Il cane che guarda la televisione

:
8 novembre 2019

In genere i cani non guardano la televisione.
Per loro è un oggetto come un altro.
Il fatto che dentro questo oggetto si muovano delle immagini per loro è del tutto irrilevante.
Non credo che, implicito in questo atteggiamento, ci sia un giudizio sulla qualità dei programmi televisivi.
La tv, come direbbero gli inglesi, non è, in genere, la loro tazza di tè.
Naturalmente, poi, c’è qualche eccezione.
Come nel caso di Daisy, una bastardina che assomiglia molto ad un lhasa tibetano, che vive con noi da 14 anni.
Daisy è una cagnetta molto intelligente.
E anche molto vispa.

Alle 7 del mattino comincio a sentire i suoi andirivieni sempre più veloci sul parquet.
E’ il suo modo per farmi sapere che ha fame.
In genere sono sveglio da un po’.
Qualche volta, però, quando la sera prima sono andato a letto molto tardi, mi farei un’altra oretta di sonno.

Ma Daisy non molla.
Ogni 3-4 minuti viene a controllare la situazione.
Impossibile dormire con quello scalpiccio costante.
Alla fine cedo, mi alzo, vado in cucina e preparo le ciotole.
Come per incanto, non appena, anche dal piano di sopra, sente la ciotola che tocca il pavimento, si materializza anche Cuba, una cagnetta di razza beagle di 8 anni ( non ci facciamo mancare niente in fatto di cani…)

Insomma, se Daisy fosse una sindacalista, Cuba sarebbe felice di pagare le quote del suo sindacato: nessuno potrebbe tutelare le sue istanze meglio di come lo fa la “sorella” maggiore.

Ma, come dicevo prima, la specialità di Daisy, è la sua passione per la tv.
Ma non una passione indifferenziata, intendiamoci.
Se fosse necessario darle un secondo nome, quel nome potrebbe essere Auditel.

Daisy ha preferenze precise: le piacciono le storie d’amore.
Le guarda con attenzione, come se capisse la trama.
Segue i dibattiti dei talk show politici come se apprezzasse le argomentazioni dei contendenti
Ma non sopporta i quadrupedi: cani, cavalli, gatti, leoni, tigri ecc.

Il problema è che Daisy è un cane avvisatore, cioè uno di quei cani che ritengono di avere una missione: avvertire il padrone di qualunque cosa accada nell’ambito del loro “territorio”.

Così non appena in tv appare un quadrupede, Daisy si scatena e comincia ad abbaiare con tutto il fiato che ha in corpo. Si alza sulle zampe posteriori e appoggia quelle anteriori sul ripiano del mobiletto del televisore e si mette ad abbaiare minacciosamente a quelli che a lei sembrano pericolosi intrusi.

Insomma, non so se si è capito, ma a casa mia non ci possiamo permettere di guardare nè “Lassie”, nè “Il commissario Rex”, nè un qualsiasi film western, nè un qualsiasi documentario sui leoni o le giraffe della savana.

Fino ad un paio d’anni fa, Daisy aveva un udito finissimo.
Anche se si trovava al piano di sopra, sentiva la presenza degli” intrusi”.
Le bastava sentire non dico un latrato, ma anche un semplice uggiolio di un cane in tv per catapultarsi da basso, irrompere in salotto e mettersi ad abbaiare allo schermo.
Adesso scatena il putiferio solo quando vede le immagini, perchè è diventata completamente sorda.

La cosa mi dispiace per due motivi.
Il primo è legato al fatto che non assistiamo mai volentieri ai sintomi di declino in coloro che amiamo.
Il secondo risiede nel fatto che era una cagnetta obbedientissima.
Così adesso ho due cagnette disobbedienti: una lo è perchè è diventata sorda, l’altra, Cuba, non ha obbedito una volta in vita sua ( ma quella dei tentativi di dare un’educazione a Cuba è un’altra storia, merita un racconto a parte…)

TAG:
CAT: Letteratura

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...