Guerra ucraina nel Paese senza meraviglie

:
31 Marzo 2022

Tra sanzioni, discriminazioni negli aiuti umanitari, speculazioni sui carburanti e sugli alimenti, l’impatto sulle popolazioni è sempre più grave, in particolare nei paesi in via di sviluppo. Yemen, Sahara occidentale, Siria, Afghanistan sono i paesi che stanno pagando il prezzo più alto e il mondo sembra fermamente convinto di aver trovato la soluzione: armare l’Ucraina e salvare gli ucraini.

Dalle 4 del mattino del 24 febbraio 2022, quando è iniziato l’attacco armato della Federazione Russa contro l’Ucraina, fino alla mezzanotte del 30 marzo 2022 (ora locale), l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) ha registrato 3.167 vittime civili nel paese: 1.232 morti e 1.935 feriti.

Gli ucraini sono una piccola percentuale di tutti gli sfollati nel mondo: oltre 82,4 milioni di persone nel mondo sono state costrette ad abbandonare le proprie case, tra questi, 26,4 milioni di persone sono rifugiati e più della metà ha meno di 18 anni e non è tutto: ci sono milioni di apolidi a cui è stata negata la nazionalità e l’accesso a diritti fondamentali come istruzione, salute, lavoro e libertà di movimento.

Se si considerano solo le situazioni di sfollamento internazionale sotto mandato dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), la Siria è in cima alla lista con 6,8 milioni di persone, seguita dal Venezuela con 4,9 milioni. Seguono Afghanistan e Sud Sudan, rispettivamente con 2,8 e 2,2 milioni.

La guerra in Ucraina ha lanciato le diverse “classi” tra i profughi e mentre si aprono le porte ai bianchi fuggiaschi, le stesse continuano ad essere chiuse a tutti gli altri, purtroppo sono questi altri che dovranno soffrire ancora per molto, bisognosi di cibo, medicine e case.

“La guerra in Ucraina è un orrore che si svolge davanti ai nostri occhi. Ma la guerra è anche un assalto alle persone e ai paesi più vulnerabili del nostro mondo. Molti paesi in via di sviluppo stavano già lottando per riprendersi dall’impatto economico della pandemia di COVID-19: inflazione record; aumento dei tassi di interesse; carichi di debito ingestibili. Ora si trovano ad affrontare bollette da capogiro per cibo, energia e fertilizzanti”, dichiara António Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite, durante l’apertura del Comitato direttivo del Gruppo di risposta alla crisi globale su cibo, energia e finanza.

 

Discriminazione nel fornire aiuti umanitari

“Allo stesso tempo, alcuni paesi sviluppati stanno segnalando un ridotto impegno negli aiuti umanitari e allo sviluppo. Dobbiamo unire i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo per trovare soluzioni globali. Perché questa è una crisi mondiale” ha proseguito António Guterres.

Questo è vero: accade in Yemen, e nei campi profughi Saharawi di Tindouf, nel sud dell’Algeria,infatti mentre gli ucraini ricevono il pane appena sfornato attraverso panifici appaltati dal Programma alimentare mondiale (WFP), mobilitando più di 478 tonnellate di grano, Yemeniti e Saharawi non hanno altro che la sabbia del deserto in cui si trovano. Sfortunatamente, la sabbia non è commestibile.

Inoltre, le cose non sono lontane dal cambiare: mentre lo Yemen ha perso 900 milioni di fondi per i suoi aiuti umanitari, si conferma che i campi profughi Saharawi non riceveranno alcun aiuto dal WFP questo mese, forse nemmeno il prossimo.

Nonostante ciò la comunità internazionale approfitta del “rumore” sull’Ucraina, per spingere alcuni paesi ancora più in disparte.

L’indisponibilità o l’alto costo delle sementi e dei fertilizzanti causata dalla guerra e dalle sue sanzioni incide sull’insicurezza alimentare nel mondo, esacerbando la crisi alimentare che ha già portato a circa 800 milioni di persone riconosciute come fragili soprattutto nei paesi in via di sviluppo dell’Africa e dell’America Latina America.

Le sanzioni unilaterali che prendono di mira i sistemi fiscali, comprese le rimesse e altre transazioni finanziarie internazionali, legate ai bisogni primari di una popolazione, vanno contro i principi fondamentali dei diritti umani.

Un embargo sul carburante non si limita a mettere pressione sull’economia,  può impedire a un paese di generare energia elettrica sufficiente e questo può influire sulla sua capacità di far funzionare le pompe necessarie per fornire acqua pulita alla sua popolazione e ai servizi cruciali come ospedali e scuole.

Le banche e le imprese non devono impedire o essere  bloccate nel commercio  e nella fornitura  vitale di cibo, acqua, attrezzature mediche, medicinali e vaccini, pezzi di ricambio, attrezzature o reagenti necessari per la manutenzione di infrastrutture critiche.

“Nessun paese può isolarsi da un collasso del sistema economico globale; l’effetto domino dell’accumulo di cibo o carburante; o l’impatto a lungo termine dell’aumento della povertà e della fame”, ha avvertito il Segretario generale delle Nazioni Unite. “Dobbiamo essere chiari. C’è abbastanza cibo, c’è abbastanza energia, ci sono abbastanza finanziamenti per tutti i paesi per sopravvivere alle crisi interconnesse create da questa guerra. Ma profonde disuguaglianze, insieme a problemi di distribuzione e logistica, significano che le catene di approvvigionamento sono state interrotte. Risolvere queste crisi richiede un’azione coordinata su tutta la linea”.

È vero.

C’è la capacità di regalare a ogni abitante uno smartphone, ma più di un terzo non ce l’ha; c’è la capacità di costruire alloggi dignitosi per tutti gli abitanti, ma i senzatetto aumentano sempre di più; c’è la possibilità di incorporare il mondo intero in un sistema sanitario, la cui portata è un lusso in molti paesi; vi è la capacità di fornire istruzione e in generale di soddisfare tutti i bisogni compresi quelli culturali, artistici, ricreativi e d’ intrattenimento. Ma il sistema capitalista lo impedisce perché altrimenti muore come sistema. I bisogni della popolazione sono una fonte di ricchezza per il profitto di una minoranza. Alla fine, tutto diventa un prodotto e, anche le organizzazioni umanitarie, rimangono imprenditori umanitari.

E, all’interno di questo gioco, ora stiamo giocando, e ogni Paese cerca di approfittarne, o di salvarsi da un possibile annegamento.

E quale soluzione troverà il nostro mondo globalizzato, il nostro Paese senza meraviglie?

 

Il mandato del Global Crisis Response Group: un nuovo piano Marshall?

“Dobbiamo sbarazzarci delle strozzature, prevenire l’accaparramento e la speculazione, riformare i quadri finanziari, permettere a chi ha bisogno di soldi di acquistare cose essenziali per i loro Paesi per avere accesso a quei fondi, rivedendo le regole e i criteri di ammissibilità quando necessario. Qualsiasi paese che ha bisogno di supporto deve potervi accedere. Questo è il mandato del Global Crisis Response Group, che convocherò”, dichiara Antonio Guterres.

“I membri includeranno capi di Stato e di governo che si sono offerti volontari per sostenere e sostenere questi problemi con le parti interessate critiche. Spero che voi, membri di questo Comitato Direttivo, mobiliterete soluzioni e proporrete strategie e raccomandazioni per aiutare tutti i Paesi, compresi i più vulnerabili, a superare queste crisi interconnesse”, continua il Segretario Generale.

Così António Guterres descrive le quattro aree immediate su cui si concentra questo Comitato Direttivo:

  • Primo, coordinamento. Queste crisi sono profondamente connesse. Il rischio è che approcci frammentari risolvano un problema ma ne peggiorino un altro. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di raccomandazioni co-create che allineino le parti interessate alle soluzioni. La coerenza deve essere al centro del nostro lavoro, quindi dobbiamo essere completamente trasparenti e condividere le informazioni. So che il nostro team tecnico ha già impostato alcuni strumenti digitali. Saranno lì per il nostro uso comune.
  • In secondo luogo, queste crisi richiedono un’azione urgente. Le soluzioni proposte dovrebbero essere pronte per essere implementate. Ad esempio, abbiamo bisogno di proposte immediate per superare le nuove restrizioni allo spazio aereo russo e al trasporto su strada per prevenire ulteriori crisi nella catena di approvvigionamento.
  • Terzo, dati e analisi. Vi esorto a sfruttare appieno la capacità dei dati sia all’interno che all’esterno delle Nazioni Unite, dai team nazionali delle Nazioni Unite ai laboratori di dati nei dipartimenti e nelle agenzie, UN Global Pulse e, naturalmente, il ruolo critico delle istituzioni finanziarie internazionali. In questa situazione in rapida evoluzione, le vostre proposte devono essere basate su prove e informate da dati e analisi aggiornati.
  • Quarto, associazione. Il Global Crisis Response Group e il Comitato direttivo dovrebbero essere in grado di riunire tutti gli attori per trovare soluzioni, dagli Stati membri e dal sistema delle Nazioni Unite alle istituzioni finanziarie internazionali, alle organizzazioni regionali, ai raggruppamenti di paesi, ai governi locali, al settore privato, alla società civile e accademico. e partner di comunicazione.

Il Global Crisis Response Group compare intanto che la Germania propone un nuovo “Piano Marshall”, a sostegno dell’Ucraina.

Il Piano Marshall era un programma lanciato dagli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale per aiutare i paesi europei a riprendersi dalla distruzione causata dal conflitto,tuttavia il suo ideatore, dichiarato anticomunista, vedeva nel Piano Marshall un modo per mettere l’Europa sotto il proprio controllo e allontanarla così dal “pericolo comunista”.

“Non mi faccio illusioni sulla portata del compito che ci attende. Ma sono incoraggiato da quanto ho visto finora, sia all’interno della famiglia delle Nazioni Unite, sia all’interno delle istituzioni finanziarie internazionali che all’interno degli Stati membri. C’è un grande interesse per il Global Crisis Response Group da parte dei governi di tutto il mondo”, continua Antonio Guterres. “Dobbiamo trarre il massimo da questo parlando con una sola voce, con una chiara difesa a favore dei più vulnerabili. Ho piena fiducia che questo Comitato Direttivo fornirà la direzione e la concentrazione necessarie per le nostre decisioni”.

Sembra oggettivamente difficile avere la stessa fiducia che Antonio Guterres ha nei confronti dei paesi che restano nel Consiglio dei diritti umani solo quando sono interessati e lasciano le stanze vuote per la maggior parte del tempo. Saranno in grado di fare qualcosa per l’umanità o solo per se stessi?

 

Foto: ©Elena Rusca

TAG: #ACNUR, #aiutiumanitari, #AntonioGuterres, #army, #discrimination, #GuerraRussiaUcraina, #Marshall, #mcu, #PlanMarshall, #SaharaOccidentale, #WFP, embargo, onu, refugees, speculazione, UNCHR, yemen
CAT: diritti umani, Geopolitica

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. andrea-lenzi 4 mesi fa

    ORA l’ucraina è sotto assedio e va salvata. Poi di certo occorre occuparsi di tutte le poplazioni vittime di guerre, siccità ed altre cause di migrazione.
    Il piano Marshall, a mio umile parere, va fatto sia per ucraina sia per russia, poiché quella merdaccia di putin sta aggredendo le nazioni vicine per ché la economia russa è messa male dalla fine dell’URSS e sarà sempre peggio. L’obiettivo è la stabilità, l’equilibrio, unico modo di aver pace

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...