claudio
venza
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 28/08/2019

in: Satura Lanx

Discorso lucido, questo di Ugo Rosa. Senza ipocrisia. Ugualmente la tortura inflitta da Apollo al satiro flautista mi pare solo l'esercizio di un gusto sadico. Istintivamente sento di rifiutarlo e non credo possa essere una buona credenziale per nessun ragionamento, nemmeno paradossale. Ad ogni modo, la difesa del diritto alla satira suggerisce la libertà di [...] espressione e di critica. E come tale va ricercata. Il vero problema, secondo me, è quello di una satira intelligente e comprensibile. Non è cosa da poco...

Altro Chiudi
Pubblicato il 22/08/2019

in: L'era del cinghiale in branco

L'analisi di Ugo Rosa è purtroppo convincente sul disastro quasi definitivo in corso. Molto stimolanti le riflessioni sull'Italia come madre di pratiche politiche deleterie poi esportate, più o meno coscientemente. Il cattivo odore di questa estate popolata da leader sudaticci ci dà l'idea del livello raggiunto. Forse Ugo è troppo negativo sul futuro? Lo si [...] vedrà dalle risposte dei movimenti di base alla ridefinizione del Potere politico che sembra in corso in questi giorni. Forse, è il caso di citare un non-ideologo, Fabrizio de André: "Non esistono poteri buoni". Oppure i militanti anti TAV attivi da decenni: "Non ci sono governi amici!".

Altro Chiudi
Pubblicato il 12/08/2019

in: Il mito dell'intelligenza italiana

Forse si intende l'arte di arrangiarsi come intelligenza per sopravvivere. Anche qui la generalizzazione inganna. Le differenze regionali, le diversità di classe, il livello di preparazione culturale e molti altri fattori rendono la facile etichetta di "italiano intelligente" quanto mai ambigua e quindi ingannevole. Ben ha fatto Ugo Rosa a demistificare un luogo comune sostanzialmente [...] falso. Spererei che la sua definizione di "servo" del potente di turno fosse infondata...

Altro Chiudi
Pubblicato il 30/12/2018

in: Morte in solitudine di un anarchico

Ho letto con interesse l'articolo su Gianni Furlano. Quindi ho conosciuto qualcosa di un vecchio anarchico delicato e generoso oltre che poetico. Le vite di molti anarchici sono dei manifesti per la critica e la rivolta e danno l'idea di un'umanità ingenua e tenace. Grazie Mattia per aver fatto in modo che questa esistenza autenticamente [...] contraria e ostinata non fosse perduta sotto la montagna di sciocchezze e di inganni che ci circonda. Purtroppo.

Altro Chiudi
Pubblicato il 14/08/2018

in: No, signor Illy, non siamo tutti sullo stesso yacht

Il tema della barca che ospita tutti e tutte lascia spazio a diverse interpretazioni. La più negativa, per me, è la distinzione tra ponte di comando e sala macchine. Aria fresca e vista serena per il primo posto, sudore e fatica per il secondo. Ma saltiamo ad un altro aspetto della frase senz'altro ambigua: quello [...] ecologico. Allora chi potrebbe negare che siamo, grosso modo, tutti e tutte abitanti di un pianeta unico e irripetibile? Se questo è il messaggio che si legge in quelle parole, l'astio verso il ricco e vincente Andrea Illy (fratello minore del più noto Riccardo, politico altezzoso e ora perdente) si può trasformare in qualcosa di diverso. Di sostenibile e di necessario. Se poi il riferimento è alle barche stracariche di merce umana sfortunata, si può leggere come un monito a ricordarsi un fatto semplice: siamo anche noi su quel gommone traballante e precario. Se crediamo di poter vivere tranquillamente e farci gli affari nostri mentre a migliaia affogano ogni anno nel dolce Mediterraneo non teniamo conto dei contraccolpi di questo massacro che pacificamente stiamo perpetrando con l'appoggio al la difesa assassina dei nostri presunti privilegi. I conti, quelli veri e spietati, torneranno e ce ne renderemo conto. I popoli disperati capiranno che la causa principale delle loro condizioni insopportabili sta nel Vecchio Continente, già colonialista e adesso sfruttatore senza scrupoli. E cinico difensore dei propri confini disumani. E, come oggi il dolore colpisce i migranti in quanto tali, domani potrebbe succedere agli europei. Anche a quelli che non hanno responsabilità dirette nello stillicidio di morti e di torturati. E non ci potremo sorprendere né lamentare per l'ingiustizia della generalizzazione delle responsabilità che compenserà la mole di sofferenza procurata dai nostri governanti. E contro i quali solo pochi protestano e si muovono concretamente.

Altro Chiudi
CARICAMENTO...