Francesco
Francio Mazza

bio

Francesco F. Mazza (gia' I Hate Milano) e' nato a Milano ma da qualche tempo vive a New York. Quando e' a New York vuole tornare a Milano, quando e' a Milano vuole tornare a New York.

BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 21/04/2017

in: "Non e' la Rai" era una cagata pazzesca

ti ringrazio per la correzione. Scrivo con una tastiera americana, e la vita e' troppo breve per riuscire ad addomesticarne gli accenti che le parole suggerite impazzite. A volte i ragazzi del sito mi danno una mano ma altre non hanno tempo e qualcosa rimane. Ma e' meglio cosi': altrimenti i vari direttori dei Giornaloni [...] in pantofole non avrebbero argomenti per scrollare le spalle davanti a "quelli del web", e sfogherebbero la frustazione andando ad aprire l'impermeabile nei parchi. Cordialita'.

Altro Chiudi
Pubblicato il 26/03/2017

in: D'Annunzio finisce in cabaret

Le cito Renzo De Felice, dal "D'annunzio politico", introduzione, pagina XII: "Gli intenti politici, il fervore morale, le prospettive che D'Annunzio e Mussolini misero nell'impresa di Fiume furono e divennero diversissime, come diversissime furono le conseguenze e gli insegnamenti che ne trassero". Proseguo a pagine XII: "Se non si riesce a comprendere l'importanza del ruolo di [...] D'Annunzio a Fiume, e' difficile capire come mai Lenin nel 1920 potesse affermare che D'Annunzio era un " vero rivoluzionario", o perché' Gramsci nel 1921 riconsiderasse sotto un'ottica diversa l'impresa fiumana e volesse incontrare personalmente D'Annunzio, o perché perfino Bordiga, nel 1924, mostrasse interesse nel movimento dannunziano, lo distinguesse dal fascismo e anzi, affermasse che potesse assumere un carattere di forza d'opposizione al fascismo meglio di qualunque formazione borghese".

Altro Chiudi
Pubblicato il 25/03/2017

in: D'Annunzio finisce in cabaret

Non entro sul merito dello spettacolo, che sarà' certamente validissimo. Faccio presente pero' che il giudizio storiografico sulla presenza di D'Annunzio a Fiume, pur contraddittoria, non e' assolutamente cosi' negativo come da lei riportato. Nessuno storico realmente indipendente, che non scadi ne' in posizione filoitaliane ne' filoslave si sognerebbe mai di parlarne con i termini [...] con cui ne ha parlato lei. Le suggerisco alcuni testi: "Fiume", Mondadori, 2013, di Cavassini; il sempre interessante "L'Impresa di Fiume" di Guerra, uscito negli anni '70; "the First Duce" di Johns Hopkins; o ancora le parti dedicate a Fiume de "il D'Annunzio Politico" di Renzo De Felice. Le consiglio di leggerne almeno uno, per scoprire una pagina di storia italiana dimenticata, utilissima per comprendere il presente.

Altro Chiudi
Pubblicato il 25/03/2017

in: D'Annunzio finisce in cabaret

Non entro sul merito dello spettacolo, che sarà' certamente validissimo. Faccio presente pero' che il giudizio storiografico sulla presenza di D'Annunzio a Fiume, pur contraddittoria, non e' assolutamente cosi' negativo come da lei riportato. Nessuno storico realmente indipendente, che non scadi ne' in posizione filoitaliane ne' filoslave si sognerebbe mai di parlarne con i termini [...] con cui ne ha parlato lei. Le suggerisco alcuni testi: "Fiume", Mondadori, 2013, di Cavassini; il sempre interessante "L'Impresa di Fiume" di Guerra, uscito negli anni '70; "the First Duce" di Johns Hopkins; o ancora le parti dedicate a Fiume de "il D'Annunzio Politico" di Renzo De Felice. Le consiglio di leggerne almeno uno, per scoprire una pagina di storia italiana dimenticata, utilissima per comprendere il presente.

Altro Chiudi
CARICAMENTO...