Saul
Laganà
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 05/09/2021

in: Dei deliri e delle pene: perché è assurdo far pagare le cure ai non vaccinati

Sulla bullizzazione di chicchessia, per qualsivoglia motivo si può solo concordare. Nessuno dei commentatori di questo Suo articolo ritengo la pensi diversamente. Andando nello specifico, ossia, su cosa andrebbe fatto o non fatto per sconfiggere il virus o, più realisticamente, ridurne la capacità di incidere sulle nostre vite e sull'economia del pianeta, ritengo che debbano [...] essere evidenziati alcuni punti fermi, senza i quali vale ogni tipo di narrazione, anche la più bislacca. La Sua non lo è affatto, tanto per chiarire. Una comunità di uomini/donne per funzionare ha bisogno di regole, più o meno condivise, ma comunque accettate. Subito dopo le regole, vengono i compiti (chi fa e cosa fa), i compiti sono affidati a soggetti con competenze specifiche, in particolare nelle società complesse. E non potrebbe essere altrimenti: se io sono un odontoiatra la mia competenza e il mio sapere si esercitano in quel campo, non mi occupo di mobilità urbana. Naturalmento posso dire la mia sul traffico e maledire sindaco e giunta, ma non mi è concesso di modificare la viabilità o non rispettare la segnaletica stradale solo perchè non sono d'accordo con l'impostazione attuale. Com'è pure probabile che, al mio tentativo di modificare a forza lo stato delle cose, seguirebbero le sanzioni. Dovessi continuare con la mia protesta, oltre ad aumentare le sanzioni, scatenerei la riprovazione di chi osserva le regole, cui probabilmente seguirebbe lo stigma o per dirla con le Sue parole, verrei bullizzato. È un processo, quest'ultimo, di autodifesa comprensibile in chi vede messa rischio la proprie sicurezze, salute, vita in casi estremi. Quindi, chiudendo, se la maggioranza della comunità scientifica mondiale, sulla base di dati in continua evoluzione, indica una strada, giusto è che la politica vari delle regole adattandole al contesto e che la popolazione si adegui, per salvare se stessa, innanzitutto, poi per salvare chi non può essere vaccinato. Ogni considerazione sulla validità, pericolosità di un vaccino o di un altro, equivalgono alla proteste contro il sindaco di cui sopra, se fatte da un Saul Laganà privo delle competenze necessarie a comprendere il fenomeno Covid 19 nella sua vastissima complessità.

Altro Chiudi
Pubblicato il 10/08/2021

in: Il green pass e l’utilitarismo di Stato

L'ho letta con interesse. Ho trovato la definizione "sperimentale" più volte nell'articolo. Da quali fonti ha tratto la convinzione che le terapie farmacologiche, definite comunemente vaccini, sono sperimentali? La ringrazio anticipatamente per la risposta.

Pubblicato il 16/03/2021

in: Astra Zeneca e Bobbio fuorilegge per decreto social

Io ho paura di volare, l'aereo mi terrorizza. È irrazionale? Lo è senza dubbio. Se però l'aereo è l'unico mezzo di trasporto per far vivere un'esperienza negli USA a mio figlio, ingoio la paura e compro i biglietti. Spero di essere stato chiaro.

Pubblicato il 03/09/2019

in: La crisi di agosto e il senso di precarietà della politica italiana

Gli elettori effettivi della piattaforma Rousseau si contano sulle dita di una mano: allo stato attuale esistono una serie di personalità all’interno del M5s e di Rousseau dotate di strumenti per accedere alle funzionalità delle piattaforme con cui vengono erogati i servizi della democrazia diretta che possono operare senza lasciare traccia e senza essere soggette [...] a verifiche.

Altro Chiudi
Pubblicato il 02/09/2019

in: Beppi Ilqualunque

Scrivere non è un obbligo. Se si deve, almeno farlo bene: punteggiatura, soggetto, predicato verbale, complemento. Altrimenti per tutto il resto c'è il libro delle facce. Infatti io, consapevole di non saper scrivere, mi diverto sul social di Zuckerberg o tedio gli amici su WhatsApp.

CARICAMENTO...