La giustizia sommaria contro Paragone

:
4 gennaio 2020

Il processo -se vogliamo impropriamente così definirlo – che ha subito Paragone tradisce l’effettiva anima dei Cinque Stelle: non sono un Movimento, non sono un partito politico uniformato al metodo democratico ed al rispetto del dissenso e delle garanzie per la salvaguardia dei diritti delle minoranze.
Siamo al cospetto di una giustizia sommaria.
Come insegna il Costituente, anche i partiti politici o i Movimenti si devono comunque attenere al metodo democratico (art.49), soprattutto sul piano formale per il rispetto delle garanzie procedimentali.
E questo non è avvenuto nel caso di Paragone.
1-Nella notte del 31 dicembre 2019 (già scegliere questa data la dice lunga) gli è stato notificato il provvedimento di espulsione. Si tratta della sanzione più incisiva e pesante che possa subire un iscritto ad un partito. Ma qui è la prima grave violazione dello Statuto del Movimento Cinque Stelle: il procedimento contro Paragone non nasce in ragione di una denuncia formale, ma come si dice, d’ufficio, come se si trattasse del peggiore delinquente da scovare e catturare perché è fatto notorio che sia tale. Nel caso dell’espulsione, come insegna la migliore dottrina e giurisprudenza, trattandosi della sanzione più grave, deve essere assicurato all’incolpato un contraddittorio ed il processo non può nascere d’ufficio, ma su sollecitazione, denuncia che contenga la descrizione dell’imputazione. Dunque non è stato neppure sentito il senatore Paragone, ma direttamente espulso.
Non rispettando il principio del contraddittorio, ma avviando d’ufficio il detto processo, si può ritenere, senza ombra di dubbio che esso già nasca nullo, perché è lo stesso Statuto dei 5 Stelle che impone una denuncia che non c’è stata, non si riscontra. Espressamente l’art. 11- rubricato procedimento per l’irrogazione delle sanzioni disciplinari- prevede che il processo può essere avviato previa denuncia del Capo Politico, del Comitato di Garanzia o di qualunque iscritto. Il collegio dei Probiviri, invece, si è mosso motu proprio, nessuno ha denunciato il senatore Paragone.
2-Il collegio dei Probiviri deve essere costituito da tre membri, eletti mediante la consultazione in rete, scelti e designati dal Garante in una rosa di cinque.
La norma statutaria prevede che i Probiviri non debbono ricoprire altri incarichi. Nel caso di Paragone, uno dei probiviri è il Ministro Dadone che perciò non può far parte del detto collegio. Invece la medesima, anche se si è astenuta in sede decisionale, comunque ha partecipato alla costituzione del Collegio assicurando che la maggioranza del quorum fosse quella deliberativa, quando, essendo in conflitto di interessi, non avrebbe potuto. Ecco allora che anche per questa ragione l’espulsione di Paragone è nulla. E si tratta di una gravissima violazione, perché il collegio non poteva proprio formarsi, costituirsi. Esso, infatti, non ha l’essenza della terzietà, dell’imparzialità.
Opportunamente nel 2018 Riccardo Fraccaro, nominato Ministro, lasciò la carica di probiviro, cosa che non è avvenuta nel caso della Dadone.
3- Sul piano del merito la decisione è infondata, dal momento che è Paragone, colui che non ha tradito la politica originaria e dei principi del Movimento: la testimonianza è stata resa autorevolmente da Di Battista, uno dei  Capi politici dei Cinque Stelle. Egli ha dichiarato in modo netto, sicuro ed esprimendo la sua preziosa solidarietà: “Gianluigi è infinitamente più grillino di tanti che si professano tali. Non c’è mai stata una volta che non fossi d’accordo con lui. Vi esorto a leggere quel che dice e a trovare differenze con quel che dicevo io nell’ultima campagna elettorale che ho fatto, quella del 33% per cento”.

Paragone va reintegrato: se così non fosse, il Movimento Cinque Stelle non è democratico e le sue decisioni saranno sbugiardate e dileggiate dalla giustizia ordinaria.

TAG: GianLuigi Paragone, movimento 5 stelle
CAT: Partiti e politici

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. evoque 2 settimane fa
    Non capisco questa difesa a oltranza di Paragone. Scusi, ma lei ha mai visto un puntata della Gabbia (in realtà bastava solo un quarto d'ora)? Quella trasmissione era condotta da Paragone. Il termine autorevole associato a uno come Di Battista... E nemmeno si può tirare in ballo il "de gustibus". Non dica che Paragone, nel momento del trasloco dalla Lega al M5s, non sapesse che il M5s era solo espressione della Casaleggio e Associati, che la trasparenza era una illustre figlia di ignoti, che la democrazia dell'uno vale uno era stata ripetutamente sconfessata. Io me ne ero accorto dal lontano 2012. E Paragone no?
    Rispondi 2 1
  2. dionysos41 2 settimane fa
    Ma che senso ha seguire questa questione? Nè il M5S, un movimento verticistico e nient'affatto democratico, né Paragone, un demagogo di spessore minimo, meritano tanto.
    Rispondi 1 0
  3. lina-arena 2 settimane fa
    Concordo con Paragone. E' stato leale e corretto.Il Movimento ha dimostrato di non avere basi solide e serie nè una seria ideologia. Nel 2020 fanno solo paura.
    Rispondi 0 0
  4. lina-arena 2 settimane fa
    Francamente non mi iscriverei al Movimento. E' retto da norme antidemocratiche ed incivili.Non esito a dire anche " pericolose"
    Rispondi 0 0
  5. alding 2 settimane fa
    Ma chi se ne frega di quanto accade nel M5S; tanto è destinato a scomparire, si è trattato di uno spettacolo comico creato dal suo leader da strapazzo, un certo Beppe Grillo ...
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...