Scusate: ma perchè il PD non dovrebbe dividersi?

:
16 Febbraio 2017

‘Mi stupisco del suo stupore’, direbbe qualcuno interpretando bene il pensiero di chi come me era al Lingotto più o meno 10 anni fa. Sul palco Veltroni faceva un discorso alto, arringando il popolo della sinistra riformista e disegnando le basi di un progetto che sulla carta avrebbe rigenerato il vecchio modello di partito novecentesco.

Veltroni sognava un ‘Partito liquido’ che non avrebbe dovuto appoggiarsi a sezioni o tessere. Parlava di ‘Vocazione maggioritaria’, intendendo il Partito Democratico come forza autonoma rispetto a una certa idea di coalizione che nel nostro povero paese ha sempre avuto il sapore aspro della segretezza, dell’inciucio.

Soprattutto però al Lingotto avvenne una cosa che in pochi hanno voglia di ricordare: nacque una forza politica nuova, sì, ma frutto della fusione dei due partiti che avevano ereditato la tradizione cattolica e quella comunista in Italia. Sì, perché Margherita e DS altri non erano che [una buona parte] ex Democrazia Cristiana ed Ex Partito Comunista Italiano.

La storia ha fatto il suo corso, Veltroni non è più ‘quel’ Veltroni, è arrivato Renzi ed oggi tutti vediamo quello che succede sotto i nostri occhi ma sopra le nostre teste [curioso come ciò possa capitare, ma tant’è].

Viste le premesse difficilmente smentibili, insisto quindi a stupirmi dello stupore altrui; basta mettere in ordine i fatti:

Il PD nasce dalla fusione di due anime molto differenti in nome di una vocazione maggioritaria
Il PD nasce con una legge elettorale che adesso non esiste più
Il PD nasce con una fortissima vocazione riformista
Ora, non occorre un Nobel per fare la somma di tutto questo, credo. Le due anime del PD non si sono mai fuse del tutto e i grumi che non si sono mai amalgamati resistono e persistono ad avvelenare il dibattito interno del partito.

La futura legge elettorale molto probabilmente vedrà il sistema proporzionale come architrave del testo.

Le riforme si sono schiantate contro il NO del 4 Dicembre 2016.

La questione quindi non dovrebbe essere ‘scissione sì o no’, perché tutte le condizioni politiche presenti alla nascita del PD semplicemente non esistono più: è il Partito Democratico che è morto il 4 Dicembre, non Renzi.

Per cui, tenendo conto del fallimento delle riforme e di una legge elettorale che premierà le coalizioni [a meno che un singolo partito non prenda il 40% dei voti, come no..] non c’è che da prendere atto del fallimento di una stagione politica.

Non è un dramma la scissione, ma lo sono i suoi motivi formati da un micidiale miscuglio di miopia politica, personalismi, culto della personalità e confusione generale. Chi lo vive da vicino [o da dentro] sa bene che ogni partito, non solo il PD, ha all’interno i germi di continue faide interne, correnti, vere e proprie bande.

Bisognerebbe rammaricarsi del fatto di essere tornati all’era politica di 20 anni fa piuttosto che avere paura di una scissione che nei fatti è avvenuta mesi fa.

Sarà necessario trovare molte mediazioni, mettere in cantina il bipolarismo e in soffitta la vocazione maggioritaria, e soprattutto rendersi conto che ogni cosa, dalla migliore alla più triste, prima o poi finisce.

Si prenda atto: chi vuole andare vada e chi vuole rimanere resti, e poi per l’amor del cielo si ricominci a fare politica per un paese che ne ha disperatamente bisogno.

TAG: Matteo Renzi, Pd, scissione, scissione partito democratico
CAT: Parlamento, Partiti e politici

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. beniamino-tiburzio 3 anni fa
    Un Paese che non accetta una riforma pasticcccciata non farà mai una riforma non pasticciata. Ubezio,concordo in tutto. Anche col disperato bisogno del paese, che resterà disperato ancora per molto tempo.
    Rispondi 0 0
  2. giancarlo-anselmi 3 anni fa
    La riflessione di Pieluigi Ubezio mi sembra corretta e lucida. Dice l'autore: "Le due anime del PD non si sono mai fuse del tutto e i grumi che non si sono mai amalgamati resistono e persistono ad avvelenare il dibattito interno del partito". Occorre valutare se i residui "grumi" sono di carattere politico o poggiano su risentimenti personali. Probabilmente uno e l'altro, ma i protagonisti della diatriba, all'interno del PD, sembrano non valutare le conseguenze di una scissione che darà soddisfazione ai vari Bersani, Speranza, Emiliano e Rossi i quali potranno, con la nuova formazione del 12-15%, affermare le loro posizioni e garantirsi un seggio in parlamento e darà soddisfazione a Renzi che si libererà di una scomodissima opposizione interna. La conseguenza più immediata sarà quella elettorale che ridurrà il peso politico del nuovo PD e non premierà certo la nuova formazione a sinistra. Le idee per governare un Paese devono viaggiare su un massiccio consenso elettorale per potersi affermare attraverso un vincente rapporto tra forze diverse. Il rischio sarà rappresentato dall'avere in campo non forze diverse, ma diverse debolezze con la prospettiva di avere un PD come terzo partito dopo la coalizione di centro destra (che nonostante gli anatemi di Salvini a Berlusconi si farà) e i cinquestelle; oppure ci troveremo davanti alla possibilità di dare vita a coalizioni indecenti. Una scissione non ha mai rappresentato la soluzione vincente e se la scissione avverrà, le conseguenze negative per l'Italia, per la sua governabilità, per l'economia, per le politiche europee, per il lavoro, per la ricostruzione post terremoto, per i mercati, per lo spread, per l'ambiente e così via avranno nomi e cognomi? Mah.........
    Rispondi 0 0
  3. carmine-mercuri 3 anni fa
    Io mi auguro che il PD vada a un congresso con una discussione generale e aggiornato su tutto. Ma più di tutto con le idee chiare e sapere che da che mondo e mondo le minoranze devono discutere ma la maggioranza decidere Dalema e i Bersani hanno fatto qualcosa di buono ma di danni è meglio che non ne fanno più. ma la cosa più importante è che non si può andare avanti con gli stipendi di 10.000 euro al mese per gli uscieri del parlamento e 1000 euro per Poliziotti, Carabinieri, Pompieri, insegnanti e operai di tutte le categorie poi ci sono le pensioni e vitalizi dei maggistrati, politici e funzionari vari è uno schifo. altro che dare la colpa alle pensioni dei lavoratori dipendenti.
    Rispondi 0 0
  4. carmine-mercuri 3 anni fa
    A PROPOSITO E SE LA SCISSIONE FOSSE UNA SCUSA PER UN ULTERIORE FINANZIAMENTI A POLITICI E PARTITI VARI PERCHE' QUALCHED'UNO MI DOVREBBE SPIEGARE COSA COSTA ALLA COMUNITA' LA FORMAZIONE DI UN NUOVO PARTITO GRAZIE.....
    Rispondi 0 0
  5. carmine-mercuri 3 anni fa
    A PROPOSITO E SE LA SCISSIONE FOSSE UNA SCUSA PER UN ULTERIORE FINANZIAMENTI A POLITICI E PARTITI VARI PERCHE' QUALCHED'UNO MI DOVREBBE SPIEGARE COSA COSTA ALLA COMUNITA' LA FORMAZIONE DI UN NUOVO PARTITO GRAZIE.....
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...