Quelle ferite sul corpo e nell’anima

:
11 Marzo 2021

Una delle immagini più iconiche del periodo che stiamo passando è quella del medico di Siena che mostra una delle sue mani e che indirizza questa immagine alla redazione di “Repubblica”, insieme a queste parole:

Oggi dopo l’ennesimo turno estenuante nel togliermi i guanti, tre strati di guanti uno sopra l’altro, con percezione di bruciore intenso durante il turno (sudore, gel sanificante, talco), questa è stata la desolante visione delle mani improvvisamente invecchiate di 30-40 anni, con annessa perdita di sensibilità legata probabilmente ad una sorta di lessatura dello strato superficiale della cute. Una foto che ancora una volta vuole richiamare la sensibilità del lettore e del cittadino su quelle che sono le ferite dell’animo e fisiche di tutti coloro che quotidianamente stanno combattendo in trincea questa pandemia. Quello che chiediamo quindi è: dateci una mano.

Il 48enne anestesista rianimatore del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena con questa immagine ci fa ancora una volta riflettere sul valore della vita e della sicurezza di ciascuno.

Ce n’è bisogno? Sì, ce ne è bisogno: rispetto alla risalita dei contagi ed alle farneticazioni di negazionisti, no vax, no mask e quant’altro.

TAG:
CAT: Medicina

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. lina-arena 9 mesi fa

    Non dite che i no vax sbagliano. Anche i si vax sbagliano. E in questo caso lo dicono i recenti decessi dopo il vaccino. Dalle mie parti due giovani vite sono finite con un crac dopo il vaccino. E poi un mi amico, già primario in un grande ospedale di Catania, mia dice che i vaccini non si sperimentano dopo sei mesi . Quindi ci sono gravi responsabilità in quanti reclamizzano il vaccino come la fine del male. E poi dove la mettete la variante? C’è anche il vaccino per la variante. Se la curva risale debbo dedurre che il vaccino è acqua calda? Si sarebbe dovuto fermare. Invece ancora continua a salire.Nessuno interviene per frenare l’inquinamento ambientale. Dove stanno i nostri grandi soloni della salute collettiva? Perchè non intervengono per le discariche? Perchè tacciono. Sono le discariche che ci uccidono. E la stampa tace perchè riceve soldi dai sotterratori di immondizia-.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...