vendita di tutte le tele dipinte dalla madre) ricava una piccola rendita che gli permetterà di sopravvivere. Quello stesso anno decide di abbandonare definitivamente l’Inghilterra e di trasferirsi in Italia. Qui rimane, nonostante la guerra, e nel 1940 conosce Emmanuel Carnevali, grande poeta italiano che scrisse quasi esclusivamente in inglese. Di questo poeta, Cornelius (inglese che scrisse invece in italiano) può quasi considerarsi un alter ego speculare. Sarà tra i pochissimi che andranno a trovarlo durante la ventennale degenza in un ospedale bolognese e, forse, l’ultimo a parlargli prima della morte, avvenuta nel gennaio del 1942. Nel 1950 conosce e sposa, Roberta Landolfi che, nel 1962, muore dando alla luce la sua unica figlia Mildred, la quale vivrà con lui fino al 1982. In seguito Mildred si trasferisce in Inghilterra, tornando però molto di frequente a trovare il padre, cui rimarrà sempre molto legata. Cornelius Lathbury muore, dopo una lunga malattia, nel gennaio del 1992, assistito dalla figlia.

 

TAG: Cultura
CAT: Letteratura

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...