“Teachers do sex”

:
3 Dicembre 2020

Tre insegnanti di scuola elementare di Torino hanno deciso di mettersi a nudo, letteralmente, su dei manifesti affissi davanti ad alcune scuole della zona di piazza Zara e corso Sicilia, con la scritta “Teachers do sex” (le insegnanti fanno sesso).

La notizia è rimbalzata sul profilo Instagram di Cathy La Torre e riguarda la nota vicenda della 22enne maestra di asilo di Torino, oggetto di revenge porn da parte del suo ex fidanzato e del successivo licenziamento dalla direttrice della sua scuola.

In una recentissima intervista a “La Stampa” la maestra ha detto: “La cattiveria delle colleghe mi ha distrutto la vita”. Ed ha sottolineato la necessità che le donne denuncino questo tipo di abusi. Ma ora arriva la solidarietà di alcune colleghe e di questo l’umore e la vita della vittima di revenge porn non può che giovarne.

Mercoledì scorso Andrea Villa, l’artista soprannominato il Banksy torinese, ha affisso ha affisso tre manifesti  nella zona che vi abbiamo indicato e con tre corpi femminili completamente nudi, con il volto nascosto e l’hashtag #teachersdosex, le maestre fanno sesso.

Cathy La Torre è perfetta nel commentare questo gesto di solidarietà femminile:

Lo hanno fatto per schierarsi accanto alla loro collega di 22 anni cacciata via da un asilo di Torino perché il suo ex fidanzato aveva diffuso dei suoi video intimi.

Vittima tre volte: prima del Revenge Porn del suo ex, poi degli occhi e dei giudizi della gente, infine dei suoi datori di lavoro.

Per i quali evidentemente è una vergogna che una maestra faccia sesso.
Che ami un uomo, che si fidi di lui, che ami il sesso, che ami giocare col proprio partner.

No no, certe cose le maestre non le fanno!

E invece le fanno, hanno voluto urlare quelle tre insegnanti con quei manifesti.
Le fanno e non se ne vergognano.
Perché non c’è vergogna nel sesso.
Nella nostra vita sessuale.

L’unica vergogna è violare senza consenso l’intimità altrui.

Vergognoso è diffonderla.
Vergognoso è giudicarla.
Vergognoso è togliere il lavoro a chi è stata vittima di una violenza.
Come se la colpevole fosse lei.

E allora grazie a queste tre insegnanti per il loro gesto e all’artista Andrea Villa (il Bansky torinese) per aver realizzato quest’opera d’arte di protesta.

Noi donne facciamo sesso.
Le insegnanti fanno sesso.
E l’unica vergogna è doverlo persino precisare!

TAG:
CAT: Questioni di genere, Torino

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...