La Camera approva il decreto fiscale

16 Novembre 2016

La Camera dei deputati ha approvato il decreto legge fiscale collegato alla legge di bilancio, sul quale il Governo aveva chiesto la fiducia. I voti a favore sono stati 272, i contrari 137. Di seguito i punti principali del provvedimento, che passa ora al Senato.

EQUITALIA

Dal primo luglio 2017 Equitalia viene assorbita dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione. Il personale sarà ricollocato secondo “una collocazione organizzativa coerente e funzionale alle esigenze”. Fino al 30 giugno 2017 gli enti locali potranno avvalersi di Equitalia per la riscossione, poi si dovranno affidare alla nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione presieduta da una figura scelta tra i magistrati della Corte dei conti. Il pagamento spontaneo delle entrate degli enti locali sarà effettuato sul conto corrente di tesoreria dell’ente impositore ovvero mediante F24, anche attraverso strumenti di pagamento elettronici. Si consentirà quindi al nuovo ente di accedere alle informazioni e dati per le attività di riscossione e pignoramento.

SPESOMETRO

Dal 1° gennaio 2017 sarà abrogata la comunicazione dell’elenco di clienti e fornitori, ma verranno introdotti due nuovi appuntamenti ogni tre mesi: comunicazione delle fatture emesse e ricevute; comunicazione dei dati sulle liquidazioni periodiche Iva. A favore dei soggetti in attività nel 2017 con un volume d’affari non superiore a 50.000 euro sarà riconosciuto un credito d’imposta di 100 euro per l’adeguamento tecnologico finalizzato ad effettuare comunicazioni dei dati delle fatture e delle comunicazioni IVA periodiche. Le multe per le violazioni sulle comunicazioni verranno così regolamentate: in caso di omessa o errata trasmissione delle fatture si prevede la sanzione di 2 euro per ciascuna fattura, con un massimo di 1.000 euro per ciascun trimestre. La sanzione è ridotta alla metà, con un massimo di 500 euro, in caso di correzione della trasmissione entro quindici giorni dalla scadenza. Per l’omessa, incompleta o infedele comunicazione dei dati delle liquidazioni si applica la sanzione da 500 a 2.000 euro, con riduzione alla metà in caso di trasmissione corretta nei quindici giorni successivi. Per l’Iva previste multe da 500 a 2.000 euro su omessa o infedele comunicazione. Dal 1° gennaio 2017 verranno inoltre eliminati alcuni adempimenti: oltre allo spesometro, la comunicazione all’Anagrafe tributaria dei dati relativi ai contratti stipulati dalle società di leasing e la comunicazione delle operazioni intercorse con operatori economici situati in Paesi c.d. black list.

ROTTAMAZIONE CARTELLE

È ampliata la possibilità di definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione, relativi al periodo 2000-2015. Rientrano nella rottamazione le multe, ma per ciò che concerne gli interessi e le more per ritardato pagamento. Il contribuente che sceglierà di aderire dovrà versare solo le somme iscritte a ruolo a titolo di capitale, gli interessi legali e la remunerazione del servizio. Dal primo agosto 2017 i pagamenti potranno essere dilazionati in rate con un costo del 4,5% annuo dal 1° agosto 2017. Le rate possono essere al massimo 3 nel 2017 e 2 nel 2018: il 70% del dovuto dovrà esser versato nel 2017 e il restante 30% nel 2018. Il termine per aderire è spostato dal 22 gennaio al 31 marzo 2017. Chi sceglierà questa strada dovrà presentare una richiesta a Equitalia entro 30 giorni dalla conversione in legge del decreto. Poi Equitalia avrà sei mesi di tempo per decidere se il contribuente può rottamare la sua cartella.

VOLUNTARY DISCLOSURE

La procedura per per far emergere i capitali detenuti all’estero nascosti al fisco prevede che il contribuente, per sanare le violazioni, versi quanto dovuto per imposte, ritenute, contributi, interessi e sanzioni senza presentare documentazioni o richieste. La procedura assicura prevede un prelievo forfetario nel caso le attività oggetto di regolarizzazione siano «denaro in contanti o valori al portatore». Sono interessate, quindi anche le cassette di sicurezza.

SOPPRESSIONE DEGLI STUDI DI SETTORE 

Al posto degli studi di settore saranno previsti gli “indici sintetici di affidabilità fiscale”, che premieranno i contribuenti più affidabili con esclusione o riduzione dei termini per gli accertamenti. Previste diverse semplificazioni fiscali: tra le spese deducibili dal reddito di lavoro autonomo inserite quelle inerenti alle prestazioni di viaggio o trasporto; spostato dal 28 febbraio al 31 marzo il termine per la consegna della Certificazione unica; introduzione della tregua fiscale dal 1° al 31 agosto per la trasmissione di documenti e informazioni richiesti ai contribuenti dalle Entrate o da altri enti impositori. Il termine per versare il saldo Irpef e Irap verrà posticipato dal 16 al 30 giugno il termine per versare il saldo dell’Irpef e dell’Irap, e per saldare Ires e Irap.

FINANZIAMENTO FONDO OCCUPAZIONE

Verranno utilizzati 19 milioni non usati nel 2016 al biennio 2017-2018, alimentando così il Fondo per il finanziamento di sgravi contributivi al fine di incentivare la contrattazione di secondo livello, destinato “alla promozione della conciliazione tra lavoro e vita privata”.

MISSIONE DI SUPPORTO IN LIBIA 

Autorizza fino al 31 dicembre 2016 la somma di 17.388.000 euro per la partecipazione di personale militare all’operazione di supporto sanitario in Libia – operazione “Ippocrate”-.

TRASPORTI 

Prevista l’autorizzazione alla spesa di 320 milioni di euro per l’anno 2016 e 400 milioni per l’anno 2018 destinati alle infrastrutture ferroviarie, ma se ne precisa la finalizzazione. Le risorse per il 2016 sono utilizzate anche per la sicurezza e l’efficientamento della rete ferroviaria e quelle assegnate per il 2018 finanzieranno gli interventi relativi a “sicurezza ed adeguamento a obblighi di legge”. 16 milioni saranno usati per la linea Milano-Saronno e a 600 milioni verranno destinati alla Campania, per i debiti verso la società di trasporto regionale Ente Autonomo Volturno: a vigilare sarà il Mef.

MISURE A FAVORE DEI COMUNI IN MATERIA DI ACCOGLIENZA

Incrementa di 600 milioni di euro per l’anno 2016 le spese inerenti l’attivazione, la locazione, la gestione dei centri di trattenimento e di accoglienza per stranieri, prevedendo il concorso dello Stato agli oneri che sostengono i Comuni che accolgono le persone richiedenti la protezione internazionale. I Comuni accoglienti saranno tra quelli beneficiari in via prioritaria degli spazi finanziari ceduti dalla Regione agli enti del proprio territorio: potranno pertanto peggiorare il saldo finanziario per spese in conto capitale.

MISURE PER L’AGRICOLTURA

Disposizione dell’incremento della dotazione del fondo di garanzia per le piccole e medie imprese nella misura di 895 milioni di euro per l’anno 2016.

CINEMA

Il credito d’imposta per il settore del cinema sarà incrementato a 200 milioni di euro.

CALCIO

La Lega calcio dovrà destinare il 10% degli incassi da diritti televisivi allo sviluppo dei settori giovanili e per il sostegno degli investimenti per gli impianti.

*

Nella foto in alto,  il Presidente del Consiglio Renzi e i ministri Roberta Pinotti e Maria Elena Boschi 

 

TAG: decreto fiscale, Governo Renzi
CAT: Governo, Parlamento

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. enea-melandri 4 anni fa
    In quanto a burocrazia e digitale, sarebbe anche ora di aggiornare i software... http://fareprogresso.it/vedi_fp_full.php?id=2333&ref=sg
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...