Chi ama i libri deve andare in Val Maira e visitare questa folle biblioteca

:
18 Agosto 2017

In Piemonte, dalle parti di Cuneo, la Val Maira è forse una delle valli più appartate delle Alpi. È lunga e stretta e non conduce ad alcun valico percorribile in auto. È anzi una di quelle valli il cui destino è stato segnato dall’invenzione dell’automobile. Quando si attraversavano le Alpi a piedi, o a cavallo, tutte le valli delle Alpi Occidentali erano attraversate da vie di comunicazione con l’altro versante, quello della Provenza, in Francia.
Infatti in Val Maira si parlava la lingua occitana, la langue d’oc, come nelle Alpi Provenzali. E intensi erano i commerci attraverso le Alpi, soprattutto quello del sale che dalle saline di Marsiglia veniva importato in Piemonte (dopo aver pagato la gabella, tassa sulla merce in transito – l’alternativa, molto praticata, era il contrabbando).
Con l’avvento delle automobili e delle ferrovie le valli attraversate da vie di comunicazione sono rimaste vive, mentre quelle non di attraversamento sono cadute nel dimenticatoio.
Così è avvenuto alla Val Maira. Fino alla metà del Novecento è rimasta popolata da persone che buona parte dell’anno andavano a lavorare altrove: ad esempio i venditori ambulanti, i famosi acciugai della Val Maira.
Quando anche questo tipo di vita è andato in crisi la Val Maira, come molte altre valli alpine, si è spopolata rapidamente. Ad esempio il Comune di Marmora, di cui ci occuperemo in questa storia, è passato da 1088 residenti del 1861 a 74 residenti nel 2011: ha perso il 90% della sua popolazione.
In Val Maira sembra che il tempo si sia fermato. Anzi, sembra che qui l’orologio corra all’indietro. Ma questa valle bellissima è come uno scrigno che custodisce tesori inattesi e, in qualche modo, fuori luogo.
A Marmora, a 1580 metri di quota, troverete una chiesa medioevale e, subito sotto, nella vecchia canonica, facendo pochi scalini di legno entrerete in una biblioteca di 70.000 volumi nuovi, ordinati e classificati, che si incrementa continuamente. È il frutto della passione per il collezionismo di libri di Padre Sergio De Piccoli, un monaco benedettino scomparso pochi anni fa, che aveva cominciato a raccogliere libri alla metà degli anni ’80, quando giunse a Marmora dopo vent’anni passati a Roma al Monastero di San Paolo.
Se YouTube troverete “I libri salvati”, il documentario intervista fatto da Maurizio Fantoni Minella nel 2012 a Padre Sergio (morto l’anno dopo) e con Daniele Gangi, ai tempi il suo aiutante e oggi custode di questa meravigliosa e folle biblioteca.
Meravigliosa perché per chi ama i libri aggirarsi per questi cunicoli dove migliaia di libri sono accumulati in perfetto ordine, non funzionale ma estetico (per editore, per collana e per altezza, come spiega Padre Sergio nell’intervista), in modo da premiare il colpo d’occhio, è una esperienza emozionante.
Folle perché questa biblioteca isolata tra le montagne non ha alcuno scopo pratico. Non ha potenziali utenti perché quasi nessuno ci abita intorno. E non ha nessun libro “speciale” da esporre. Semplicemente custodisce decine di migliaia di normalissimi libri (tutti classificati usando dagli anni ’90 con un pc che non è mai stato cambiato nè aggiornato, per non smentire la regola del “tempo fermo”).
Tant’è che il Comune di Marmora ha prima accettato la donazione di padre Sergio, promettendo di costruire nuovi spazi per la biblioteca. Salvo poi accorgersi che di quella biblioteca non sa che farsene, e piantare a metà (o forse meno) i lavori di ampliamento.
È iniziata una contesa che oggi contrappone il comune a Daniele, erede di Padre Sergio. Ci si è infilato dentro il Vescovo di Cuneo che, a quanto pare, vuole allontanare Daniele dalla canonica.
In mezzo la biblioteca che rischia l’abbandono e il degrado. O ancora peggio, l’oblio. Non so come andrà a finire, ma è una buona ragione per sbrigarsi ad andare a visitare la biblioteca.
Eppure la biblioteca di Padre Sergio ha un grande valore: è un luogo che celebra come pochi altri il valore e la necessità di quella pratica un po’ maniacale che è il collezionare libri, pur non avendo il tempo (e forse anche la voglia, talvolta) di leggerli.
Padre Sergio nell’intervista racconta che quasi smise di leggere libri (e in particolare quelli troppo lunghi…) proprio quando iniziò ad acquistarne e ad accumularli, come se il piacere di essere circondato dai libri, di poterli guardare e toccare, si sostituisse al piacere della lettura – o almeno sublimasse il dispiacere di non avere il tempo che si vorrebbe dedicare alla lettura.
Pensiamo poi che il piacere di collezionare libri da molti secoli contribuisce a conservare la letteratura, il sapere e la memoria del mondo.
Dalla Biblioteca di Alessandria fino all’imparare a memoria i libri per salvarli dalla distruzione come immaginato da Ray Bradbury in Fahrenheit 451, il mondo si è sempre interrogato su come conservare il sapere del mondo.
Entrando nella biblioteca di Padre Sergio viene subito in mente la biblioteca – labirinto del monastero raccontato da Umberto Eco ne Il nome della rosa, che lo descrive come sperduto tra le montagne dell’Italia Settentrionale. E di ordine benedettino, medesimo ordine a cui apparteneva Padre Sergio. E non è certo un caso che Umberto Eco conoscesse bene la biblioteca di Marmora e ne fosse un sostenitore.
Al collezionare libri penso si adatti bene ciò che Italo Calvino diceva dello scrivere: “Scrivo perché scrivere non serve a nulla, e mentre scrivo penso che serva a tutto”.
E si adatta benissimo a questa biblioteca segreta: del tutto inutile in termini utilitaristici, importantissima come simbolo della necessità di non fare morire i libri in questa era di confuso passaggio al digitale.
Quanti di voi amano collezionare libri, o comunque amano acquistare più libri di quanti ne riescono a leggere? Io sono affetto da questa “malattia”, ma penso che sia un morbo che aiuta a vivere meglio. Se anche voi provate piacere anche solo a entrare in un luogo popolato dai libri, andate a fare un week end in Val Maira e passate dalla canonica di Marmora, in cima al paese.
Suonate senza timore al citofono della canonica biblioteca. Daniele (che trovate su Facebook come “Amico di Padre Sergio”) vi aprirà, vi offrirà un caffè e vi farà visitare la biblioteca. A fine visita chiedete a Sergio come potete ringraziarlo per l’ospitalità. Ne sentirete fortemente la necessità.

 

 

TAG: bibliomania, biblioteca, libri
CAT: Letteratura, Media, Storia

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. marco-baudino 3 anni fa

    Marco, buona sera. Se le piace la Val Marra, le consiglio la Valle Pesio, con la sua certosa e tracce celtiche… Magari ci incontriamo e scambiamo due chiacchiere, sul potenziale che queste valli hanno per impostare una economia circolare utile al territorio. Finalmente alternativa… E capace di riportare residenti, con lavoro e capacità di reddito. Saluti e grazie dello spunto.

    Rispondi 0 1
  2. marco-baudino 3 anni fa

    Val Maira… Maledetto correttore…

    Rispondi 0 1
  3. serena-bargagni 3 anni fa

    Faccio parte della schiera di “collezionatori di libri”.
    Ne acquisto in esubero rispetto a quello che posso, in realtà, leggere: forse la mancanza di tempo o, più sinceramente, il senso del possesso del libro mi soddisfa quasi più della sua lettura. Non sono un acquirente compulsivo, anche se acquisto di tutto: dalle favole per bambini ai romanzi fino ad arrivare ai trattati e gli argomenti spaziano dalla conoscenza del proprio io fino ad arrivare a …beh…a tutto. Quello che mi deve colpire, e che orienta il mio acquisto è non solo la copertina ma l’abbinamento fra i colori e il mio stato d’animo del momento e devo dire che sono riuscita ad acquistare dei libri che poi, leggendoli, corrispondevano a quanto la mia mente stava cercando. Forse fortuna, forse sesto senso, forse solo la probabilità di poter incontrare il testo giusto nel momento giusto. Non riuscirò mai a leggerli tutti ma non riesco neanche a separarmene, Mi seguono in ogni mio trasloco e, anzi, sono il mio primo pensiero nello spostarmi da un appartamento all’altro. In questo momento ne ho qualche decina chiusi ancora in scatole nel ripostiglio, ultima eredità dell’ultimo trasloco di casa…mi piange il cuore lasciarli li ma li vedo già sistemati in ordine di altezza e colore nella prossima libreria che acquisterò.

    Rispondi 0 2
  4. marco-salamon 3 anni fa

    buongiorno Marco, confesso la mia totale ignoranza e la mia grande curiosità per la Val Pesio. Ho passato una decina di giorni non lontano da lì, tra Val Borbera, Val Grue e Val Curone. Zone con potenziali molto alti, si potrebbe fare sicuramente qualcosa d’interessante. La contatto.

    Rispondi 0 0
  5. marco-baudino 3 anni fa

    Marco Salamon buona sera. Certo, mi contatti quando vuole, ho una pagina Linkedin o su www.futurepowersrl.eu… Possiamo unire le valli in una comune ricerca verso un futuro di cultura, storia e soprattutto economia territoriale circolare e sostenibile… Saluti MB

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...