Il gesto dell’ombrello

:
2 Luglio 2017

Questo weekend oltre al mega concerto di Vasco ha visto anche due importanti (almeno per noi impallinati) eventi politici. A Milano il PD con Matteo Renzi ha cercato di convincerci (e convincersi) che vuole ricostruire un contatto con il paese ripartendo dai circoli, a Roma invece l’happening di Pisapia e Bersani che hanno dato inizio ad un percorso unitario per costruire una proposta valida a sinistra del PD. C’era qualcosa per ognuno con almeno mezzo piede a sinistra, ma già ieri sera più di un osservatore su Facebook faceva notare che sui quei palchi si erano alternati solo uomini. Abbiamo tirato un sospiro e poi guardato Vasco in tv.

Stasera invece circola ovunque la foto della giornata conclusiva della Fonderia d’Abruzzo, una due giorni per discutere dello sviluppo dell’Abruzzo organizzata dal governatore Luciano D’Alfonso e con presenti il ministro Claudio De Vincenti, Stefano Bonaccini e il rettore dell’Università di Teramo. Nelle foto si vedono 7 uomini in camicia e giacca che partecipano ad un dibattito su poltroncine bianche da dancing della riviera adriatica mentre alcune signore li proteggono con un ombrello. Tutti uomini quelli seduti, tutte donne quelle in piedi con l’ombrello.

Capite che nessuno di loro è papa Francesco che dice messa in Mali e qualche concelebrante gli tiene un ombrellino bianco sopra la testa, ed è difficile riconciliare tutto questo con le idee di pari opportunità di cui ci si riempie la bocca. Che poi a ben vedere  il fatto in sé è già piuttosto grave,  ma la cosa davvero preoccupante è che nessuno abbia colto l’inopportunità di uno scenario simile.

Ora non è chiaro se le “ombrelline” fossero volontarie (ovvero compagne di partito o colleghe degli uomini seduti) oppure “hostess” reclutate. Ma non c’è nessuna differenza, in politica certe cose contano e lì sopra doveva esserci anche un maschietto  a reggere gli ombrelli. Per non dire di una donna seduta a parlare.

Vale la pena di sottolineare anche un altro paio di cose, a quanto pare le ombrelline hanno svolto il loro servizio sia di mattina con la pioggia che nel pomeriggio con il sole. Quindi nel mentre nessuno ha avuto da ridire sull’organizzazione del palco.

Infine nessuno degli uomini seduti ha pensato di reggersi l’ombrello da solo, complimenti vivissimi.

TAG: Abruzzo, ombrelli, Pd
CAT: Partiti e politici

4 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. umbertob 3 anni fa

    Nessuno, a parte lei, che abbia avuto niente da dire su questa inquietante fotografia.

    Rispondi 0 0
  2. evoque 3 anni fa

    umbertob Nessuno? Ma se Corriere e Repubblica – ho guardato solo loro – hanno due articoli con annesse geremiadi sulla faccenduola.Perché di faccenduola si tratta. E se poi al Corriere mandi un post un po’ irridente sugli sproloqui circa la parità di genere, la dignità della donna, la “sacralità” femminile, beh non te lo pubblicano. Insomma, eliminiamo dei tabù e subito li sostituiamo con altri. Un bel progresso.

    Rispondi 0 0
  3. evoque 3 anni fa

    Le signore in questione erano volontarie, dunque un atto di cortesia. Niente di più niente di meno. La parità di genere, la dignità femminile. Mi viene in mente però che io non vedo mai giornalisti maschi televisivi che si presentano in studio in pantaloncini, con camicie aperte fino all’ombelico. Mentre nell’universo femminile giornalistico vedi donne strizzate in corpetti che rischiano di far saltare fuori le tette, fasciate in gonne che disegnano le chiappe con tanto realismo che se si spogliassero non si noterebbe neppure la differenza: questa sera ho visto una meteorologa che, per fare le previsioni, si era presentata in short: due dita appena più giù dell’inguine. Come la mettiamo con la parità di genere?

    Rispondi 0 1
  4. marco-baudino 3 anni fa

    Poveretti noi in Italia. Contenuti zero, apparenze e apparizioni i soli casi meritevoli di menzione. Intanto andiamo a… A voi il termine che ritenete, volgare o elegante che voglia essere.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...