Crisi di governo: tutti bocciati. E ora speriamo nel santo Draghi

3 Febbraio 2021

Qualche giorno fa, all’indomani della discussione sulla crisi in Parlamento, avevo sottolineato come quella fosse una nuova pagina nera della politica italiana, una pagina nera dove praticamente tutti ne erano usciti perdenti, senza grandi eccezioni.
Da Conte a Renzi, dai partiti di governo a quelli di opposizione, dai senatori ai deputati, tutti si erano distinti per la loro pochezza, la mancanza di senso collettivo, per il quasi totale disinteresse per quel che il paese sta faticosamente affrontando. Discorsi costruiti su ripicche verbali e ingiurie, onanismo e autogratificazione, senza proposte e senza progetti per uscire dalla crisi pandemica ed economica, che non fossero i mantra: “torniamo a dare la parola al popolo sovrano”, ovvero “lasciateci lavorare per il bene del paese”.
Se possibile, ciò che è accaduto negli ultimi giorni, nella verifica dell’esistenza della maggioranza che ha governato in questo ultimo anno e mezzo, è risultato ancora peggiore, dando un’immagine delle attuali forze politiche che giustifica il continuo slabbramento del rapporto tra gli italiani e la classe politica. Incuranti della situazione del paese, tutti i partiti e gli uomini che a questi fanno capo hanno dato prova di un attaccamento precipuo alla propria parrocchietta partitica, al proprio ego smisurato e, di nuovo, alle ripicche personali, ai distinguo pseudo-politici, anziché tentare di dare risposte efficaci ed efficienti ai problemi reali.
“Io ho fatto un passo indietro, mentre tu non lo fai”; “io cerco di trovare un’intesa, ma tu resti fermo sulle tue posizioni”; “tu vuoi quel ministero, ma quello deve rimanere mio”; “il Mes mai e poi mai”; “senza Mes non si può continuare nessuna trattativa”; “tu vuoi rompere e io voglio costruire”; “senza di noi non andate da nessuna parte”; “meglio perdere senza di te che continuare a sopportare la tua presenza”.
Un livello di discussione altissimo, come si può constatare. E, da quel che è emerso, pochi si sono elevati un poco sopra a questi toni di dibattito. Alla fine, tutti gli esponenti politici e tutti i partiti possono venir accomunati da un unico giudizio: bocciati.
Bocciato il Movimento 5 stelle, che da ormai oltre due anni siede sulle poltrone del governo senza aver fornito particolari svolte, rispetto al passato, né nel campo legislativo né in quello “comportamentale”, dove non hanno brillato come esempi da seguire nonostante i proclami dei giorni dell’opposizione, quando criticavano (giustamente) le malefatte dei precedenti governi e si proponevano come un vento nuovo all’interno del panorama politico italiano. Se il bene del paese è quello di limitare Renzi e di confinarlo in una specie di limbo, come si evince dal loro comportamento in questa occasione, non appare una grande conquista, qualunque sia il giudizio su Renzi stesso.
Bocciato il Partito Democratico. Nonostante qualche tentativo di qualche suo esponente di far avvicinare le posizioni più contrastanti, non si è distinto per grande progettualità, per l’indicazione di misure condivise e condivisibili per uscire dalla crisi. Si è limitato a vivacchiare, come se fosse questo il tempo di una tranquilla normalità economico-sociale da gestire con un po’ di competenza e di esperienza personale. Nessuna idea brillante, incisiva, utile, anche se in contrasto con i partners di governo. Il refrain sembrava essere quello di non scontentare troppo Conte, o Renzi, o il M5s, cercando di mediare tra le varie posizioni, senza puntare decisamente su proposte efficaci.
Bocciata Italia Viva. Dopo essere stata protagonista della rottura iniziale, andare al confronto con le altre forze di governo poteva essere l’estremo tentativo di salvare un esecutivo che, pur con tutte le sue pecche, doveva gestire una fase piuttosto complicata della vita sociale ed economica del paese. Ha scelto la strada dello scontro totale: o si fa come dico io o non se ne fa nulla. Poteva dirlo prima del tentativo di Fico, e non ci saremmo trovati invischiati in questa pantomima mediatica, dove tutti cercavano la propria consacrazione, e nessuno la costruzione reale di un esecutivo forte, coeso ed efficace.
Ed è meglio tacere, infine, sul comportamento dei singoli uomini politici, da Renzi in giù, per evitare i giudizi più impietosi. Una cosa si sarebbe potuta fare, in omaggio ad una delle proposte del Movimento 5 stelle che fu: trasmettere in streaming quello che accadeva nei tre giorni di confronto tra le diverse forze politiche. Questo avrebbe dato la possibilità agli italiani tutti di capire meglio in che mani siamo finiti.
Sperando ora nel Santo Draghi.

Università degli Studi di Milano

TAG: crisi di governo
CAT: Partiti e politici

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. beniamino-tiburzio 10 mesi fa

    La cecità politica fa sì che che i qualunquisti ed i cerchiobottisti non vogliono individuare il Senatore che ha prodotto la caduta dell’inetto Conte bis, evitando di sprofondare nel Conte ter. Ricordiamoci come era nato il Conte 1, come era nato il Conte bis. L’ idea Draghi, bene accolta dalle Cancellerie, dai mercati e dai madia esteri, è l’ultima speranza. La poltica, si dice, è l’arte del possibile, per cui è stupido evocare fede alle proprie idee, merito alle ” schiene dritte “, o altre amenità.

    Rispondi 0 0
  2. alding 10 mesi fa

    Bocciati? Dittatori da strapazzo, bisognerebbe dire. La dittatura degli incapaci con le 5 stelle … e la dittatura di quegli incapaci di Lega e di PD che si sono accodati come pecoroni ad una masnada di incapaci. E noi, colpevoli fessi (sì, colpevoli perchè avremmo dovuto reagire con forza) che li abbiamo ascoltati, seguiti e non abbiamo urlato il nostro disprezzo. Speriamo che almeno, quando si andrà nuovamente a votare nessuno (nemmeno se avrà ricevuto la sua paghetta – dicesi reddito di cittadinanza) abbia ancora il coraggio di votare per quegli incapaci vanagloriosi a 5 stelle che ci hanno trascinato fin qui conquistando e portando nel fango masnade di incapaci con importanti storie precedenti.

    Rispondi 0 0
  3. cyrana56 10 mesi fa

    forse lei ha la memoria corta, gliela rinfresco: Draghi è il grande privatizzatore! Colui che iniziò a svendere asset stragegici ad es autostrade. Forse vuole finire l’opera. E’ emissario di troika e UE, chieda ai greci chi è Draghi… Monti in confronto era uno zuccherino. Ne riparliamo tra qualche mese se avrete una faccia di ricambio per parlare ancora

    Rispondi 0 1
CARICAMENTO...