Che posto ha la musica nell’esistenza?

:
10 Ottobre 2017

Ci sto pensando da qualche giorno, visto è oramai un mese che non scrivo nulla. La musica che posto ha nella vita? Perché viene ritenuta terapeutica?

Riprendendo pure a fare radio, mi rendo conto di come essa sia un innegabile “stile di vita”, atto a sentirsi parte di qualcosa e trovare il proprio posto nel mondo. Per molte persone scegliere di vivere in un determinato contesto è un semplice fatto di vita, non è una scelta. Si nasce e ci si ritrova a trascorrere anni in quei luoghi, vie che spesso e volentieri parlano una lingua diversa: empaticamente diversa. Gli anni passano, scorrono, le esperienze negative si accumulano, insorge rabbia e chiusura. Si diventa pioggia acida senza nemmeno accorgersene.

Rimane difficile mantenere una visione razione, poco emotiva, magari anche un po’ cinica, così da ricordare che si può sempre uscirne vivi, vivaci e motivati. Certi contesti scavano dentro, “si nutrono di te e della tua energia”, lasciandosi demotivato, stanco, senza forze e arrabbiato.

E’ una continua lotta per la sopravvivenza della propria parte positiva, costruttiva; il non sentirsi “a casa” all’interno della socialità del luogo in cui si vive, senza grandi possibilità di uscita, logora. E penso non sia nemmeno utile uscirne, perché viaggiare per brevi periodi, trasferirsi, significa accostare a lato di una sfida alzata da tempi immemori e che se non vinta rischia di lasciare un vuoto incolmabile. Volenti o nolenti, per quanto odio ci sia, un parte di codesti contesti ci rappresenta. Segreti difficili da confessarsi.

In questo la musica cosa c’entra? Parlo del fatto che le canzoni, i suoni, i testi si conformano a te, riempiendo nella forma e nella sostanza le mancanze, offrendo una nuova prospettiva rappresentata dalle sonorità e dai testi. Musica e luoghi spesso si legano indissolubilmente, e ciò permette di sentirsi, almeno per qualche frangente giornaliero, “a casa”, far quadrare la propria visione con quella degli ambienti dove si cammina, si lavora, studia e ci si diverte.

Che sia rock ‘n roll, elettronica, jazz, trap o altro, che consoli e galvanizzi, in sunto: una manciata di suoni basta a riempire la falla e farti credere concretamente di potere fare tutto. Questo è il suo posto.

TAG: abitare, casa, dischi, empatia, esperienze, felicità, luogo, Musica, posto, razionalità, vinile, vivere, vuoto
CAT: Musica

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. evoque 3 anni fa

    Viva la Musica!

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...