A difesa di Gianluigi Paragone

:
22 Dicembre 2019

È oramai di dominio pubblico la notizia – non inaspettata – secondo cui si sta per avviare nei confronti del senatore GianLuigi Paragone la procedura di espulsione da parte del Movimento Cinque Stelle.
Il capo d’accusa sarebbe rappresentato dal fatto che il senatore Paragone non ha espresso il suo assenso alla legge di bilancio e negli ultimi tempi ha criticato la politica del Movimento Cinque Stelle: non avrebbe condiviso il varo del governo giallo rosso, l’alleanza con il Partito Democratico.
In realtà stanno venendo fuori alcune contraddizioni che pervadono le ultime uscite del Movimento e dei suoi leaders.
Mettere sotto accusa Paragone è un errore di forma e di sostanza.
Fare questo processo tradisce la natura del Movimento: non è affatto democratico, ai sensi dell’art. 49 della Costituzione, perché, come appunto recita la Carta Fondamentale, ogni partito deve avere una struttura democratica e rispettare la libertà di dissenso. Nella fattispecie Paragone lo ha motivato con argomentazioni forti e serrate: è il Movimento che
1-sta tradendo le sue radici,
2-il programma elettorale,
3-i canoni del suo credo politico.
L’alleanza con il Partito Democratico è innaturale. Quest’ultimo ha perduto l’afflato sociale, ha abbandonato gli operai, le periferie, non cura gli interessi dei più deboli. È il partito dei radical chic, di quelli che difendono l’Europa, la politica di austerity.
Paragone ha una sua storia: è stato prestato alla politica, è di professione un giornalista serio e preparato. Ha scritto dei libri contro i poteri forti, in particolare le Banche.
Ha letto Turati, Gramsci, Stiglitz, Cafiero, Nenni. È un keynesiano  e, come Federico Caffè, si batte per un sano Welfare State, uno Stato Sociale che intervenga nel tessuto economico a difesa dei più deboli, anche rompendo i vincoli di bilancio e perseguendo politiche espansive, come avvenne con il New Deal.
Recentemente ha portato avanti contro le banche una battaglia durissima per l’abrogazione della legge Renzi-Boschi ed è riuscito ad ottenere la riforma dello scellerato art. 560 cpc, con il varo della legge Bramini, quella che toglie ai custodi il potere di scaraventare fuori i debitori prima che intervenga il decreto di trasferimento a favore degli aggiudicatari.
Devono essere processati i leaders del Movimento, non Paragone che diventa il custode di un programma politico che oggi i Cinque Stelle hanno dimenticato e implacabilmente le urne stanno punendo.
Paragone non vive di politica, può tornare al suo mestiere, scrivere articoli di giornali e libri.
Il Movimento dei 5 Stelle, appiattito sulle politiche del Partito Democratico, perderà definitivamente la sua spinta propulsiva.
Cacciare Paragone è un errore gravissimo: ci ripensino e leggano i suoi scritti. Capiranno che stanno per perdere ogni legame con la socialità e tradendo il messaggio primigenio per il quale sono nati.

Biagio Riccio

TAG: GianLuigi Paragone, movimento cinque stelle, politica
CAT: Partiti e politici

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. frank 9 mesi fa

    L’eventusle espulsione di Paragone è la conferma della totale confusione che regna nel mov5s. Da iscritto al mov5s sin dall’inizio e se uno vale uno sono io che chiedo ai probiviri l’espulsione dal mov5s di Luigi Di Maio per avere tradito il programma elettorale relativo al MES (non solo su questo) e per il quale ha preso il mio voto.

    Rispondi 0 1
  2. massimo-crispi 9 mesi fa

    Chiedo scusa se m’intrometto ma leggendo le motivazioni, ossia: “1-sta tradendo le sue radici, 2-il programma elettorale, 3-i canoni del suo credo politico” mi pare che, in questi ultimi anni, le abbiano tradite tutti i principali partiti, a cominciare dalla stessa Lega che ha rinunziato alla Padania ormai da tempo, visto che preferisce avere i voti di tutte le parti d’Italia, e quindi il programma elettorale e i canoni del suo credo politico, avendo rinunziato al separatismo come cifra identitaria. Il PD mi pare che abbia fatto altrettanto, in varie forme, nelle sue varie segreterie. Forza Italia, poi, non ne parliamo. Non credo che i programmi elettorali siano stati mai rispettati da nessuno. Tutta questa mota che si agita è semplicemente la solita mota e gli elettori, di qualsiasi parte politica, sono sempre e bellamente presi in giro. Paragone forse dovrebbe dire questo, sarebbe più credibile.

    Rispondi 0 1
  3. beniamino-tiburzio 9 mesi fa

    Che abbia ragione Paragone o meno è una cosa relativa ed ininfluente. Le espulsioni dai partiti ci sono sempre state. Che questo non sia un segno di democrazia, potrei concordare. Ma sull’ essenza stessa della c.d. democrazia e sulla sua utilità ci sono stati e ci no tanti pareri contrari, da Platone a……..Odifreddi. Il buon Paragone ha diverse prospettive : se è più forte del Partito lo metta all’ angolo e……..lo distrugga. Se è più debole, come, penso, e non ci sarebbe nulla di male, torni al suo mestiere. Ragazzi ! E’ la sana legge del più forte, non già quella, molto più opinabile ed anche molto velleitaria, della democrazia di cui gli ipocriti si riempiono le bocche e ingozzano gli esofagi. Fatta questa accademica premessa, credo che si sia capito che, in buona sostanza sono d’accordo con l’articolista.

    Rispondi 0 1
CARICAMENTO...