Chi pulisce i cessi e chi non sa come si puliscono

:
21 Aprile 2018

C’è chi per sostentarsi ha svolto o svolge lavori umili come pulire i cessi. Sono lavoratori che meritano profondo rispetto, perché viviamo in un paese che senza quei lavori umili – che a onor del vero sono svolti per lo più dai tanto vituperati immigrati – affogherebbe nei suoi stessi escrementi, non solo in senso metaforico.

Per questo la frase di Silvio Berlusconi sui grillini che a Mediaset sarebbero mandati a pulire i cessi è spregevole e degna del personaggio che ormai tutti conoscono molto bene, persino gran parte di coloro che per quasi vent’anni lo hanno votato credendo a “meno tasse per tutti” e che oggi non lo votano più, preferendogli chi promette il “reddito di cittadinanza”.

Ma al netto dell’ennesima uscita infelice di un leader messo sotto scacco dall’avanzare degli anni, prima ancora che dai suoi evanescenti oppositori politici, vecchi e nuovi, i signori della Casaleggio Associati (che hanno portato il loro cartello elettorale al 32%) dovrebbero riflettere su un fatto: chi non ha mai lavorato in vita sua, neanche nel settore delle pulizie, forse non ha le capacità richieste per amministrare un comune, una regione, per svolgere il ruolo di deputato o di senatore. Figuriamoci per ambire a Palazzo Chigi.

Sarebbe quindi il caso che gli abilissimi burattinai dei “ragazzi meravigliosi” mettessero in fretta in soffitta l’abusato mantra “i capaci sono quelli che hanno distrutto il paese”, perché si tratta una palese idiozia che può andar bene per sollazzare un po’ di popolino semi analfabeta, ma che alla resa dei conti è destinato a svelarsi in tutta la sua miopia. Proprio come a Roma, dove degli incapaci esordienti stanno distruggendo una città sotto gli occhi del mondo.

In fondo, in questa pietosa contesa tra mediocri, manca una voce. Ed è sempre la stessa da ormai troppo tempo. È la voce di chi dovrebbe rappresentare quelli che puliscono i cessi contro chi li sfrutta e anche contro chi aspira a vivere di sussidi sulle loro spalle; che li protegga da chi li sottopaga e da chi – senza aver mai preso uno straccio in mano – osa definirli “miserabili”.

TAG: elezioni 2018, Luigi Di Maio, movimento 5 stelle, politica, silvio berlusconi
CAT: Partiti e politici

7 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. evoque 2 anni fa

    Da tempo, sono convinto che in realtà il M5s (Casaleggio e Associati, ça va sans dire…) non voglia avere responsabilità di governo perché sa che le sue figurine alla ribalta mediatica non ne hanno le capacità, neanche minime. La Casaleggio e Associati vuole però entrare nelle stanze del potere per ragioni di business. E per farlo deve intortare una massa depensante con proposte inattuabili. Se ci si pensa un po’, l’unica proposta programmatica del M5s è il reddito di cittadinanza o di nullafacenza. Altro non hanno. Chi ha sentito questi parlare di come incentivare la crescita, diminuire la disoccupazione, mettere sotto controllo il debito pubblico, che è il problema principale di questo Paese? Il M5s è una riuscita operazione di comunicazione e marketing.
    Osservate bene i leaderini che sono emersi, hanno tutti,chi più chi meno, un aspetto fisico gradevole, più o meno giovani. E chi è che in passato utilizzava gli stessi criteri nella scelta dei candidati? Ma il Berlusca: Carfagna, Minetti ecc. ecc.

    Rispondi 1 1
  2. cantelmo19 2 anni fa

    io son sicuro che fabio salamida non ha mai pulito un cesso in vita sua (a parte se stesso) ed è qui a difendere per finta il personale delle pulizie. Purtroppo non esiste soltanto la sporcizia materiale ma c’è anche quella morale e questo tipo di lerciume , pochi addetti lo contrastano. Pertanto la produzione di immondizia, come l’articolo di cui sopra , è impressionante e gli escrementi (come l’autore dell’articolo) son veramente moltissimi. Fra l’altro non si curano nemmeno di evitar figuracce e quindi sputano per terra , buttano cartacce e vomitano rifiuti tossici come quella per cui sarebbe un’idiozia affermare che la vecchia classe politica ha distrutto il paese, perciò i grillini non dovrebbero usarla come motivazione per difendersi dall’accusa di incompetenza.

    Rispondi 0 2
  3. cantelmo19 2 anni fa

    evoque,,non so chi tu sia ma ti chiedo :”come puoi non renderti conto dell’assoluta superficialità con la quale hai fatto un accostamento aldilà dell’assurdo fra il movimento 5 stelle e berlusconi sulla scelta dei leader ? Com’è possibile che un benchè minimo segmento intellettivo non sia intervenuto per impedirti di scriver un’altro dei tanti rifiuti da raccolta indifferenziata ? A parte che il berlusca era lui il leader e le figure che sceglieva eran donne usate solo come ornamento ma poi allora…..la Boschi dove la collochiamo….? Non la menzioni perchè è del PD ? Quanto invece alle capacità di governo, conosci qualcuno che invece le ha ? E poi da quale prospettiva ti poni a giudicare la collettività, quella che definisci massa depensante ? Sei sicuro di non farne parte o forse pensi di esserne fuori perchè ti senti parte di un elite ?

    Rispondi 0 1
  4. paolo-mastrantonio 2 anni fa

    Che commento penoso. Ma purtroppo i grillini militanti sono questo: scarti della società che vivono insultando il prossimo. E lo fanno perché sono frustrati, utilizzando profili fake…

    Rispondi 2 0
  5. evoque 2 anni fa

    Caro cantelmo, io invece mi domando come non ti sia ancora reso conto che il M5s è solo una riuscita operazione di marketing di una società di marketing come la Casaleggio e Associati. Osservane bene le dinamiche, vedrai che forse mi darai ragione. Poi mi domandi chi possa avere capacità di governo, beh, di sicuro, non un nullafacente e nullastudente. Questo è lapalissiano.

    Rispondi 1 0
  6. marco-baudino 2 anni fa

    Fabio, non riesco a capire il suo disegno espositivo. Ha una qualche osservazione costruttiva da fare? Per trasformarsi da solo critico nei confronti di chi comunque ha il merito di avere rotto gli schemi ( lo ammetto, per ora solo a distruggere e ancora tutto da ricostruire) in indicatore di qualche idea, appunto, per ricostruire?
    Provo a darle uno spunto: che ne pensa della costruzione di una economia circolare vera fatta di innovazioni e soluzioni che ci sono, ma vanno spinte, politicamente e finanziariamente?
    Certamente spinte ne’ dalla sinistra ne’ dalla destra, che oggi continuano a sostenere le lobby di sistema della economia lineare basata sul petrolio e sulla plastica… Lei da che parte sta? Come la giudica una impostazione concreta di nuova economia circolare e sostenibile che, comunque il M5S ha nelle corde? Se non altro come antagonista di sistema. Ma non e’ qui il punto. Scriva un articolo sulla economia circolare. Senza pretesa di essere ascoltato, ci mancherebbe. Un suo lettore suo malgrado.

    Rispondi 0 0
  7. marco-baudino 2 anni fa

    Ovviamente senza MIA pretesa che lei ascolti il mio suggerimento, intendevo…

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...