Perché i 5 stelle non perdono consensi

10 gennaio 2017

Quando c’era la Democrazia Cristiana, o il Partito Comunista, eravamo abituati ad osservare una certa impermeabilità del consenso per questi partiti agli accadimenti quotidiani. Uno scandalo politico, nazionale o internazionale, influiva in misura piuttosto limitata sull’orientamento di voto dei loro elettori. La fedeltà ad una certa visione del mondo, ad un certo desiderio di società, da una parte e dall’altra, era più importante dei casi personali o delle malefatte di questo o quel personaggio politico.

La Dc o il Pci guadagnavano o perdevano relativamente poco, da una elezione all’altra, immuni anche a importanti fenomeni sociali, come negli anni Sessanta o Settanta. Oggi i partiti subiscono molto più facilmente i contraccolpi di scelte o comportamenti errati. Il Pd di Veltroni valeva il 33%, quello di Bersani il 25%, quello di Renzi inizialmente il 40%, poi ridottosi al 30% soltanto qualche mese dopo. Forza Italia passa in poco tempo dal 30% al 20%, per arrivare oggi sotto il 15%.

Sembra che l’unica attuale forza politica che, in qualche modo, resti sostanzialmente immune dalle polemiche o dalle scelte poco lucide dei suoi rappresentanti (locali o centrali) sia oggi il M5s. Nell’ultimo anno, nel bene o nel male, i pentastellati si sono aggiudicati la palma del movimento più ondivago della storia: le opinioni nei confronti di molti dei più rilevanti accadimenti socio-politici sono cambiate a volte nel giro di qualche mese, se non di qualche giorno. E anche alcuni dei loro comportamenti non sono parsi dei più adamantini, sia all’interno che all’esterno del movimento.

Ciononostante, i consensi sono rimasti, negli ultimi due anni, sostanzialmente immutati. Come mai? A causa del loro elettorato. Molti si sono interrogati su come sia fatto. Alcuni pensano al popolo “pentastellato” come ad una riedizione dei primi adepti del movimento fascista, altri come fuoriusciti dai centri sociali, altri ancora come semplici qualunquisti, altri infine come acuti interpreti di una società in rapido cambiamento. Chi ha ragione? Tutti e nessuno, o meglio, un po’ tutti sono in realtà nel giusto, dal momento che le anime del movimento paiono essere molto variegate. Nel libro “Politica a 5 stelle”, insieme a Roberto Biorcio, ne avevo individuate quattro prevalenti.

I seguaci (il nucleo più antico), i gauchisti (provenienti da esperienze di sinistra), i razionali (che pensano al M5s come la sola forza per scardinare il sistema) e i “menopeggio” (i più qualunquisti, che odiano la casta). Quattro anime il cui peso interno varia da momento a momento: oggi i “menopeggio” sono più forti, mentre un po’ in crisi sono i guachisti. I razionali andavano bene nel 2013 e nelle amministrative dello scorso anno. E così via. A seconda di ciò che accade, del momento politico e sociale, e delle parole d’ordine lanciate da Grillo o da qualche esponente pentastellato, qualche anima si riattiva e qualcuna si allontana.

Il bacino potenziale di riferimento dei 5 stelle è oggi in Italia intorno al 35% dell’elettorato complessivo, e da quel potenziale viene “pescato” il livello di consenso contingente che, appunto, muta nella composizione interna ma non nella sua quantità. Quando la giunta romana non funziona, i razionali rimangono in stand-by, ma si riattivano i seguaci. Quando si denigrano gli immigrati, tornano in massa i “menopeggio” ma si allontano i gauchisti. Un sistema di pesi e contrappesi, si direbbe oggi, che alla fine lascia inalterato il dato complessivo dell’orientamento di voto.

Il vero problema da risolvere, per i 5 stelle, arriverà se e quando andranno al governo. I loro proclami possono andare bene, a turno, per le diverse componenti, ma le loro politiche non potranno accontentare contemporaneamente tutte le anime. E quello sarà il loro vero banco di prova.

TAG: movimento 5 stelle
CAT: Partiti e politici

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. roberto-vai 2 mesi fa
    Secondo me, vi è una quinta anima che è di gran lunga maggioritaria e che resta stabile a prescindere dalle giravolte del m5s. Quest’anima è caratterizzata dall’insofferenza verso la casta, ma sarebbe troppo semplicistico classificarla “qualunquista” (menopeggio), perché per essa il m5s non è neppure il meno peggio, ma solo una possibilità per manifestare la propria indignazione. Di modo che gli esponenti del m5s possono fare di tutto, senza che il movimento perda il sostegno di quest’anima. Il m5s non offre infatti ad essa nulla se non la possibilità di indirizzare una rabbia a lungo repressa. Vi sono troppe ingiustizie, troppi privilegi, e ciò fa crescere uno spirito di rivolta, generalizzato e viscerale. Al punto che, paradossalmente, persino chi è in fin dei conti un privilegiato può ritrovarsi a tifare il m5s… Il rigetto è tale che è stato persino rifiutato il timido cambiamento della riforma costituzionale. Un cupio dissolvi che non promette nulla di buono. E intanto la cosiddetta casta resta sorda, attaccata ai propri privilegi…
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...