Gli elettori dem preferiscono l’opposizione

10 marzo 2018

Sembra che tutti vogliano governare, ma allo stesso tempo che nessuno lo voglia davvero. Tranne il Partito Democratico, ovviamente. Da quando è nato, il Pd pare destinato a perseguire il suo primo obiettivo, quello della vocazione maggioritaria. E, visto che non riesce a convincere di questa vocazione la maggioranza degli elettori, che per la verità lo votano sempre di meno più passa il tempo, si investe di una caratteristica simile ma diversa: quella di essere diventato un partito di governo. L’unico possibile partito di governo che abbia quella rara caratteristica dell’affidabilità.

Dalla fine dell’esecutivo Berlusconi, nel lontano 2011, il Pd è infatti stato praticamente sempre al governo, prima sostenendo Monti, poi con Letta premier, insieme al PdL, infine con Renzi e Gentiloni con l’appoggio di una parte del centro-destra. Sette anni in prima fila, e già pregustando, prima della debacle elettorale, un nuovo esecutivo di larghe intese, ancora con Berlusconi, destinato a durare, così pensava, per altri lunghi anni.

Il brusco risveglio non ha portato consiglio. Nonostante la sconfitta, e vista la difficile formazione di un governo stabile, stante i numeri deficitari dei vincitori, si riaffaccia in una parte del Pd la voglia di tornare in qualche modo nella stanza dei bottoni. Come se l’Italia non potesse fare a meno di lui, della capacità dei suoi ministri. Si discute dunque, ai vertici del partito, di quali siano le condizioni migliori per restare là, dentro o almeno vicino a Palazzo Chigi. Se con i 5 stelle, o con un centro-destra più moderato, con Salvini messo un po’ in disparte, oppure addirittura in un governo tecnico o del Presidente. Sempre, ovviamente, per il bene del paese.

Ma i suoi elettori, quegli elettori che sono rimasti nel Pd, certo in decrescita dal 33% del 2008 e dal 25% del 2013, ma pur sempre rappresentanti del secondo partito italiano, che ne pensano realmente? Cosa vogliono fare? Con l’eccezione di pochi sondaggi, peraltro non molto credibili, tutte le altre indagini ci informano che, in realtà, la vasta maggioranza di coloro che hanno votato settimana scorsa per il Pd non ha alcuna voglia di vedere il proprio partito confondersi con le forze politiche che lo hanno osteggiato e dileggiato per tutti questi anni e in particolare durante la campagna elettorale. E che oltretutto hanno obiettivi, parole d’ordine e progetti a volte del tutto antitetici ai suoi.

Soltanto il 33% lo accetta per senso di responsabilità, mentre quasi due terzi degli elettori del Pd non vede di buon occhio un accordo con i 5 stelle (e ancor di più con Lega e centro-destra). Poiché la strada prioritaria da affrontare, secondo loro, è quella di una efficace e decisiva ricostruzione interna, della propria immagine, del proprio percorso politico così ondivago dalla sua nascita ad oggi, che ne impedisca una fine ingloriosa e, per certi versi, prematura. Insomma, che il Pd non diventi davvero un partito mancato, come molti hanno paventato negli ultimi anni.

Per tornare al governo c’è tempo, dicono gli elettori dem. Se gli italiani hanno scelto altre strade, è giusto che siano questi altri a tentare di risolvere i problemi del paese, se ci riescono, con una efficacia almeno pari a quella dello stesso Pd, che non aveva nemmeno lui, in tutti questi anni, maggioranze parlamentari affidabili su cui poter contare per decidere autonomamente le politiche da adottare. L’Italia può sopravvivere anche senza un Pd al governo.

Forse.

TAG: partito democratico
CAT: Partiti e politici

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. casiri 3 mesi fa
    ".....la vasta maggioranza di coloro che hanno votato settimana scorsa per il Pd non ha alcuna voglia di vedere il proprio partito confondersi con le forze politiche che lo hanno osteggiato e dileggiato per tutti questi anni e in particolare durante la campagna elettorale...." E' cosi, di sicuro, visto che i loro beniamini hanno governato con B. (nazareno1,2, e il terzo con la massoneria) poi con verdini, che era il garante dei patti nazareno1,2,3 e Alfano che di arcore era lo "stalliere" messo nella stanza dei bottoni. Sempre i loro "beniamini" nel frattempo, hanno colonizzato tutto quanto era colonizzabile, ogni partecipata ha visto un "beniamino", ogni "buco-dove c'erano soldi pubblici è stato dal "giglio" reso fedele, agli interessi della cricca, basta che riavvolgete il nastro degli scandali, ogni giorno arrestavano interi consigli comunali, sindaci, assessori...per non dire di Consip (la madre di tutte le tangenti) le Cooperative rosse, per finire (si fa per dire) allo scandalo di AMA (arma letale in mano ai deluchiani...quel vincenzo, uomo-consigliori legato a triplo filo al fiorentino). Ora, sempre i beniamini, dal generale fiorentino ai colonnelli reduci di quel che resta del PD (come l'armata brancaleone) tentano di rifarsi una verginità, una purezza d'animo, un senso dello stato, sentono come "dovere" di essere responsabili (?), ovviamente contantando sulla poca memoria degli italiani, tentano di rimanere nelle stanze che fino a 10 giorni fa, occupavano grazie all'alleanza (innaturale) dei nazareni, senza che mai si siano turati il naso o abbiano avuto vergogna di nascondere, addirittura sdoganando e facendo risorgere il nano arcorese. Che fare? Mandarli a Cagxxre, ovviamente dando loro il conto da pagare. Io credo che chi è ancora nel Pd (dal tesserato operaio a finire con i vecchi che la tessera l'hanno da 50 anni in tasca per questioni ideologiche e che hanno perso oramai tutti i sensi, dall'olfatto alla vista) e abbia ancora un minimo di dignità, dovrebbe cestinare definitivamente oltre al "rais" fiorentino anche gli omuncoli che gli girano intorno per creare un novello partito della sinistra appoggiando i pentastellati e facendo tesoro dell'Onestà da questi posseduta. Ps: il tempo è galantuomo!
    Rispondi 0 1
  2. happywheels 3 mesi fa
    Ma pur sempre rappresentanti del secondo partito italiano, che ne pensano realmente? Cosa vogliono fare? play happy wheels free online
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...