A 40 giorni dal voto, un governo torna possibile

27 Gennaio 2018

Le liste dei candidati sono quasi pronte. Ancora un paio di giorni e diventeranno definitive. Polemiche e polemiche (come peraltro sempre accadeva ai tempi del Mattarellum) accompagnano le scelte dei nomi e dei territori a questi associati. Polemiche che rientreranno in poco tempo, per concentrarsi sulle previsioni di voto in ciascun dei collegi, per comprendere le chance di vittoria una volta formalizzata l’offerta politica.

Casini riuscirà a vincere nel senato bolognese? e Boschi convincerà gli elettori sudtirolesi? e Di Maio sarà profeta in patria? Domande che ci tormenteranno per qualche settimana. Per ora concentriamoci sulle tendenze di voto, uninominali e proporzionali, a poco più di un mese dal voto.

Tendenze che ci dicono sostanzialmente due cose rilevanti. La prima, che la coalizione di centro-destra appare in lieve crisi; la seconda, che viceversa quella di centro-sinistra sembra leggermente in ripresa. Due elementi interessanti, soprattutto in vista di una possibile (eventuale) maggioranza di governo. Perché? Vediamo di capirlo.

Il centro-destra perde complessivamente un po’ di consensi soprattutto per due fattori: il primo è che la Lega di Salvini non sembra funzionare particolarmente bene tra gli elettori delle aree meridionali del paese, che magari la citano nei sondaggi ma al momento del voto preferiscono altro. Come ad esempio in Sicilia, dove in tandem con Fratelli d’Italia non riuscì ad andare oltre il 5% dei suffragi, molto meno di quanto i sondaggi ipotizzavano.

Il secondo fattore è legato al numero di liste che la coalizione presenterà: dalle 3-4 preventivate, oggi si parla di un’unica lista di appoggio, quella di Fitto-Lupi-Tosi. Avere più liste che non superano il 3% serve infatti per incrementare i voti per la coalizione e per i suoi partiti maggiori, dando loro più seggi e più rappresentanza parlamentare. Così, secondo le ultime stime, il centro-destra potrà avere intorno a 275 seggi, oltre 40 seggi in meno per arrivare alla maggioranza alla camera.

Al contrario, il centro-sinistra pare godere di migliore salute, non tanto per la performance del Pd, sempre deficitaria, quanto per l’acquisto di 3 liste (con l’arrivo della Bonino) che probabilmente non supereranno il 3% (forse con l’eccezione della stessa Bonino), ma che complessivamente aggiungeranno al Partito Democratico un ulteriore 4% di voti, portandolo ad un numero di seggi totale vicino ai 160.

Dunque, la ventilata coalizione Pd-Forza Italia, pur se negata da tutti i protagonisti, potrebbe essere vicina a realizzarsi, almeno potenzialmente. I 160 seggi del Pd, uniti ai possibili 140 del partito di Berlusconi, darebbe una somma intorno a 300, a soli 15 seggi dalla maggioranza alla camera. Ingaggiare qualche fuoriuscito da altre forze politiche potrebbe non essere, a quel punto, particolarmente difficoltoso, dando luogo ad un governo non di minoranza. Vedremo nei prossimi giorni l’evoluzione delle tendenze in atto…

TAG: elezioni politiche 2018
CAT: Partiti e politici

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. mario-bosso 3 anni fa

    Non ho ben capito se è un’analisi o un auspicio.

    Rispondi 0 0
  2. roberto-romagna 3 anni fa

    15 “maroniani” testa di ponte dell’ingresso della Lega al completo tra un anno?

    Rispondi 0 0
  3. marco-bellarmi 3 anni fa

    Secondo me è un trauma cranico.
    Un governo PD-Forza Italia ha le stesse chance di fiducia parlamentare che ho io di volare.

    Rispondi 0 0
  4. marco-baudino 3 anni fa

    Il problema, caro Bellarmi, che poter volare per noi umani e ‘ solo una questione di artificio. E a volare poi riusciamo. A meno che lei volesse scrivere “votare” per cui avevo già espresso nel recente passato che “non votare” non serve a niente, se non alla sola mera soddisfazione molto passeggera e inutile, poi capendo che “gli abbiamo permesso di fare ciò che vogliono” … Solo se il quorum valesse ad invalidare le elezioni, il diritto sacrosanto a non andare a votare “x chi non ci rappresenta se nessuno ci rappresenta” potrebbe dare un risultato. Sic stantibus rebus, purtroppo non ci resta che andare e volare a votare… Magari annullando la scheda, ma fare quorum e diluire il consenso. Non so, proviamo a metterci d’accordo ad annullare la scheda allo stesso modo… Almeno ci facciamo la conta… :-)

    Rispondi 0 0
  5. marco-baudino 3 anni fa

    Ah, ovviamente il saper volare mi porta a pensare che il megagrande inciucio galattico PD-FI sia già previsto a tavolino con l’organizzazione della nuova legge elettorale denominata Rosatellum… Che artificio spettacolare. Di uno spettacolo dell’horror, ma pur sempre spettacolo, alla faccia degli elettori, però.

    Rispondi 1 1
CARICAMENTO...