Il declino (irreversibile?) della sinistra

22 Luglio 2018

Nel maggio 2012, pochi mesi dopo la caduta del governo Berlusconi, sommando le intenzioni di voto per le forze politiche di sinistra (Sel e Rifondazione) e di centro-sinistra (Pd e Italia dei Valori) si arrivava a sfiorare il 50% dei potenziali votanti. E sulla classica dimensione destra-sinistra, chi si dichiarava di sinistra o di centro-sinistra superava il 40% degli italiani, ivi compresi gli astenuti che, solitamente, non si collocano su quella scala.

Sono passati sei anni, e la situazione attuale appare completamente e significativamente differente. Senza scomodare di nuovo il solito marziano, che non crederebbe ai suoi occhi, anche a noi terrestri un’inversione di rotta di questo tipo fa una certa impressione. Dunque: chi si dichiara oggi di sinistra o di centro-sinistra è meno del 30% della popolazione nel suo complesso, con una contrazione pressoché costante di almeno un paio di punti all’anno, rispetto al periodo delle elezioni europee del 2014.

E sommando le intenzioni di voto attuali per i partiti di quell’area (Pd, LeU, Potere al Popolo e le formazioni minori), si arriva a stento al 25% dei voti validi. Contro oltre il 40% che voterebbe per partiti di destra o centro-destra e il 30% circa che opta per il Movimento 5 stelle. Se il trend continua in questo modo per i prossimi anni, è ragionevole ipotizzare che alla prossime elezioni politiche le opzioni di voto per la sinistra, nel suo complesso, potrebbero non superare il 15% dei voti espressi dagli italiani.

E’ possibile pensare che forse quella dimensione politica, che fino a qualche anno fa ci permetteva di comprendere qualcosa in più delle scelte degli elettori e degli stessi governi, abbia fatto il suo tempo. E che subentreranno poco alla volta nuove dimensioni (che so? sovranisti contro europeisti, oppure “popolo” contro “establishment”) in grado di descrivere meglio il pensiero e le motivazioni sottostanti i comportamenti di voto e le appartenenze di campo.

Resta il fatto, indiscutibile, che la maggior parte degli italiani o forse anche delle altre popolazioni europee non si identifichi più con formazioni politiche che, pur continuando a ribadire le vecchie parole d’ordine della sinistra, non trovano poi nei loro comportamenti e atteggiamenti misure politiche in grado di andare versa quella direzione ideale.

La società sta cambiando, ma i partiti di sinistra non reggono i cambiamenti, non li comprendono, e certamente non trovano più il loro antico elettorato di riferimento, ma non riescono neppure ad intercettare un nuovo tipo di elettorato, più moderno e consapevole dei mutamenti socio-economici. Destinati in breve tempo all’estinzione?

TAG: Crisi della sinistra
CAT: Partiti e politici

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. evoque 2 anni fa

    Ed ecco a voi l’ennesimo requiem. Leggo che il sondaggio, per quel che vale, attribuisce un 30% al M5s. Era il 32% e qualcosa il 4 marzo. Da allora sono passati quasi cinque mesi, di cui due di governo. Il M5s ha mostrato improvvisazione incompetenza dilettantismo incoerenza (senza contare la disastrosa gestione di Roma…), eppure il mitico popolo mostra di non curarsene. E il discorso vale anche per la Lega.
    Il mitico popolo scambia i tweet, gli slogan, le chiacchiere di cui sono prodighi i due leaderini politici per fattualità…Ma li avete mai sentiti i supporter dei due partiti populisti? Per darne un’idea a chi magari vive sommerso dai grafici dei sondaggi, riporto quanto ho sentito non più tardi di due giorni fa da adepti leghisti a proposito della flat-tax: Salvini dovrebbe “metterla giù” in agosto quando non c’è nessuno nei palazzi della politica.Se il futuro di questo Paese sarà quello di essere gestito dai due succitati con il fattivo sostegno di elettori simili…

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...