Cartabia: un’intervista per i giustizialisti

:
16 Febbraio 2020

Il nostro presidente della Corte Costituzionale,Marta Cartabia, ha concesso una significativa intervista al quotidiano “La Repubblica” (16.2.2020) che dovrebbe indurre ad un’accurata ed appropriata riflessione.
Sono trattati diversi temi, ma in modo particolare è tratteggiata la funzione primigenia del diritto nelle sue fondamentali declinazioni.
Il Presidente della Corte delle Leggi ci ricorda:
1- il diritto è in primo luogo composizione dei conflitti sociali ed anche quando essi sono drammaticamente tragici deve sempre prevalere l’equo contemperamento degli interessi in contesa e giammai deve essere schiacciata la parte più debole.La giustizia deve sempre esprimere un volto umano e “deve bilanciare le esigenze di tutti“.
2- Nella nostra Carta Costituzionale è diffuso il principio di aiutare il reo che ha sbagliato, perché la pena non deve essere vendicativa, ma deve promuovere il reinserimento del condannato nel tessuto sociale, come ci insegna l’art.27. “Una giustizia giusta, se vogliamo usare quest’espressione, è una giustizia che permette di guardare al futuro, che non si pietrifica su fatti passati che pure sono indelebili. La giustizia giusta è riconciliazione, non vendetta. Perché la giustizia vendicativa – ce lo insegna la tragedia greca, in particolare l’Orestea di Eschilo – distrugge insieme gli individui e la polis, mentre una giustizia riconciliativa realizza l’armonia sociale”.
3- I processi non possono essere lunghi: l’imputato non può essere considerato colpevole anzitempo, perché vale la presunzione d’innocenza.
E qui il Presidente Cartabia è stata chiarissima anche sulla prescrizione: “è evidente che i processi troppo lunghi si tramutano in un anticipo di pena, anche se l’imputato non è in carcere. Che il processo debba avere una ragionevole durata è un principio di civiltà giuridica scritto nelle norme internazionali ed esplicitato nella Costituzione dal ’99. Sono molti i fattori che concorrono alla lunga durata del processo, alcuni di natura organizzativa, altri legati alla necessità di accuratezza delle prove e alle garanzie per l’imputato. Perciò, risolvere questo problema richiede un’azione su vari fronti e certamente una riflessione pacata di tutti, al di là di ogni steccato ideologico”.
4- Ricorda il Presidente Cartabia anche la dichiarata incostituzionalità della legge “Spazzacorrotti”, nella parte in cui si vuole interpretare retroattivamente la legge penale per fatti – condotte criminose – che si siano verificati prima della sua entrata in vigore. È una risposta ai giustizialisti come Travaglio che, di converso, hanno dato di questa decisione un giudizio fortemente negativo: si legga il fondo apparso su “Il Fatto Quotidiano”- “Ed ora tutti fuori”- del 13/2/2020.
Il Presidente Cartabia ha scritto un libro bellissimo con Luciano Violante “Giustizia e Mito” edito da “Il Mulino”.
Ha uno spiccato tratto distintivo il riferimento alla tragedia dell’Oristea di Eschilo ove sono ricordate le Eumenidi.
Cartabia sottolinea che le Erinni, dee vendicatrici, si trasformano in Eumenidi, dee benevoli, perché interviene Atena, la Ragione, che inventa il processo nell’Aeropago.
Questo significa che un imputato deve difendersi nel processo, non dal processo, che non può essere considerato colpevole anzitempo, che il sospetto non è prova e che la piazza, la gogna della moltitudine – soprattutto attraverso l’ignobile e dissennato uso dei social – non debba essere un patibolo, un tribunale senza le garanzie ordinamentali.
Speriamo che abbiano letta questa intervista anche Marco Travaglio, Pier Camillo Davigo ed il Ministro Bonafede.

TAG: cartabia, corte costituzionale
CAT: Giustizia, Legislazione

4 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. uldio-calatonaca 7 mesi fa

    Considerazioni ineccepibili, e per fortuna perché significa che siamo ancora in uno stato di diritto, anche se non so per quanto ancora (visti gli odierni tempi populisti) e non so se è davvero sempre così o spesso è solo una impostazione sulla carta.

    Rispondi 0 0
  2. uldio-calatonaca 7 mesi fa

    Considerazioni ineccepibili, e per fortuna perché significa che siamo ancora in uno stato di diritto, anche se non so per quanto ancora (visti gli odierni tempi populisti) e non so se è davvero sempre così o spesso è solo una impostazione sulla carta.

    Rispondi 0 0
  3. lina-arena 7 mesi fa

    ho già comprato il libro che la Cartabia ha scritto con Luciano Violante.Lo leggerò per la curiosità che nutro rispetto alla compatibilità delle posizioni della Cartabia con quelle di Violante, notoriamente giustizialiste. I tempi lo hanno forse cambiato? Vedremo.

    Rispondi 0 0
  4. alding 7 mesi fa

    Sante parole !!!

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...