Stavamo scherzando: potete ricominciare la vostra vita di merda

:
17 maggio 2020

Qualcosa non è cambiato.

L’apocalissi annunciata non ci sarà e col metro di distanza ce la caveremo.

Si chiudono così i mesi dell’emergenza, i bollettini pomeridiani, gli audio disperati su WhatsApp, le bare incolonnate. Conte comunica la progressiva riapertura di tutte le attività mentre Casalino, come fosse a Sanremo, annuncia l’intervento dei giornalisti.

Complimenti per tutti e da tutti e se qualcuno fosse o fosse stato in in grado di fare di meglio si faccia avanti, verrà tenuto presente.

Un po’ di spocchia e quella sottile voglia di ironizzare ci dicono che anche se non abbiamo raggiunto l’immunità di gregge possiamo consolarci perché, almeno, siamo diventati pecore.

La pandemia, il plexiglas tra gli ombrelloni, i quattro metri quadrati, i congiunti, gli affetti stabili diventano improvvisamente reperti di un passato da dimenticare e il perché non ce lo spiega nessuno.

Non si spendono parole sulla strategia e sulle motivazioni che portano a questa virata, non si spiega niente e quindi non si capisce niente a parte forse un cosa: continuare a considerare i cittadini il problema non farà del governo una risorsa.

 

 

TAG:
CAT: Governo

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. gargandona 1 settimana fa
    Non sono d’accordo; a me sembra che il Governo stia cercando di conciliare la lotta al virus con la ripresa delle attività al fine di non pregiudicare ulteriormente la vita di tutti noi; e ciò ci viene spiegato in ogni modo. Non capisco cosa questo articolo voglia in realtà dire! Naturalmente il Governo ha fatto errori e io non condivido diverse scelte della cosiddetta fase 2 (tipo dare soldi o togliere l’IRAP anche ad aziende che non hanno avuto perdite)ma ritengo che le critiche debbano essere , non generiche, e soprattutto costruttive.
    Rispondi 1 0
  2. gargandona 1 settimana fa
    Non sono d’accordo; a me sembra che il Governo stia cercando di conciliare la lotta al virus con la ripresa delle attività al fine di non pregiudicare ulteriormente la vita di tutti noi; e ciò ci viene spiegato in ogni modo. Non capisco cosa questo articolo voglia in realtà dire! Naturalmente il Governo ha fatto errori e io non condivido diverse scelte della cosiddetta fase 2 (tipo dare soldi o togliere l’IRAP anche ad aziende che non hanno avuto perdite)ma ritengo che le critiche debbano essere , non generiche, e soprattutto costruttive.
    Rispondi 0 0
  3. cyrana56 1 settimana fa
    caro ispettore dei lavori finiti, lei avrebbe saputo fare di meglio? ci dica come...
    Rispondi 0 0
  4. unoqualsiasi 1 settimana fa
    Mah, fermo restando che non sono un fan del governo e soprattutto fermo restando che chi lavora nel "voluttario" abbia diritto di assoluta cittadinanza, per cui le loro preoccupazioni e certe richieste di poter comunque aprire sono ampiamente comprensibili, a me ha fatto ribrezzo che non il lavoratore, del settore, lui sì come detto giustificato, ma l'utente si sia preoccupato per le sue vacanze. Per cui non è che siamo trattati da pecore. Lo eravamo e abbiamo colto l'occasione per confermarlo. Ci interessa non cessare la nostra vita, sì di merda, o nella società dello spettacolo con Debord, per cui è difficile se non siamo persone serie che un altro, qui il governo, possa comunque parlare con noi. Non per giustificare il governo, ma per non giustificare noi. Non so se rendo.
    Rispondi 0 0
  5. giovanni-gualtiero 1 settimana fa
    sul lato della piazza, guardato dal gregge, c'è sua santità francesco?
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...