Salvini è un vero leader?

7 giugno 2019

Cosa vuol fare Matteo Salvini da grande? Ruotano tutti intorno alla risposta a questa domanda gli accadimenti politici dei prossimi mesi, se non delle prossime settimane. La Lega ha stravinto le ultime consultazioni europee e, se si votasse domani anche per le politiche, come viene chiaramente mostrato nella simulazione curata da Twig, con risultati simili ci troveremmo di fronte ad uno scenario parlamentare nettamente favorevole al centro-destra, o addirittura ad un semplice accordo Salvini-Meloni.

Dunque, torniamo alla domanda iniziale: cosa impedisce al leader leghista la definitiva rottura con i 5 stelle e un veloce ritorno alle urne, dove ne uscirebbe trionfatore per i prossimi cinque anni? Un voto a settembre si trasformerebbe in un plebiscito in suo favore, forse perfino senza la zavorra di Berlusconi, e gli consentirebbe di fare senza timore una manovra “lacrime e sangue”, in epoca di luna di miele post-elettorale; avrebbe poi l’intera legislatura per farsi perdonare di quella obbligatoria manovra di risanamento. Ce lo impone la UE, dirà, noi siamo costretti per il momento a dargli un po’ retta, ma non preoccupatevi, presto farò a modo mio e tutti i miei figli italiani ne trarranno grande giovamento: meno tasse, più sicurezza, meno immigrati, un paese che decolla. Non ve ne pentirete!

Un leader pronto a comandare a casa propria, pronto a trasformare l’Italia in maniera decisiva, farebbe proprio così, senza farsi pregare. Berlusconi, supportato dai voti alla Europee e dai sondaggi nostrani a lui nettamente favorevoli, non avrebbe aspettato un minuto. Perché poi, si sa, l’elettorato contemporaneo è un po’ lunatico, oltremodo mutevole, volatile. L’esempio di Renzi insegna: se avesse indetto elezioni politiche pochi mesi dopo le Europee del 2014, avrebbe probabilmente stravinto e governato con abbastanza serenità per anni; non lo ha fatto, e la sua fortuna nel giro di un solo biennio è terminata. Complice anche l’anomala alleanza con una parte del centro-destra, che suggeriva una deriva troppo centrista per i suoi agguerriti avversari interni, non ha mai potuto realmente fare esattamente ciò che voleva (purtroppo, per alcuni, o per fortuna, secondo altri).

A Salvini potrebbe capitare la stessa cosa: stretto in un contratto-capestro dal M5s, benché oggi un po’ più asservito, visto il recente tracollo elettorale, le sue iniziative devono per forza di cose subire i tanti “no” di Di Maio o di Toninelli. Alla lunga, gli attuali sostenitori della Lega potrebbero iniziare a voltargli le spalle, stufi di questa costante guerriglia all’interno del governo e delle sue scelte politiche. E potrebbe iniziare anche la sua di crisi, dopo quelle di Berlusconi, di Monti, di Renzi e degli stessi pentastellati.

Se ci pensate, nel giro di meno di un decennio, di potenziali salvatori del paese ne abbiamo avuti già cinque, Salvini compreso, uno ogni due anni circa. E quindi, forse, l’anno prossimo potrebbe anche essere il turno del leader della Lega, sebbene il suo messaggio sia più vicino alle corde della popolazione che non, mettiamo, quello di Monti. Ma il pericolo c’è, più imminente di quanto si potrebbe pensare, soprattutto se il governo è così debole e litigioso.

Dunque, se Salvini vuole continuare a far crescere il proprio appeal, ancora per un po’ di tempo, ma senza mai poter essere realmente decisivo per le sorti del paese, potrebbe accontentarsi di questo ruolo, se questo lo gratifica. Ma sarà davvero così? Salvini è da anni in politica per fare il quasi-leader, per essere amato dalle folle dei selfie e dal 35% degli elettori, senza mai poter governare in prima persona?

Allora, la domanda iniziale è quella che merita una risposta: vuole fare il leader che cambierà il volto e la storia dell’Italia, oppure il semi-leader in compagnia di gente che a lui non piace poi molto, e che potrebbe trascinarlo forse alla sconfitta?

TAG: matteo salvini
CAT: Partiti e politici

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. evoque 2 mesi fa
    Dalli e ridalli: Salvini "ha stra-vinto alle elezioni europee". Davvero? Il 34% corrisponde a stra-vincere? E da quando la matematica è un'opinione? Con il 34% Salvini che fa dove va? Senza tenere conto del fatto che nel cortiletto domestico si può raccontare quel che pare, ma ciò che conta, e parecchio, è che in UE lui e la sua banda di cialtroni contano un piffero. Ma "Salvini ha stra-vinto". Come diceva quello, non c'è che il successo (anche quello creato dagli altri) a fare ancor più successo...
    Rispondi 0 0
  2. mocassino 2 mesi fa
    Se non del tutto giusto, quasi niente sbagliato e, in quel quasi, direi che c'è l'incontrovertibile dato di fatto che la Lega ha raddoppiato le sue percentuali, ha raggiunto cifre di votanti mai viste prima e quindi sì, dire che Salvini ha stra-vinto è falso come può essere falsa una iperbole: un'esagerazione che, però, parte da un dato di fatto innegabile
    Rispondi 0 0
  3. evoque 2 mesi fa
    mocassino Cifre mai viste? Questa l'ho già sentita, per esempio al Tg2 Rai. Peccato che sia una frottola, infatti il Pd di Renzi aveva raggiunto quasi il 41%, sempre alle europee, ma del 2014. E poi qualcuno dice cifre mai viste, e qualcun altro scrive che salvini si è preso l'Italia. Non oso pensare che cosa avrebbero detto e scritto gli stessi di quel 41%. Purtroppo in Italia manca l'informazione di qualità. O se c'è è molto minoritaria.
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...