Perché una moneta unica per l’Europa federata? Lo spiega Einaudi

:
4 Novembre 2014

Oggi, 4 novembre,entra in vigore la supervisione bancaria unica da parte della Banca centrale europea.

Il nuovo sforzo di coordinamento degli operatori finanziari dovrebbe rappresentare un ulteriore passo avanti, in termini di strumentazione di controllo e di gestione, verso il consolidamento dell’area della moneta unica.

Eppure, negli ultimi anni l’euro anziché consolidarsi è oggetto di una sempre più seria crisi di rigetto. Si sapeva che la sua adozione era stata un “gettare il cuore oltre l’ostacolo”, mettendo i paesi membri e le istituzioni comunitarie di fronte al fatto compiuto di una moneta unitaria che, per funzionare, aveva bisogno di tutte quelle riforme e di quei passi di integrazione su cui fino ad allora si era stati troppo timidi. Piena integrazione bancaria e finanziaria, politica unica del debito, gestioni della spesa pubblica più omogenee, politiche fiscali coordinate, una mobilità tra gli stati membri priva di impedimenti non solo giuridici, regole e strutture d’insieme per il mercato del lavoro. Questi passaggi stanno però avvenendo a singhiozzo, e in un clima di perenne emergenza e di quasi generale stagnazione economica che molto spesso si riconduce, nel discorso pubblico di molti paesi membri, proprio alla “gabbia” delle politiche monetarie unitarie.

In questa situazione quasi paradossale, in cui i vertici delle istituzioni continentali continuano a imporre l’agenda dell’unificazione economica e finanziaria a fronte di un deciso arretramento dello spirito di integrazione nelle realtà nazionali coinvolte, le frizioni continue spingono sensibilmente alla tentazione di mandare tutto all’aria. Siccome non abbiamo voluto fare lo sforzo di fare ciò che andava fatto per tenere in piedi l’euro, vogliamo la strada più facile di dare a una moneta la colpa delle nostre mancanze, e vediamo l’unica soluzione possibile nel ritorno alle divise nazionali, ovvero a una dimensione istituzionale che ancora conserva tutti gli strumenti necessari per far andare avanti una valuta senza il bisogno di metterne in piedi di nuovi. Così possono essere letti, nelle loro espressioni meno becere e irrazionali, i richiami alla “sovranità monetaria” che ormai da tempo caratterizzano le voci più radicali del dibattito politico e mediatico.

Mai come in questa situazione è il caso di tornare a pensare per un attimo a perché a un certo punto si è deciso, pur con tutte le possibili storture del caso, di usare proprio lo strumento della moneta per un salto di qualità dell’unificazione europea. Possono sicuramente aiutarci le parole di uno degli italiani che più di tutti ha creduto nella soluzione federativa agli immani problemi che hanno travagliato il vecchio continente nel Novecento: Luigi Einaudi.

Nel 1944, rifugiato in Svizzera dopo che nell’autunno precedente le autorità della Repubblica sociale lo avevano in sostanza condannato a morte, Einaudi era tornato a riflettere sul grande progetto di federazione internazionale che già aveva elaborato assistendo alla Grande guerra oltre vent’anni prima, e che considerava l’unico antidoto ai danni causati dal “mito” giuridico-politico della sovranità nazionale. Solo ponendo fine alla finzione di un’entità organica priva di limiti e freni concreti che non fossero la soddisfazione delle proprie presunte esigenze, pensava il grande piemontese, e solo sottraendo al controllo esclusivo e arbitrario dello stato gli strumenti della politica internazionale, si sarebbero potuti costruire rapporti internazionali meno aggressivi, tra istituzioni che, una volta private della necessità di un confronto reciproco intimamente intriso di violenza, non avrebbero più potuto né ritenuto opportuno organizzare le proprie società con metodi inevitabilmente autoritari e illiberali ad affrontare una guerra sempre imminente.

Gli strumenti a cui Einaudi pensava non erano solo quelli politici, polizieschi e militari. Fin da quando, all’inizio del Novecento, si era fatto alfiere del libero scambio e dell’antiprotezionismo, l’economista di Carrù aveva individuato proprio nella politica economica il più potente mezzo di intervento e di coordinamento coercitivo dello stato sulla vita sociale. La sua battaglia per il libero scambio interno e internazionale, per il contenimento della spesa pubblica, per la moderazione fiscale e per la netta limitazione delle regolamentazioni della vita professionale e dei rapporti economici privati era sempre stata politica prima ancora che tecnicamente economica. Uno stato “interventista” e “decisionista” nell’impiego e nella distribuzione della ricchezza prodotta dal lavoro sociale e “aggressivo” nel confronto sui mercati vive sul presupposto che una autorità debba guidare la società prendendo decisioni irrevocabili e univoche su come essa deve organizzare se stessa alla luce di un “interesse superiore”. Dislocare diversamente i poteri di controllo della vita economica era quindi un passo fondamentale verso la realizzazione di quella società aperta, dinamica, libera, fondata sulla collaborazione e lo scambio pacifico tra individui, gruppi sociali, comunità e nazioni, che si sarebbe potuta costituire grazie a istituzioni che vedessero limitata la loro funzione a quella di garanti della legalità e dell’eguale accesso alle risorse fondamentali.

 

Il disordine attuale delle unità monetarie in tutti i paesi del mondo, le difficoltà degli scambi derivanti dall’incertezza dei saggi di cambio tra un paese e l’altro e più dalla impossibilità di effettuare i cambi medesimi, hanno reso evidente agli occhi di tutti il vantaggio che deriverebbe dall’adozione di un’unica unità monetaria in tutto il territorio della federazione. Se, dappertutto in Europa […], si ragionasse e si conteggiasse e si facessero i prezzi di beni e di servigi, ad esempio, […] in lire zecchine, quanta semplificazione, quanta facilità nei pagamenti, nei trasferimenti di denaro, nei regolamenti dei saldi!

Il vantaggio del sistema non sarebbe solo di conteggio e di comodità nei pagamenti e nelle transazioni interstatali. Per quanto altissimo, il vantaggio sarebbe piccolo in confronto di un altro, di pregio di gran lunga superiore, che è l’abolizione della sovranità dei singoli stati in materia monetaria. Chi ricorda il malo uso che molti stati avevano fatto e fanno del diritto di battere moneta non può aver dubbio rispetto alla urgenza di togliere ad essi cosiffatto diritto. Esso si è ridotto in sostanza al diritto di falsificare moneta […]. E cioè al diritto di imporre ai popoli la peggiore delle imposte, peggiore perché inavvertita, gravante assai più sui poveri che sui ricchi, cagione di arricchimento per i pochi e di impoverimento per i più, lievito di malcontento per ogni classe contro ogni altra classe sociale e di disordine sociale. La svalutazione della lira italiana e del marco tedesco, che rovinò le classi medie e rese malcontente le classi operaie, fu una delle cause da cui nacquero le bande di disoccupati intellettuali e di facinorosi che diedero il potere ai dittatori. Se la federazione europea toglierà ai singoli stati federati la possibilità di far fronte alle opere pubbliche col far gemere il torchio dei biglietti, e li costringerà a provvedere unicamente colle imposte e con i prestiti volontari, avrà, per ciò solo, compiuto opera grande. Opera di democrazia sana ed efficace, perché i governanti degli stati federati non potranno più ingannare i popoli, col miraggio di opere compiute senza costo, grazie al miracolismo dei biglietti, ma dovranno, per ottenere consenso a nuove imposte o credito per nuovi prestiti, dimostrare di rendere servigi effettivi ai cittadini.

 

[Luigi Einaudi, I problemi economici della federazione europea, scritto per il Movimento federalista europeo e pubblicato nelle Nuove Edizioni di Capolago, Lugano, 1944, poi raccolto in La guerra e l’unità europea, Milano, Edizioni di Comunità, 1948, pp. 38-40.]

TAG: euro, Luigi Einaudi, noeuro, Unione europea
CAT: Euro e BCE, Storia

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. Nicola Strada 6 anni fa

    Questo è lo stesso fascismo che condannò Einaudi a morte. Quest’atteggiamento sprezzante nei confronti della cittadinanza è rivoltante, e ancor più rivoltante è vederlo applicare sempre più spesso da quella sinistra che si proclama riformista e attenta ai bisogni dei lavoratori.
    Lo Stato deve essere al servizio dei cittadini, altrimenti, nel momento in cui i cittadini (tutti o una parte sufficientemente cospicua) decidono che lo Stato non sta facendo il loro interesse, il contratto sociale salta.
    Se l’Unione politica può senza dubbio essere auspicabile, il fine non giustifica comunque i mezzi. Altrimenti non si può razionalmente affermare che l’ISIS sia un’organizzazione terroristica, piuttosto che uno Stato che legittimamente impiega strumenti “di coordinamento coercitivo dello stato sulla vita sociale”

    Rispondi 0 0
    1. Andrea Gilardoni 6 anni fa

      Potrebbe spiegarsi meglio? Quali mezzi sarebbero ingiustificabili per l’unione politica? Cosa c’entra l’ISIS? Lo Stato sara’ al servizio dei cittadini, ma e’ forse anche in grado di fare tutto quello che i cittadini desiderano? Non lo sta forse confondendo con Dio onnipotente? E senza Stato staremmo meglio? E l’Unione europea e’ lo Stato di cui parla? La ringrazio dei chiarimenti che vorra’ dare.

      Rispondi 0 0
      1. Nicola Strada 6 anni fa

        Rispondo per punti, in ordine arbitrario, per mia comodità:
        1. Cosa c’entra l’ISIS?
        L’ISIS è, a mio avviso, l’esempio perfetto della degenerazione del concetto di Stato-pade, cioè di uno stato che da espressione della società ne vuole divenire artefice. Dico vuole perché ritengo sia una volontà utopistica, dal momento che lo Stato non potrà mai essere interprete perfetto della volontà di ogni singolo, e quindi si avrà necessariamente una scollatura tra la società civile e lo Stato. Quanto più forte e/o estesa diventa questa scollatura, tanto più fragile diviene il contratto sociale e quindi più probabile la sua rottura.
        L’articolo dice testualmente che “l’economista di Carrù aveva individuato proprio nella politica economica il più potente mezzo di intervento e di coordinamento coercitivo dello stato sulla vita sociale.”. Ovvero il mezzo attraverso il quale poteva indirizzare la società ad adottare provvedimenti indigesti in nome di un bene superiore.
        Questo è esattamente l’atteggiamento che caratterizza tutti i movimenti dittatoriali, e contiene un errore di fondo semplice ma non banale: non può esistere per uno Stato un bene superiore a quello del suo popolo. Qualora lo Stato dovesse servire un’interesse terzo rispetto a quello del proprio popolo (ad esempio di una sovrastruttura internazionale anziché dell’interesse nazionale, per dire) verrebbe meno ai propri obblighi. Di solito una situazione di questo tipo si risolve in maniera tanto più violenta e repentina quanto più tardivo è il riallineamento dell’azione di governo con la volontà popolare.
        2. Quali mezzi sarebbero ingiustificabili per un unione politica?
        L’annessione militare, per fare un esempio. O un’unione monetaria insostenibile (e di letteratura sull’argomento ce n’è a iosa, lo ammette persino l’autore dell’articolo) che costringa il proprio sistema industriale a competere in un ambiente sleale, spingendo gli imprenditori al suicidio, la disoccupazione giovanile al 50% e altre amenità del genere suscettibili di esercitare “coordinamento coercitivo dello stato sulla vita sociale”. Cioè ammazzando la gente per poter fare le riforme, che altrimenti non passerebbero.
        3. Lo Stato sara’ al servizio dei cittadini, ma e’ forse anche in grado di fare tutto quello che i cittadini desiderano?
        Assolutamente no, e questo è il vero significato della politica come compromesso, che non c’entra una rava con inciuci del tipo “tu fai un favore a me, io faccio un favore a te”. Come ho affermato poc’anzi, ritengo impossibile per uno Stato soddisfare le esigenze di tutti i cittadini singolarmente o anche come gruppi (sindacati – Confindustria, per esempio), perciò dovrà mediare tra le varie istanze della società, auspicabilmente offrendo le garanzie maggiori al soggetto più debole. E già individuarlo non è banale.
        4. Non lo sta forse confondendo con Dio onnipotente?
        No, no, sono abbastanza sicuro che sia lo Stato. Dio è quello che ficca a testa in giù i traditori della Patria nel girone più nero e fondo dell’Inferno.
        5. E senza Stato staremmo meglio?
        No, perché non ci sarebbe tutela per il debole. Lo Stato dovrebbe fare proprio quel lavoro lì.
        6. E l’Unione europea e’ lo Stato di cui parla?
        No, parlo del fatto che, a mio avviso, lo Stato italiano stia tradendo gli interessi del popolo italiano asservendosi al dominio economico straniero. Ci avevano promesso collaborazione, mi pare che qui in Europa ci si scanni peggio che in una bettola di Belfast il venerdì sera.
        6. Potrebbe spiegarsi meglio?
        Spero di averlo fatto. Dovessero rimanere dei dubbi, chieda pure.

        Rispondi 0 0
CARICAMENTO...