Le primarie del centro-sinistra: un flop?

8 Marzo 2016

Il giorno dopo, cosa rimane delle primarie del Pd? O meglio, del centro-sinistra? Una folla di cronisti, commentatori, politici, blogger, minoranze interne al partito e maggioranze delle altre formazioni politiche, uniti nelle critiche. Che sono le seguenti, a seconda dei casi.

1. Il popolo delle primarie non ci crede più: scarsa affluenza alle urne.

2. Le truppe cammellate vengono pagate per andare a votare.

3. Renzi si fa aiutare da Verdini per far passare i propri candidati.

4. Il doppio ruolo premier-segretario di Renzi fa disamorare gli elettori del Pd.

5. La svolta centrista del partito favorisce i candidati di centro e snatura la vera anima dei democratici.

6. C’è forte rischio di inquinamento: cinesi, rom, disoccupati napoletani, rumeni, ecc.

7. Aggiungete a penna qualche altra vostra critica…….

Tutto vero o, quanto meno, tutto verosimile. Le critiche ci stanno. Alla prova dei fatti, forse, l’entusiasmo dei primi anni di primarie è venuto un po’ a mancare. Però, però. In ogni occasione, anche nel passato, le critiche sono piovute per queste o altre ragioni. Non c’è una regolamentazione decente, c’è la possibilità di votare più volte, si gonfiano i numeri perché non esiste un controllo effettivo dei partecipanti.

Insomma, sono primarie del Pd, o dell’area di centro-sinistra. Saranno anche fatti loro se non regolamentano a sufficienza questo tipo di elezione. Non lo fanno forse per poter far vincere chi gli pare? Intanto le cose funzionano, bene o male, da più di un decennio. Nessun’altra forza politica è capace di organizzare una cosa del genere, né ha la trasparenza necessaria per lasciare che i candidati vengano scelti dai cittadini, e non dagli uffici politici. E si tratta ogni volta di decine di migliaia di elettori che, al di là di qualche scemenza locale, fanno a volte lunghe code per poter decidere.

Si è parlato molto di Roma e di Napoli, in questi giorni, e con molte ragioni. Sono le città più importanti, e sono accaduti anche fatti poco simpatici, qua e là. Ma si è votato anche a Bolzano, a Trieste, a Grosseto, a San Benedetto del Tronto, a Battipaglia, a Benevento, a Monserrato, a Castellarano, e in tanti altri comuni sparsi in tutta la penisola. A Milano si è votato un mese fa, in altri posti si voterà tra qualche settimana. E’ un metodo ormai acquisito perché gli elettori di centro-sinistra decidano loro con che candidato andare alla competizione comunale. Ma anche per le regionali, e per le politiche nazionali.

A volte l’affluenza è alta, altre volte è più bassa. Dipende dalla posta in gioco, dal momento politico specifico, dalla voglia di cambiar faccia alla città (come a Milano nel 2010), oppure dal possibile disamoramento di una parte di elettori (come a Roma quest’anno). La storia delle primarie è ormai sedimentata in quell’area politica, anche se la cronaca, a volte, offre qualche elemento negativo su cui puntare la critica degli opinionisti. Ricordate Milano? I cinesi inquinano le elezioni! O la stessa Roma: gli elettori di Verdini faranno vincere Giachetti (ma quanto saranno mai, gli elettori di Verdini nella capitale?).

Però, nonostante tutto, il popolo di centro-sinistra ci va, a votare. Gli altri elettorati, le altre forze politiche fanno ogni tanto cose simili. Si sa: i 5 stelle hanno scelto il loro candidato milanese in circa 500, quello romano in poco più, forse 3mila, ma non si sa esattamente. Il centro-destra non è ancora riuscito a organizzarne di decenti. Cosa sarà meglio, secondo voi?

TAG: primarie centrosinistra
CAT: Partiti e politici

4 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. c-carmelo48 5 anni fa

    Le primarie vanno ben regolamentate e controllate. Vanno fatte. Il resto è aria fritta.

    Rispondi 0 0
    1. enea-melandri 5 anni fa

      Obbligatorie? E chi le paga? Quale forza politica ha le risorse per garantirsi il rientro delle spese sostenute?

      Rispondi 0 0
  2. p-napolitani 5 anni fa

    Dunque ,come cantava qualcuno tutto va ben?

    Rispondi 0 0
  3. evoque 5 anni fa

    30 mila o 50 mila votanti sono un numero davvero considerevole. Vogliamo pensare / far credere che tutti abbiano ricevuto quattrini in cambio di un voto preordinato? A me sembra un segnale positivo, un indicazione sulla voglia di partecipare che, al di là dei numerosi scandali, ancora tante persone conservano.
    I cinquestelle, i diretti concorrenti, che cosa propongono invece?
    A Milano votazioni, non on line, in un unico seggio con circa 300 partecipanti e la designazione della vincitrice grazie a 50 voti. E per conoscere il risultato sono dovuti passare 15 giorni. A Roma, cambio di programma, votazione on line, ma mistero sul numero dei votanti e sulle preferenze. E poi chi certifica la regolarità del voto nel caso dei cinquestelle? Semplice, il controllore che è anche il controllato.

    Rispondi 0 1
CARICAMENTO...