La telefono no? Chissà chi vincerà. Questa politica è una camera a gas

:
14 Settembre 2016

Mi telefoni o no, mi telefoni o no, …
chissà  chi vincerà…
Questo amore è una camera a gas …

(Gianna Nannini, Fotoromanza)

Luigi Di Maio: “Se devo dire qualcosa alla Raggi la telefono”, ieri a “Politics”. Non solo Pinochet e il Venezuela: questa America Latina, ai futuri statisti deve apparire come una specie di macchia geografica indistinta, più sfocata dei Balcani, dell’Africa e dell’Asia centrale. Non solo l’analfabetismo informatico: non vuoi finire nella cronologia di Facebook? Devi cancellare tutto  il messaggio con l’errore, riscriverlo corretto e ripubblicarlo: se lo correggi solamente resta traccia oltre al fatto che i maledetti lurker sono pronti a fotografare la pagina (screenshot). Eppure i Novissimi politici invocano la Rete come una divinità popolare dei riti misterici eleusini della democrazia roussoviana senza rispondere mai alla domanda: quis custodiet ipsos custodes … ma soprattuto i suoi server?

“La telefono” tuttavia è napoletanismo piuttosto diffuso e perdonabile se non ci si è messo in testa di governare lo stato libero di banana. Una mia collega di Napoli, laureata in lettere, continuava a ripeterlo senza neanche accorgersene acquistando bagliori sexy più di quelli che emanava grazie a madre natura. Gli errori grammaticali nelle belle donne si estinguono con la restituzione di uno sguardo.  Ma in uno statista?

Però attenzione: occorre ridacchiare solo un po’. Evitare accuratamente di fare i precisetti e i saputelli più di tanto. Partendo dal presupposto che occasionalmente siamo tutti webeti occorre essere leggeri nei rimbrotti, perché,  in odio agli intellettuali e alle élite, le masse non attendono altro che identificarsi con i loro amati leader bru-bru in un grandioso effetto rispecchiamento ormai collaudato. È proprio vero: più fai notare errori più l’elettorato si galvanizza e anche shakespearizza, inscena tragedie sanguinolenti in cui accade una carneficina e muore pure il suggeritore.

Siamo in un loop mediatico-elettorale  molto chiaro ormai: una volta eliminati i fastidiosi intellettuali, il popolo si rispecchia nel popolo; ammazzato il Grillo Parlante (quello della favola!), Pinocchio ( o Pinochet?) fa ciò che gli pare, finalmente. In fondo avevano ragione i vecchi presidi: non c’è sistema migliore per capire il voltaggio mentale di una persona che sentirlo parlare o vederlo scrivere. Ma allora aveva ragione anche il diabolico Moretti di “Palombella rossa” quando diceva “Chi parla male, pensa male e vive male”… Aggiungere: “governerà anche male”?

Certo poi la mente va a Renzi e si scoprono carenze linguistico-culturali analoghe con i Neruda strappati da Google senza ulteriori controlli. Una volta c’erano le garzantine, più affidabili se le sapevi consultare. Tragico quando si appurerà che i social media manager dei leader sono i leader stessi. E insomma: sono gli effetti perversi della generazione quiz. Tuttavia Renzi anche quando parla “a braccio” riesce a condurre in porto il discorso con una certa allure stilistica quantomeno e con un certo controllo della retorica di base. Sarà che l’indignazione fa il verso? Che ha in petto sempre l’odio verso D’Alema anche quando parla della revisione delle rendite catastali? O sarà un certo perfido esprit florentin che lo assiste con accorta vigilanza fino alla fine? In ogni caso non appare  proprio un principiante assoluto come Dibba o Di Maio. Se poi si pensa che questi ultimi vanno in giro come statisti in pectore ci accorgiamo che siamo finiti in un film di Stanlio e Ollio quando per sbaglio passano in rassegna la truppa, e scappa da ridere se non ci fosse da piangere.

Eh sì, non sappiamo a che santo votarci. Diciamoci la verità: la democrazia compiuta è un incubo, questa è l’acquisizione recente negli  anni del populismo impazzito.

 

 

TAG: Luigi Di Maio
CAT: Partiti e politici

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. evoque 4 anni fa
    Scrive: "una volta eliminati i fastidiosi intellettuali, il popolo si rispecchia nel popolo".E i raziocinanti. Che ancora esistono. E non sono pochi. Saranno in minoranza, ma esistono. E sono essi stessi fastidiosi, fastidiosissimi.
    Rispondi 1 0
    1. alfio.squillaci 4 anni fa
      Speriamo che siano fastidisoi nel senso di "sale della terra" di uomini dotati di buon senso. Lo speriamo tutti. Ma in democrazia se le élite cattive sono eliminate e non sostituite con altre élite migliori e non piuttosto con la cuoca di Lenin o la casalinga di Voghera o con Mr Smith va a Washngton, sono davvero dolori. Governare la complessità con l'uomo della strafa Di Maio?
      Rispondi 0 0
      1. alfio.squillaci 4 anni fa
        strada
        Rispondi 0 0
        1. evoque 4 anni fa
          In effetti, Grillo ha sempre sostenuto che la casalinga (non so se di Voghera o no) sarebbe stata in grado di gestire l'economia meglio di un ministro delle finanze. E qui siamo a un classico del populismo: far credere che l'iper-complesso possa essere iper-semplificato
          Rispondi 0 0
  2. alding 4 anni fa
    Qualcuno potrebbe dire che criticare gli strafalcioni è puro formalismo ecchisenefrega se un politico è un buzzurro, basta che governi bene. Lo si diceva pure di Berlusconi per altre cose: chissenefrega se gli piace esageratamente la ... gnocca, basta che governi bene ... salvo poi rovinarlo proprio su questo. Peccato che Di Maio, oltre che "strafalcionaro" è pure ignorante (Venezuela anziché Cile), superficiale ("ho sottovalutato la mail ...") e inutilmente offensivo (... un dittatore alla Pinochet ...). D'altra parte il buon Luigi è molto simile al Dibba e a tanti altri grillini, almeno a quelli che sono cresciuti vicino al Grillo sparlante, imparando da un maestro ignorante, superficiale ed offensivo quale è il Beppe. E dopo tutti questi difetti, fossero almeno onesti .... ma nemmeno questo.
    Rispondi 1 0
CARICAMENTO...