Intesa Sanpaolo e Snam insieme per la riqualificazione energetica

:
27 giugno 2019

L’Italia si è data l’obiettivo di andare oltre il target europeo di riduzione dei consumi energetici del 32,5% al 2030. Il contributo del settore residenziale quindi sarà per questo fondamentale: agli edifici, infatti, è attribuibile in media circa il 40% dei consumi energetici degli Stati membri dell’Unione europea. Inoltre, secondo l’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) oltre il 50% delle emissioni annue di PM10 e monossido di carbonio nel nostro Paese deriva proprio dagli edifici.

Intesa Sanpaolo e TEP Energy Solution, la controllata di Snam attiva nel settore dell’efficienza energetica, hanno pertanto deciso di siglare un accordo di collaborazione per promuovere interventi di riqualificazione energetica su edifici a uso abitativo e terziario, con particolare attenzione ai condomìni. Unendo le forze contribuiranno a ridurre le emissioni e promuovere il risparmio energetico, fornendo ai rispettivi clienti diverse opportunità per la sostituzione dell’impianto termico o la realizzazione del cappotto isolante.

Il servizio che proporranno andrà dalla consulenza finanziaria e tecnica all’erogazione del contributo fino alla realizzazione del progetto, a condizioni dedicate e in tempistiche ridotte. Intesa Sanpaolo metterà a disposizione dei condomìni consumatori, quelli con almeno un condòmino persona fisica, finanziamenti a copertura della quota non compresa nell’Ecobonus o Sismabonus e, in generale, fino all’80% dell’investimento. TEP Energy Solution propone invece il prodotto CasaMia – finora offerto a oltre 400 condomìni in tutta Italia – che punta a riqualificare energeticamente gli edifici, finanziando i lavori tramite il risparmio sui consumi e la cessione del credito d’imposta legato al meccanismo dell’Ecobonus e Sismabonus.

Gli investimenti di Snam nell’efficienza energetica rientrano nel progetto Snamtec, varato nell’ambito del piano strategico 2018-2022 e sostenuto da investimenti per 850 milioni di euro in sostenibilità, innovazione tecnologica e nuove linee di business legate alla transizione energetica. Le attività nel settore dell’efficienza, avviate con l’acquisizione di TEP nel 2018, si rivolgono ai settori residenziale, real estate e industriale.

*

 

TAG:
CAT: energia

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. dodobeltrame 4 mesi fa
    Cosa c'entri la Snam con la riqualificazione energetica degli edifici ce lo devono ancora spiegare. Snam si occupa di trasporto del gas in alta pressione, e ci fa una baracca di soldi. Ecco allora il credito d'imposta dei condomini, passato pari pari alla TEP e il gioco è fatto! Palese conflitto d'interesse per il gruppo ENI che fa i soldi vendendoci energia termica e adesso li fa anche facendoci risparmiare! Inarrivabili!
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...