il referendum dei pifferi

:
9 Ottobre 2017

Tra due settimane gli elettori del Veneto e della Lombardia saranno chiamati alle urne per esprimersi sul seguente quesito referendario:

“Volete voi che la Regione Lombardia, in considerazione della sua specialità, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all’articolo richiamato?”

Si tratta di un referendum consultivo, con il quale le due giunte regionali chiedono ai loro cittadini il consenso per trattare con lo Stato al fine di ottenere forme e condizioni particolari di autonomia, che non sono specificate nel quesito proposto (e neppure, stranamente, nella propaganda che sta infestando le città lombarde come la mia).

La genericità del quesito e la scarsa efficacia dell’iniziativa (che, in caso di successo, darà solo l’avvio a una lunga trattativa tra le Regioni e lo Stato, dall’esito non scontato) fanno sì che il “Referendum per l’Autonomia” sia una sorta di costosissimo sondaggio di opinione, del tutto inutile per i cittadini – ma assai fruttuoso per chi lo ha promosso.

Innanzitutto, la propaganda referendaria è un gigantesco spot elettorale a favore dei due governatori leghisti, a pochi mesi dai futuri cimenti che li avranno come protagonisti (le regionali lombarde per Maroni, le elezioni politiche per Zaia); inoltre, le urne autonomiste rappresentano una prova di forza della Lega “ortodossa” – quella fedele all’impostazione “secessionista” delle origini – nei confronti del Segretario Salvini e della sua linea sovranista e nazionalista. Infine, il rispolvero della retorica dell’orgoglio nordico può facilitare il dialogo con Forza Italia grazie alla disponibilità del Presidente forzista della Liguria, Toti.

Tutto ciò però può funzionare solo nel caso di un’affluenza consistente: se gli elettori disertassero la consultazione, il Referendum per l’Autonomia si trasformerebbe in un colossale boomerang. In tal caso Zaia e soprattutto Maroni (che per primo ci ha “messo la faccia” e si è anche complicato la vita con l’incomprensibile scelta del “voto elettronico”) allungherebbero la lista dei leader sconfitti in un plebiscito da loro stessi convocato, come è capitato di recente a Cameron e a Renzi: dopo Brexit e #bastaunsì, quello autonomista sarebbe un nuovo referendum dei pifferi (quelli di montagna, s’intende).

In caso di flop, Maroni avrebbe però il mezzo gaudio di condividere la batosta con i suoi competitori: infatti si sono schierati per il sì tanto il Movimento Cinque Stelle che buona parte del Partito Democratico lombardo, capeggiato dal candidato Presidente Giorgio Gori; nessuno di loro potrà quindi rinfacciare a Maroni il fallimento e lo spreco (considerevole) di denaro pubblico in campagna elettorale (occorrerebbe qui aprire una lunga parentesi sul suicidio politico di Gori; mi limito ad ascriverlo all’autolesionistica strategia mimetica del Pd renziano).

E’ difficile dire come andrà a finire, soprattutto per via del “dualismo” tra città e provincia: lo abbiamo visto alle scorse elezioni regionali, quando Ambrosoli (Pd) prevalse nel voto “urbano” ma Maroni si affermò prepotentemente nel “contado”, con un risultato finale vicino alla parità. Anche gli eventi internazionali (il drammatico caso catalano) potrebbero influire in modo imprevedibile; l’unico sondaggio disponibile non dà indicazioni chiare sulla possibile affluenza. Forse, alla fine a prevalere sarà la stanchezza dei cittadini comuni per l’ennesimo voto che non riguarda le loro vite; allora, davveo coloro che vennero per suonare potrebbero finire suonati

(immagine dal sito della Regione Lombardia)

TAG:
CAT: Partiti e politici

7 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. agostino-de-conto 3 anni fa

    Solo qualche precisazione. Il quesito del referendum veneto è leggermente diverso da quello lombardo. Eccolo: “Vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?”. Il referendum consultivo regionale veneto prevede un quorum, quello lombardo no. In Veneto l’astensione avrebbe quindi un effetto sul valore del referendum. Infine la procedura prevista dall’art.116 della Costituzione non prevede il ricorso ad alcun referendum popolare (e infatti l’Emilia-Romagna ha avviato la medesima procedura senza referendum), che quindi è inutile sotto il profilo legale.

    Rispondi 1 0
  2. silvia-bianchi 3 anni fa

    Ringrazio per le precisazioni; effettivamente in Lombardia il quorum non c’è, ma un’affluenza scarsa sarebbe comunque un insuccesso per Maroni, che certamente rischia molto più di Zaia. L’inutilità delle consultazioni sotto il profilo legale è un’ulteriore dimostrazione della strumentalità propagandistica di tutta l’iniziativa

    Rispondi 1 0
  3. evoque 3 anni fa

    Ma che cappero di quesito è: “Volete voi che la Regione Lombardia, in considerazione della sua specialità, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all’articolo richiamato?”?. E’ ovvio che se lo proponi tu – presidente di regione (basta con la cretinata del governatore che mi fa venire l’orticaria) sei dell’avviso che sì la Regione Lombardia necessita di maggiore autonomia. E allora agisci di conseguenza, decidi, visto che ti paghiamo per decidere. E intavola – quattro anni fa però mica in zona Cesarini – le trattative con lo Stato centrale per ottenere maggiore autonomia. Io mi domando che cavolo ci stiano a fare questi politici in posti di grande responsabilità, se poi a ogni stormir di fronde devono sondaggiare i cittadini. E buttare dal Pirellone 50 milioni di soldi pubblici..

    Rispondi 2 0
  4. marco-baudino 3 anni fa

    Evoque scrive bene. Ma gentile Silvia, noto un po’ di “rosico” nelle sue parole… Sta di fatto che il referendum c’è, e’ approvato a dx al centro e a sx, può essere un grande esempio di maturità politica dei Lombardi e un fatto storico di grande portata, per una Italia che ha bisogno di fare qualcosa e in cui i cittadini si diano una mossa. Solo x questo ben venga il referendum. Forse soldi stavolta spesi bene. In una Lombardia che vuole smettere di essere la vacca grassa da essere spremuta dai parassiti Romani e che può rappresentare lo stimolo per cui ogni Italiano di sud centro e nord cominci a rimboccarsi le maniche per dare una svolta a questo disastro Italiano, in cui ogni Italiano e’ messo contro l’altro x interesse di qualcuno che non ho ancora bene individuato.
    Nel frattempo che troviamo una donna, non e’ detto di sinistra, che sappia finalmente unire e governare con la sensibilità che si addice al genere femminile: Thatcher, Merkel solo per fare due nomi di donne capaci. E sottolineo capaci! Non vedo all’orizzonte in Italia donne di tal specie, purtroppo. Ma NEMMENO una!!

    Rispondi 0 0
  5. silvia-bianchi 3 anni fa

    caro sig. Baudino, nessun “rosico”: solo un po’ di dispiacere per i soldi gettati via… quanto alla donna “non di sinistra” che potrebbe governare il Paese, mi viene in mente Emma Bonino, Le potrebbe piacere?

    Rispondi 0 0
  6. silvia-bianchi 3 anni fa

    a Evoque: la giunta regionale lombarda non avrebbe nessun bisogno di “sondaggiare” i cittadini, tant’è che Formigoni intraprese il percorso nel 2007, con Prodi al governo. Questo referendum è solo un costoso spot elettorale

    Rispondi 0 0
  7. marco-baudino 3 anni fa

    Perché no, si candidi. Ma forse e’ un po’ tardi, non crede? Per il resto, resto della mia idea. Il referendum c’è, usiamo lo per dare la sveglia a questa italia, donne e uomini Uniti, sui progetti, su politiche economiche, su iniziative sostenibili, su una politica estera che tuteli il nostro paese… Emma riesce a farlo? W Emma. Il resto, mi scusi Signora, sono solo chiacchiere.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...