Poesia | Eleonora Bordonaro

:
28 maggio 2018

Cunurtatu

Canusciu lu sgrusciu d’e scarpi n’ta scala
Dda cursa lignusa, a porta c’antappa
‘Nzettu a cammisa, ‘i causi, ‘u magghiuni
‘u tagghiu  d’acchetti ‘a ‘nzinga de buttuni
‘U sacciu su a varba è crisciuta
Arraspa, frica, sgraffia n’aricchia
Su ‘u ventu s’intrica e cummogghia a to ‘uci
M’attrovu sturduta, spaisata, abbarruata

Canusciu lu sgrusciu e a mossa d’e manu
Vidu cchi strummintii macari ‘i luntanu
‘U cchi ffari custanti, l’addenzia e a cura
Dda stritta virsusa prudenti e sicura
Manteni e accarizza
Conza e addisigna
Abbressa e spadedda
Na zabbanna di ferru, di crita, di cocciu e di ligna

All’antrasatta sbummica na risata
Comu di surgiva acqua ghiacciata

All’antrasatta tuttu si appariggia
S’arridi mi quetu, mi sentu cchiu leggia

All’antrasatta ti sciali
T’ascutu,  e quasi m’abbasta

‘U sentu su a sira si stancu
M’u ‘mmagginu ca t’addummisci a comu veni
Vidu l’occhi ca si chiudunu, a testa ca penni
‘U sciatu accumincia a so cursa
E iu ccu iddu e iu curru cu iddu

Ti vulissi stinnichiatu comudu
Ti vulissi abbrissatu caudu
Ti vulissi cunurtatu
Ti vulissi cunurtatu

 

 

Confortato

Conosco il rumore delle scarpe per le scale
Quella corsa legnosa, la porta che sbatte
Indovino la camicia, i pantaloni, il maglione
Il taglio delle asole la forma dei bottoni
Lo so se la barba è cresciuta,
gratta, sfrega, graffia l’orecchio
Se il vento si immischia e copre la tua voce
Mi trovo stordita, spaesata, frastornata

Conosco il rumore e la mossa della mano
Vedo quello che combini anche da lontano
Il da farsi costante, le attenzioni e la cura
Quella stretta esperta, saggia e sicura
Sorregge e accarezza
Prepara e disegna
Aggiusta e spadella
Una sarabanda di ferro, di creta, di coccio e di legna

All’improvviso scroscia una risata
Come acqua ghiacciata da una fonte

All’improvviso tutto si appiana
Se ridi mi tranquillizzo, mi sento più leggera

All’improvviso ti sciali
Ti ascolto e quasi mi basta

Lo sento se la sera sei stanco
Immagino che ti addormenti come capita
Vedo gli occhi che si chiudono
La testa che penzola
Il fiato comincia la sua corsa e io con lui
Io corro con lui

Ti vorrei sdraiato comodamente
Ti vorrei coperto caldamente
Ti vorrei confortato
Ti vorrei confortato

***

 

 

 


*
Eleonora Bordonaro è una cantautrice, interprete e ricercatrice siciliana, si occupa di musica popolare reinterpretando canti siciliani di tradizione orale, dalla poesia popolare a quella dei cantastorie, dal repertorio contadino a quello sacro, con particolare attenzione al racconto del mondo femminile. Autrice di Cuttuni e lamé. Trame streuse di una canta storie, edito nel 2017, con la produzione artistica di Puccio Castrogiovanni e la partecipazione di Alfio Antico.

Si interessa alla riscoperta del prezioso patrimonio poetico nella lingua gallo italica di San Fratello, Messina e, nel percorso di esplorazione delle isole linguistiche ancora vive in Sicilia, ha preso parte al progetto Skanderband, che lavora sul repertorio Arbereshe.
Dal 2008 è cantante solista dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, diretta da Ambrogio Sparagna.
Nel 2013 ha inciso La Custodia del Fuoco con il Majarìa Trio, in cui si rielaborano i testi delle raccolte ottocentesche di Lionardo Vigo e Giuseppe Pitrè in chiave etno jazz.
Ha fondato la Casa Museo del Cantastorie di Paternò, centro di produzione e creazione dell’arte della narrazione e ha cantato le colonne sonore di film per il cinema, documentari e video d’arte tra cui Mine Vaganti di Ferzan Ozpetek, Romanzo criminale di Stefano Sollima, La doppia ora di Giuseppe Capotondi, La Siciliana ribelle di Marco Amenta.
Canta in siciliano, italiano, portoghese, inglese, spagnolo e gallo-italico.

TAG: Eleonora Bordonaro, poesia, siciliano
CAT: Letteratura

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...