Gli applausi a Mattarella e i diritti civili

:
3 Febbraio 2015

Oggi Sergio Mattarella ha tenuto il discorso di insediamento davanti alle Camere riunite, un discorso che ha avuto riscontri positivi un po’ ovunque.

A me è piaciuto, conteneva parole che ultimamente erano spesso assenti dai grandi discorsi davanti al Parlamento come solidarietà, corruzione e mafia. Ha ricordato l’importanza della funzione legislativa che spetta al parlamento, ultimamente spesso sacrificata sull’altare della fretta e del decisionismo dell’esecutivo. Ha parlato di giovani, di scuola, di famiglia, di lavoro. Insomma ha parlato un po’ di tutto, come si confà a queste occasioni, ha menzionato persino i cooperanti rapiti e i marò.

E i parlamentari applaudivano, si spellavano le mani come ha fatto notare Jacopo Tondelli su queste pagine. Non ho ascoltato la diretta, ma immagino che abbiano applaudito anche alla seguente frase: “Garantire la Costituzione significa […] libertà. Libertà come pieno sviluppo dei diritti civili, nella sfera sociale come in  quella economica, nella sfera personale e affettiva.”

Una frase che dovrebbe turbare le coscienze di molti parlamentari, e di molti membri dell’esecutivo, che in campagna elettorale hanno promesso molto ma che nei due anni di legislatura appena trascorsi non hanno concluso nulla nell’ambito dei diritti civili. Perché non era mai il momento e perché i problemi del paese erano sempre altri. Ma anche perché alleati nella maggioranza del governo (e non solo) sono esponenti di quel cattolicesimo non-laico e, permettetemelo, oscurantista e ipocrita che ha da sempre ostacolato le vere riforme in tema di diritti civili nel nostro paese.

Mattarella, invece, si inserisce nel solco di quella tradizione di cattolici laici, adulti e visionari, che ha come padri Dossetti, Lazzati, La Pira e che ha sempre voluto riforme politiche e sociali ispirate all’eguaglianza e alla partecipazione. Persone che hanno saputo essere più laiche e libere di molti, anche di ex-comunisti.

Mi auguro quindi che un presidente cattolico, ma laico, insieme al nuovo corso del Vaticano possa dare quell’impulso che serve al parlamento per farci entrare finalmente nel ventunesimo secolo.

TAG: diritti civili, Mattarella, quirinale
CAT: Governo, Legislazione, Partiti e politici

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. pasqualehamel 6 anni fa

    Condivido le riflessioni di cui sopra. Un appunto, l’autrice è sicura che gli ex comunisti, come sembra presupporre, siano stati più laici e più liberi dei cattolici, tanto da farle affermare che quei cattolici, come il mio amico Sergio, siano un’eccezione ?

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...