Accusa di essere filomafioso a giornalista: referente Libera a processo

:
20 Luglio 2018

‘L’accostamento, dedotto in termini di assolutezza, tra chi attacca Enza Rando ed il porsi oggettivamente al fianco delle mafie costituisce con tutta evidenza una lesione dell’onore e della reputazione del destinatario di tale valutazione, in ragione del noto disvalore attribuito alle organizzazioni criminali ed ai relativi fiancheggiatori, cui il Leonelli risulterebbe ascritto semplicemente per aver redatto una inchiesta giornalistica, con argomentazioni la cui fandatezza non è lecito esaminare in questa sede’. Con queste motivazioni il 4 luglio scorso il Gip di Modena Salvatore Romito ha invitato il Pm a formulare l’imputazione per il reato di diffamazione nei confronti del referente di Libera Modena Maurizio Piccinini.
Insomma, dare del mafioso a un giornalista è diffamazione e Libera andrà a processo.
La vicenda è nota. Il direttore del quotidiano Prima Pagina, Giuseppe Leonelli (oggi direttore de La Pressa) pubblicò un articolo che riassumeva le consulenze della numero 2 di Libera, l’avvocato modenese Enza Rando. Consulenze in gran parte legate al mondo Pd.

LE CONSULENZE

Nel 2016 la Rando era nel cda della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e risultava aver ottenuto dalla Regione del presidente Pd Stefano Bonaccini una consulenza da 25mila euro per l’«armonizzazione e semplificazione fra la normativa regionale e nazionale in materia di legalità». Nel 2014 aveva avuto un incarico annuo da 20.400 euro da Sorgea, la multiulity che offre servizi acqua e gas in alcuni Comuni della Bassa (Finale in testa) e del Bolognese e il cui revisore è quella Alessandra Pederzoli, moglie del sindaco Muzzarelli. E ancora: attraverso il suo rinomato studio legale (di cui è contitolare con l’avvocato Pietro Gurrieri, da dicembre 2014 vicepresidente nazionale di Avviso Pubblico,) ha fatto consulenze per la Provincia di Modena (per esempio 96mila euro nel 2010 e 25.168 euro nel 2013 per ‘supporto al Rup sulle espropriazioni’) e per migliaia di euro per diversi comuni ed enti modenesi (a Nonantola fu per 49mila euro responsabile unico del secondo stralcio della variante alla strada provinciale) ed emiliani (tutti amministrati dal Pd). Consulenze le cui cifre sono state dedotte dai siti isituzionali dei singoli enti.

L’ATTACCO

Ebbene per quell’articolo Prima Pagina e il direttore Leonelli vennero accusati di essere ‘oggettivamente al fianco delle mafie’.Parole sottoscritte anche dall’allora senatore Pd e membro della commissione antimafia Stefano Vaccari il quale disse ‘Mi fa rabbrividire come si possono sentire forti le mafie in questo momento. E penso ad Enza, dentro le aule di giustizia, e a come possa avvertire tutto questo’.
Non solo in una chat in un numeroso gruppo di persone vicine a Libera la Rando disse che Prima Pagina faceva ‘informazione a pagamento dei poteri’. Poteri evidentemente non tanto forti visto che il giornale chiuse dopo tre mesi dalla quella inchiesta.

Oggi il Gip ha ritenuto che il referente di Libera per quelle frasi debba andare a processo.

TAG: antimafia, Libera, modena
CAT: Criminalità, Editoria

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. aldo-ferrara 2 anni fa

    I fili rossi che creano una ragnatela rossa hanno finito per fagocitare PD e quel resta della sinistra o pseudo-tale. Non ci sarà ripresa se non si ripensa in termini di questione di etica politica, servizio allo Stato, quello che Enrico Berlinguer chiamava ” Questione Morale”

    Rispondi 0 0
  2. aldo-ferrara 2 anni fa

    I fili rossi che creano una ragnatela rossa hanno finito per fagocitare PD e quel resta della sinistra o pseudo-tale. Non ci sarà ripresa se non si ripensa in termini di questione di etica politica, servizio allo Stato, quello che Enrico Berlinguer chiamava ” Questione Morale”

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...